News > Cosa vuole Dio oggi da me?

01/02/2017 10:25
Fare ogni cosa mossi dallo Spirito Santo


Come distinguere “lo Spirito di Dio” dallo “spirito del mondo”?

San Paolo dà un criterio oggettivo di discernimento, lo stesso che aveva dato Gesù: quello dei frutti. Le “opere della carne” rivelano che un certo desiderio viene dall’uomo vecchio peccaminoso, “i frutti dello Spirito” rivelano che viene dallo Spirito.

A volte però questo criterio oggettivo non basta perché la scelta non è tra bene e male, ma è tra un bene e un altro bene e si tratta di vedere qual’è la cosa che Dio vuole, in una precisa circostanza. Fu soprattutto per rispondere a questa esigenza che sant’Ignazio di Loyola sviluppò la sua dottrina sul discernimento.

Egli invita a guardare soprattutto una cosa: le proprie disposizioni interiori, le intenzioni che stanno dietro a una scelta.

Sant’Ignazio ha suggerito dei mezzi pratici per applicare questi criteri. Uno è questo.

Quando si è davanti a due possibili scelte, giova soffermarsi prima su una, come se si dovesse senz’altro seguire quella, rimanere in tale stato per un giorno o più; quindi valutare le reazioni del cuore di fronte a tale scelta: se dà pace, se si armonizza con il resto delle proprie scelte; se qualcosa dentro di te ti incoraggia in quella direzione, o al contrario se la cosa lascia un velo di inquietudine … Ripetere il processo con la seconda ipotesi.

Il tutto in un clima di preghiera, di abbandono alla volontà di Dio, di apertura allo Spirito Santo.

Una abituale disposizione di fondo a fare, in ogni caso, la volontà di Dio, è la condizione più favorevole per un buon discernimento. Gesù diceva: “Il mio giudizio è giusto, perché non cerco la mia volontà, ma la volontà di colui che mi ha mandato” (Gv 5, 30).

Il pericolo, in alcuni modi moderni di intendere e praticare il discernimento, è di accentuare a tal punto gli aspetti psicologici, da dimenticare l’agente primario di ogni discernimento che è lo Spirito Santo. C’è una profonda ragione teologica di ciò. Lo Spirito Santo è lui stesso la volontà sostanziale di Dio e quando entra in un’anima “si manifesta come la volontà stessa di Dio per colui nel quale si trova”.

Il frutto concreto di questa meditazione potrebbe essere una rinnovata decisione di affidarci in tutto e per tutto alla guida interiore dello Spirito Santo, come per una sorta di “direzione spirituale”. Anche noi, non dobbiamo intraprendere nulla se non è lo Spirito Santo a muoverci e senza averlo consultato prima di ogni azione.

Ne abbiamo il più luminoso esempio nella vita stessa di Gesù. Egli non intraprese mai nulla senza lo Spirito Santo. Con lo Spirito Santo andò nel deserto; con la potenza dello Spirito Santo ritornò e iniziò la sua predicazione; “nello Spirito Santo” si scelse i suoi apostoli; nello Spirito pregò e offrì se stesso al Padre. San Tommaso parla di questa conduzione interiore dello Spirito come di una specie di “istinto proprio dei giusti”: “Come nella vita corporale il corpo non è mosso se non dall’anima che lo vivifica, così nella vita spirituale ogni nostro movimento dovrebbe provenire dallo Spirito Santo”.

È così che agisce la “legge dello Spirito”; questo è ciò che l’Apostolo chiama un “lasciarsi guidare dallo Spirito”. Dobbiamo abbandonarci allo Spirito Santo come le corde dell’arpa alle dita di chi le muove.

Come bravi attori, tenere l’orecchio proteso alla voce del suggeritore nascosto, per recitare fedelmente la nostra parte nella scena della vita. È più facile di quanto si pensi, perché il nostro suggeritore ci parla dentro, ci insegna ogni cosa, ci istruisce su tutto.

Basta a volte una semplice occhiata interiore, un movimento del cuore, una preghiera.

Di un santo vescovo del II secolo, Melitone di Sardi, si legge questo bell’elogio che vorrei si potesse ripetere di ognuno di noi dopo morte: “Nella sua vita fece ogni cosa mosso dallo Spirito Santo”.







Articoli correlati


12/09/2017  08:47
Una preghiera infallibile
Quella dello Spirito Santo in noi

02/09/2017  21:34
La storia di salvezza inizia dentro una migrazione
Da Abramo a San Paolo la Parola di Dio intreccia l'attualità

09/08/2017  09:10
Chiara, silenziosa parola di vita per la Chiesa
Omelia del card. Ratzinger ad Assisi

08/08/2017  09:35
Chiara, pianticella di Francesco
L’amicizia trasfigurata dalla Grazia

04/08/2017  17:29
Chiara, donna coraggiosa e ricca di fede
A lei tutta la Chiesa è debitrice

25/07/2017  11:18
Mi stringi a TE con legami d’AMORE
Settimana di discernimento vocazionale alla vita consacrata