Santo del giorno > BEATO SALVATORE LILLI

22 Novembre
partì nel 1873 per i Luoghi Santi della Palestina per restarvi come missionario


Ecco un’altra vittima dell’integralismo musulmano e un altro martire appartenente all’Ordine Francescano.
Salvatore Lilli nacque a Cappadocia in provincia de L’Aquila, il 19 giugno 1853 e vestì l’abito francescano il 24 luglio 1870, nel convento di Nazzano (Roma); emise la sua professione religiosa il 6 agosto 1871. A seguito della soppressione degli Ordini Religiosi da parte del governo italiano, Salvatore da Cappadocia, questo il suo nome da frate, partì nel 1873 per i Luoghi Santi della Palestina, per restarvi come missionario. Nel convento di Betlemme proseguì nello studio della filosofia, che aveva già iniziato a Castelgandolfo, facendosi ammirare per la sua vita di perfetto claustrale. Il 6 agosto 1874 fu trasferito nel convento del S. Salvatore a Gerusalemme, per completare gli studi in teologia, venendo ordinato sacerdote il 6 aprile 1878.

Prestò il suo servizio per due anni, nelle basiliche custodite dai francescani, venendo poi inviato a Marasc nell’Armenia Minore, dove per 15 anni espletò con passione il suo apostolato. La sua opera fu vasta e densa di risultati; i confessionali sempre affollati e le comunioni molto frequenti anche nei giorni feriali; riallacciò buoni rapporti con le persone più eminenti della città, cattoliche, ortodosse, turche; eresse una nuova cappella, inaugurata il 4 ottobre 1893 e con le offerte dei benefattori, acquistò un grande terreno e molti attrezzi agricoli per lavorarlo.

Nel novembre 1890, a Marasc scoppiò il colera e lui per 40 giorni assisté da solo i colpiti dal morbo, senza esserne miracolosamente contagiato. Padre Salvatore nel 1894 fu nominato parroco e superiore dell’ospizio di Mugiukderesi e qui fu raggiunto dai rivolgimenti politici del 1895, quando i turchi effettuarono tanti massacri, specie tra i cattolici armeni. Fu sollecitato più volte dai confratelli, presenti in altri luoghi più sicuri, di rifugiarsi presso di loro, ma egli rispose: “Dove sono le pecore, lì deve restare il pastore”, fu ferito dai soldati che aveva accolto con tanta benevolenza. Il 22 novembre 1895, fu arrestato con altri dodici cristiani e condotto a Marasc; lungo il viaggio vennero più volte invitati a rinnegare la religione cattolica e a darsi alla fede di Maometto, se volevano salvare la vita. Al loro deciso rifiuto, furono uccisi con crudeltà a colpi di baionetta e i loro corpi furono dati alle fiamme, in una zona chiamata Mujuk-Deresi. I nomi di sette dei dodici fedeli armeni martiri insieme a padre Salvatore Lilli sono: Baldji Ohannès, Khodianin Kadir, Kouradji Tzeroum, Dimbalac Wartavar, Ieremias Boghos, David Oghlou, Toros David; degli altri non si conosce il nome.

Sono stati beatificati da papa Giovanni Paolo II il 3 ottobre 1982.







Articoli correlati


29/05/2017  09:30
Testimone di Cristo, sempre e comunque
Visita del Card. Ernest Simoni alla Porziuncola

19/05/2017  12:43
L’Islam: E noi?
Tavola rotonda, per conoscersi e incontrarsi

11/05/2017  11:10
Raimondo Lullo sui passi di san Francesco
Per annunciare il Vangelo

28/04/2017  09:57
In Egitto le parole di san Francesco al Sultano
Chiese come sommo dono quello di essere ascoltato

17/04/2017  18:57
I mussulmani tra Francesco d’Assisi e Raimondo Lullo
Per evitare lo scontro d’ignoranza

25/02/2017  08:30
Santità eroica e dottrina eminente di Raimondo Lullo
Cardinale Angelo Amato: “Fu teologo per la missione, non di professione”