News > Commento alla Parola della III Domenica di Avvento - Anno B

09/12/2011 07:43
di fr Bruno Pennacchini, ofm


LETTURE: Is 61,1-2a.10-11 • Sal da Lc 1 • 1Ts 5,16-24 • Gv 1,6-8.19-28

La terza domenica d’Avvento è chiamata tradizionalmente “Gaudete”, ossia “Rallegratevi”. Il titolo le viene dall’introito della Messa. L’introito è il canto di ingresso, che la liturgia utilizza fin dall’antichità. Molti non hanno familiarità con questo canto, perché solitamente oggi si utilizzano altri canti per l’ingresso dei celebranti all’altare. Il testo, preso dalla lettera di Paolo Apostolo ai cristiani di Filippi, dice: “Rallegratevi nel Signore sempre; ve lo ripeto, rallegratevi…il Signore è vicino”(Fil.4,4). Il termine “Rallegrarsi” è lo stesso adoperato dall’arcangelo Gabriele quando salutò la Vergine Maria; egli motivò il saluto annunciandole: “il Signore è con te”. Paolo lo motiva affermando: “il Signore è vicino”. L’interpretazione più ovvia di queste  parole sembrerebbe  essere: state contenti, ché fra poco è Natale. In realtà le parole di Paolo va ben oltre: la vicinanza costante di Dio alla vita dei credenti li spinge a rallegrarsi. Sapere che Dio non è lontano dalla vita di ciascuno, dalle realtà quotidiane, dai problemi, dalle sofferenze, è la vera, buona notizia di oggi per noi, dentro cui sonnecchia spesso il sospetto: ma Dio, dov’è? Veramente si interessa delle nostre beghe piccole e grandi?

L’invito a rallegrarsi percorre tutta la liturgia odierna. Nella prima lettura, il profeta Isaia, anticipando il futuro Messia, annuncia ai Giudei tornati dall’esilio babilonese, di essere mandato “a portare un lieto annuncio ai miseri, a fasciare le piaghe dei cuori spezzati, a proclamare la libertà degli schiavi…”(61,1). Più avanti evoca una festa di matrimonio, in cui l’abbigliamento festivo dello sposo e della sposa diventano simbolo dell’esultanza per la vicinanza di Dio, che  salva e rende giusti. A sentire questo annuncio, l’assemblea festiva, prendendo a prestito il cantico della Vergine Maria, acclama alla parola ascoltata: “La mia anima esulta nel mio Dio”.

Nella seconda lettura, oggi ascoltiamo Paolo che scrive una lettera ai cristiani di Tessalonica, (scritta alcuni anni prima di quella ai cristiani di Filippi) dove raccomanda loro: “Rallegratevi sempre, pregate ininterrottamente, in ogni cosa rendete grazie”(1Tes.5,16). La gioia, la preghiera, la gratitudine sono strettamente intrecciate. La gratitudine è all’inizio di ogni gioia. La pretesa, che non conosce la gratuità, è la radice di ogni amarezza. La preghiera ininterrotta non si identifica ovviamente con lo stare sempre in chiesa o con il rosario in mano, ma piuttosto con il vivere, avendo Dio come riferimento assoluto e definitivo, e grati per ogni avvenimento, che  ha sempre un misterioso legame con Lui. E continua: “Non spegnete lo Spirito, non disprezzate le profezie”. Non si tratta di profezia nel senso di predizione del futuro, ma della capacità, di interpretare il presente alla luce della Suo disegno di salvezza. Ma li impegna anche ad una grande apertura mentale e ad una altrettanto seria capacità di discernimento. “Vagliate ogni cosa e tenete ciò che è buono”. Vale a dire: i cristiani sono chiamati a non ignorare quanto accade nel mondo, alle novità culturali, alle scoperte…, ma nello stesso tempo hanno il compito di saperli valutare criticamente.  E conclude: Dio, che è assolutamente affidabile, oltre a chiamarvi, realizzerà tutto questo.

Nella terza lettura, l’evangelista Giovanni oggi sostituisce Marco. I primi 3 versetti fanno parte del Prologo (Gv.1,6-8), gli altri (1,19-28) chiudono il primo capitolo. Il Prologo del Vangelo secondo Giovanni parla della Parola Eterna del Padre, che entra nella storia, come Luce e Vita, uomo tra gli uomini. Era però necessario, che un momento prima della sua comparsa, qualcuno venisse ad annunciarlo e darne testimonianza al mondo. Toccò a Giovanni, figlio di Zaccaria, che abbiamo  già incontrato la scorsa domenica. Oggi se ne sottolinea il ruolo di testimone della Luce “Non era lui la Luce, ma doveva rendere testimonianza alla Luce” (1,8). A proposito di testimonianza, l’evangelista riporta una sorta di “verbale interrogatorio”. Le autorità costituite, venute da Gerusalemme, lo interrogano sulla sua identità, mentre svolgeva il compito di battezzatore lungo la riva sinistra del Giordano. “Tu, chi sei?” Gli domandarono. Egli, dopo aver negato di essere il messia, o il grande profeta atteso, o Elia redivivo, dichiara di essere “Voce di uno che grida nel deserto:  rendete dritta la via del Signore”. Ma gli interroganti, sempre attenti alla correttezza della ritualità, non si accontentarono della risposta e vollero sapere come  mai si permetteva di battezzare, lui che  era solo “una voce”. A questo punto Giovanni dà il grande annuncio: Gesù è già presente nel mondo, a loro insaputa. “In mezzo a voi c’è Uno che voi non conoscete”. Anche oggi Gesù è presente nel mondo all’insaputa dei più.

fr Bruno Pennacchini, ofm
Il testo è scritto per il settimanale cattolico dell'Umbria "La Voce"

Torna alla pagina principale dei commenti.





Articoli correlati


21/09/2014  17:37
Tu, Signore Gesù, con noi sei molto buono
Omelia della XXV DOMENICA del T.O. - di p. Vittorio Viola

21/09/2014  
SAN MATTEO APOSTOLO
Gesù gli disse 'Seguimi', ed egli lo seguì

12/09/2014  23:58
Veglia di preghiera in preparazione alle Professioni Solenni
Il Vangelo della Grazia: fonte di salvezza, di stupore, di fede, di libertà e di speranza

11/09/2014  12:00
Nelle ferite del mondo una Parola di Pace
Insieme a La Verna per invocare la pace in Medio Oriente

24/07/2014  09:58
Commento alla Parola della XVII DOMENICA del T.O.
di fr Bruno Pennacchini, ofm

19/07/2014  09:37
Commento alla Parola della XVI DOMENICA del T.O.
di fr Bruno Pennacchini, ofm