MERCOLEDÌ della IV sett. di Pasqua S. MARCO, evangelista – FESTA (rosso)
mercoledì, 25 aprile 2018
Cel. euc. di p. Mauro Gambetti, Custode Sacro Convento 18 Giu 2016

Che cosa guarda il Crocifisso?

Questa mattina il cinquecentesco coro ligneo della chiesa di San Damiano si è tinto di nero: il nero dei sai dei frati minori conventuali che hanno partecipato alla celebrazione eucaristica delle 7:30, presieduta dal Custode del Sacro Convento, p. Mauro Gambetti. Se in questi giorni è più volte risuonato l’invito a lasciarsi toccare dallo sguardo del Crocifisso, nella sua omelia p. Mauro ha voluto tratteggiare il contenuto di questo sguardo di Gesù su di noi. Che cosa guarda, che cosa vede Gesù crocifisso e risorto in noi?

Anzi tutto vede la nostra dignità, la dignità di creature fatte a immagine e somiglianza di Dio; una dignità inalienabile, incancellabile, che niente, neppure il nostro peccato, può intaccare.

Il Crocifisso vede anche la nostra miseria. Vede la nostra doppiezza, l’ipocrisia, la distanza tra ciò che siamo e ciò mostriamo di noi stessi. Vede la nostra brama, di cose e più ancora di persone, di affetto, di stima; l’illusione che qualcosa o qualcuno possa appagarci pienamente. Vede le nostre “mani sporche di sangue”, il sangue dei fratelli che uccidiamo coi nostri giudizi, la mormorazione, il disprezzo.

Tutto questo il Crocifisso guarda in noi, con amore misericordioso. Proprio perché guarda tutto questo con amore, ci rivolge la parola del Vangelo di oggi (Mt 6, 24-34): «Nessuno può servire due padroni, perché o odierà l’uno e amerà l’altro, oppure si affezionerà all’uno e disprezzerà l’altro. Non potete servire Dio e la ricchezza».

Torna alla mente la voce del “sogno di Spoleto”: «Ma la voce insiste e gli domanda chi ritiene possa essergli più utile, il servo o il padrone. “Il padrone”, risponde Francesco. “E allora – riprende la voce – perché cerchi il servo in luogo del padrone?”» (FF 587).

Continua Gesù: «Perciò io vi dico: non preoccupatevi per la vostra vita, di quello che mangerete o berrete, né per il vostro corpo, di quello che indosserete […] E per il vestito, perché vi preoccupate? […] Non preoccupatevi dunque dicendo: “Che cosa mangeremo? Che cosa berremo? Che cosa indosseremo?”. Di tutte queste cose vanno in cerca i pagani. Il Padre vostro celeste, infatti, sa che ne avete bisogno. Cercate invece, anzitutto, il regno di Dio e la sua giustizia, e tutte queste cose vi saranno date in aggiunta. Non preoccupatevi dunque del domani, perché il domani si preoccuperà di se stesso. A ciascun giorno basta la sua pena».

Un Vangelo che certo ha segnato l’esperienza di Francesco qui a San Damiano, fino alla scelta di restituire al padre Pietro di Bernardone non solo il danaro, ma anche i vestiti.

Scegliere di servire Dio apre orizzonti impensabili di libertà: “Non preoccupatevi!”. La priorità della nostra vita non è il cibo, e neppure la gloria (rappresentata dalle vesti sontuose): quante cose facciamo in cerca di qualche piccola o grande gloria! Gesù indirizza il nostro bisogno e il nostro desiderio verso ciò che realmente può appagarci: il Regno di Dio e la sua giustizia.



Crocifisso di San Damiano Mauro Gambetti

Articoli correlati

17 Apr 2018

“Terre Moti”: inaugurata la mostra al Sacro Convento

Visitabile fino ad ottobre 2018
14 Apr 2018

Giornata di preghiera e di riflessione per la pace in Siria: venerdì 27 aprile

Lettera aperta da Assisi al Segretario Generale delle Nazioni Unite
05 Mar 2018

Assisi per la Terra Santa

Appello di Vescovo, Sindaco e Famiglie Francescane al Governo Israeliano
08 Dic 2017

Piena di Grazia, tutta bella sei

Canto dell’Akathistos alla Porziuncola
25 Nov 2017

L’Ave Maria con San Francesco

Solennità dell’Immacolata alla Porziuncola
28 Ott 2017

SemiVivi

Al via il 38° Convegno nazionale «Giovani verso Assisi»
Leggi altre notizie dallo speciale

25 Apr 2018

Il Santuario più bello che c’è!

Da quanti anni conosci il santuario della Porziuncola? So che per te ha avuto un ruolo decisivo nel tuo cammino vocazionale, puoi raccontarci qualche tratto di quel tempo della tua vita? Sì, giusto qualche tratto. Diciamo subito che io appartengo a quegli operai dell’ultima ora di cui si parla nella parabola...