II DOMENICA DI QUARESIMA (viola)
domenica, 25 febbraio 2018
A lei tutta la Chiesa è debitrice 04 Ago

Chiara, donna coraggiosa e ricca di fede

Benedetto XVI, in un omaggio alle donne, che «coraggiose» offrono «un decisivo impulso per il rinnovamento della Chiesa», tra le altre, ha presentato la figura di Santa Chiara d’Assisi, «una delle sante più amate». La sua testimonianza, ha sottolineato, «ci mostra quanto la Chiesa tutta sia debitrice a donne coraggiose e ricche di fede come lei, capaci di dare un decisivo impulso per il rinnovamento della Chiesa».

Chiara vissuta nel 1200, ha ricordato il Papa, di famiglia nobile e aristocratica, a 18 anni, destinata al matrimonio, «con un gesto audace, ispirato dal profondo desiderio di seguire Cristo e dall’ammirazione per Francesco», suo contemporaneo, lascia la casa paterna, e con l’amica Bona di Guelfuccio raggiunge segretamente i frati minori alla Porziuncola, e da lì a breve si trasferisce nella chiesa di San Damiano, dove in un piccolo convento, resta per oltre 40 anni fino alla morte, nel 1253, praticando «in modo eroico le virtù che dovrebbero contraddistinguere ogni cristiano», ha raccomandato il Santo Padre: ovvero «l’umiltà, lo spirito di pietà e di penitenza, la carità».

«Pur essendo la superiora, ella voleva servire in prima persona le suore malate, assoggettandosi anche a compiti umilissimi: la carità, infatti, supera ogni resistenza e chi ama compie ogni sacrificio con letizia».

L’amicizia di Chiara e Francesco, come quella tra molti Santi nella storia della Chiesa è «un aspetto bello e importante: quando due anime pure e infiammate dall’amore di Cristo s’incontrano, traggono dall’amicizia uno stimolo per percorrere la strada della perfezione», diventando «realmente un solo spirito».

Un tratto caratteristico della spiritualità francescana, cui Chiara fu molto sensibile, è «la radicalità della povertà associata alla fiducia totale nella provvidenza divina» tanto che ottenne dal Papa il “privilegium paupertatis”. Questo, ha spiegato Benedetto XVI, fa capire come «anche nel Medioevo il ruolo delle donne non fosse secondario ma considerevole». Chiara è anche «la prima donna nella storia della Chiesa che ha composto una regola scritta sottoposta all’approvazione del Papa, perché il carisma di Francesco d’Assisi fosse conservato in tutte le comunità femminili che si andavano stabilendo numerose già ai suoi tempi e che desideravano ispirarsi all’esempio di Francesco e di Chiara», che seppero trarre «dalla reciproca amicizia uno stimolo fortissimo per percorrere la via della perfezione».

Come Chiara e le sue compagne, ha proseguito il Papa, «innumerevoli donne nel corso della storia sono state affascinate dall'amore per Cristo» e «la Chiesa tutta, per mezzo della mistica vocazione nuziale delle vergini consacrate, appare ciò che sarà per sempre: la sposa bella e pura di Cristo».

La vita di Chiara è segnata da alcuni eventi prodigiosi, come l’allontanamento dei saraceni «tramite la sola ostensione del Santissimo Sacramento». Benedetto XVI ha infine sottolineato che «sono i Santi che cambiano il mondo in meglio e lo trasformano in modo duraturo, immettendo le energie che solo l’amore ispirato dal Vangelo può suscitare. I santi sono i grandi benefattori dell’umanità», che «parlano al nostro cuore e ci offrono un esempio di vita cristiana da imitare».

Vedi anche:



Benedetto XVI Donna coraggiosa Riflessioni Santa Chiara

Articoli correlati

12 Feb 2018

R come Regola di santa Chiara

La prima Regola per donne scritte da una donna
07 Feb 2018

La famiglia, prima comunità cristiana, scuola di vita e di fede dei giovani

Intervento di mons. Vincenzo Paglia ad Assisi
14 Gen 2018

Una Basilica per Santa Chiara

Alla scoperta della chiesa che ne custodisce il corpo
07 Gen 2018

Grazie, Chiara!

Il Dono, l’accoglienza e l’impegno
16 Dic 2017

Un cuore carico di amore

Chiara e la contemplazione di Gesù Bambino
10 Dic 2017

Chiara, figlia della Chiesa

Donna in relazione, con riverenza, rispetto e amore
21 Feb 2018

Umili per grazia come il Signore lo è per natura

Il beato Francesco Spinelli (1853-1913) ha vissuto la sua vita quale affezione a Gesù che manifesta la sua umiltà nell'Eucaristia. Monsignor Paolo Martinelli commentando le Conversazioni Eucaristiche del sacerdote lombardo ha evidenziato come tale aspetto denoti una assonanza con la spiritualità francescana. Come può colui che è nel tempo imitare...