News > Enzo Bianchi: Vivere il Perdono

20/07/2014 12:55
Per lo tuo amore... verso il Giubileo del Perdono del 2016


Basilica Papale di Santa Maria degli Angeli
in Porziuncola
- Assisi - Pg

Teatro delle Stuoie della Domus Pacis

1 agosto 2014

In occasione della Festa del Perdono di Assisi e nella prospettiva più ampia del Giubileo del Perdono del 2016 (gli 800 anni dall'istituzione dell'Indulgenza per la Porziuncola richiesta da san Francesco a Papa Onorio III), dopo lo straordinario intervento dello scorso anno di Massimo Cacciari, un altro noto pensatore contemporaneo, Enzo Bianchi, priore della Comunità di Bose, sarà ospite del Santuario della Porziuncola per farci riflettere sul significato più profondo e attuale del Perdono.

Nel suo recente testo dedicato proprio al Perdono, Enzo Bianchi scrive: «Chi è arrivato a perdonare sa che questo è un cammino lungo e faticoso, compiuto a caro prezzo poiché deve fare i conti con il problema del male. Di fronte ad esso le differenti vie religiose percorse dall’umanità hanno percepito che l’unica cosa seria che si può fare è “soffrire insieme”, praticare la compassione. Essa, anche secondo la rivelazione ebraico-cristiana, è l’unica risposta sensata che l’uomo può dare davanti alla sofferenza. Questo sentimento, questa passione, da assumere in primo luogo nelle relazioni interpersonali, non si può limitare a tale dimensione, ma deve aprire una strada a livello sociale e anche politico ed economico». Il perdono è dunque una vera e propria opportunità. Anche Francesco d'Assisi ha cercato di offrire insistentemente ai suoi confratelli e alla società di allora questa occasione di conversione e di crescita. La sua insistenza infatti su questo tema è nota, in specie il suo carattere decisivo in ordine alla fraternità. Emblematiche le sue parole rivolte ad un superiore: «E ama coloro che agiscono con te in questo modo, e non esigere da loro altro se non ciò che il Signore darà a te. E in questo amali e non pretendere che diventino cristiani migliori. E questo sia per te più che stare appartato in un eremo.?E in questo voglio conoscere se tu ami il Signore ed ami me suo servo e tuo, se ti diporterai in questa maniera, e cioè: che non ci sia alcun frate al mondo, che abbia peccato, quanto è possibile peccare, che, dopo aver visto i tuoi occhi, non se ne torni via senza il tuo perdono, se egli lo chiede; e se non chiedesse perdono, chiedi tu a lui se vuole essere perdonato. E se, in seguito, mille volte peccasse davanti ai tuoi occhi, amalo più di me per questo: che tu possa attrarlo al Signore; ed abbi sempre misericordia per tali fratelli» (Francesco d’Assisi, Lettera ad un ministro).

La conferenza si terrà alla Domus Pacis, del teatro delle Stuoie il Primo agosto alle ore 17.00.

La partecipazione è libera fino ad esaurimento posti.

Informazioni:
Opera della Porziuncola
Tel.: 0758051430
info@porziuncola.orgwww.porziuncola.org


Enzo Bianchi

Enzo Bianchi è nato a Castel Boglione (AT) in Monferrato il 3 marzo 1943. Dopo gli studi alla Facoltà di Economia e Commercio dell’Università di Torino, alla fine del 1965 si è recato a Bose, una frazione abbandonata del Comune di Magnano sulla Serra di Ivrea, con l’intenzione di dare inizio a una comunità monastica. Raggiunto nel 1968 dai primi fratelli e sorelle, ha scritto la regola della comunità. È a tutt’oggi priore della comunità la quale conta un’ottantina di membri tra fratelli e sorelle di cinque diverse nazionalità ed è presente, oltre che a Bose, anche a Gerusalemme (Israele), Ostuni (BR) Assisi (PG) e Cellole- San Gimignano (SI). Nel 1983 ha fondato la casa editrice Edizioni Qiqajon che pubblica testi di spiritualità biblica, patristica, liturgica e monastica. Nel 2000 l’Università degli Studi di Torino gli ha conferito la laurea honoris causa in “Scienze Politiche”. Membro del Consiglio del Comitato cattolico per la collaborazione culturale con le Chiese ortodosse e orientali del Pontificio Consiglio per la promozione dell’unità dei cristiani, ha fatto parte della delegazione nominata e inviata da papa Giovanni Paolo II a Mosca nell’agosto 2004 per offrire in dono al patriarca Aleksij II l'icona della Madre di Dio di Kaza?. Ha partecipato come "esperto" nominato da papa Benedetto XVI ai Sinodi dei vescovi sulla Parola di Dio (ottobre 2008) e sulla Nuova evangelizzazione per la trasmissione della fede cristiana (ottobre 2012). Nel 2009 ha ricevuto il “Premio Cesare Pavese” e il “Premio Cesare Angelini” per il libro Il pane di ieri.







Articoli correlati


24/06/2016  11:02
Le ispirazioni della vita nello Spirito Santo
Una mentalità battesimale

24/06/2016  
Essere fratelli nell’esperienza umana e nel Nuovo Testamento
Esercizi spirituali per Coppie e Famiglie

23/06/2016  17:04
L’estate è kairòs
Ossia tempo favorevole!

19/06/2016  17:16
XIX Congresso Nazionale Pueri Cantores
Festival di Voci, ad Assisi, dal 15 al 17 Luglio 2016

17/06/2016  12:09
RaccontAssisi 2016
Racconta e Regala un soggiorno alla Domus Pacis

01/06/2016  12:03
I frati della Porziuncola in pellegrinaggio a Viterbo
A conclusione dei ritiri mensili