News > Festa del Voto 2011

18/06/2011 17:06
Programma delle celebrazioni

Festa del Voto 2011
Festa del Voto 2011

Il 22 giugno, la città di Assisi celebra l'annuale Festa del Voto in memoria della liberazione dall'esercito saraceno per l'intercessione orante di Santa Chiara. Quest'anno la processione, che partirà dal centro della città per raggiungere la Basilica di Santa Chiara e concludersi al Santuario di San Damiano, sarà arricchita dalla consegna del decreto presidenziale attraverso cui entra in vigore il nuovo stemma della Città di Assisi a cui seguirà la benedizione del nuovo gonfalone.

Programma:
Ore 5,45 Suono delle Chiarine di Assisi
Ore 6,00 Suono a festa della campana delle Laudi e delle altre campane della Città per ricordare la liberazione di Assisi dall'assalto dei Saraceni
Ore 18,30 Palazzo Municipale - Sala Conciliazione Cerimonia di consegna del decreto con cui il Presidente della Repubblica ha concesso alla Città di Assisi lo stemma, il gonfalone e la bandiera civica.
Ore 20,30 Piazza S. Rufino
Partenza del Corteo religioso che si unirà, sulla Piazza del Comune, a quello civile
Piazza del Comune
Lettura dell'ordinanza del Consiglio Comunale con cui il 26 maggio 1644 veniva istituita la "Festa del Voto"
Saluto del Sindaco
Benedizione del nuovo gonfalone della Città di Assisi
Ore 20,45 Basilica di S. Chiara
Saluto delle Clarisse
Omaggio floreale del Sindaco
Ore 21,40 Santuario di S. Damiano
Offerta dei ceri e dell'incenso da parte del Sindaco Celebrazione di Compieta Esortazione del Vescovo Saluto del Ministro Provinciale dei Frati Minori dell'Umbria

 

...In altro tempo Vitale d'Aversa, uomo assetato di gloria e coraggioso in battaglia, guidò l'esercito, di cui era capitano, contro Assisi. Per la qual cosa spogliò la contrada di alberi, devastò tutte le vicinanze e infine pose stabile assedio alla città. Con minacciose parole dichiara che non se ne andrà in alcun modo di lì, finché non si sia impadronito della città stessa. E già si era pervenuti a tal punto che si temeva imminente la caduta della città.
Quando lo venne a sapere Chiara, serva di Cristo, fu scossa da profondo dolore e, chiamate a sé le sorelle, disse: «Da questa città riceviamo ogni giorno molti beni, carissime figlie: sarebbe grande empietà non portarle soccorso, come possiamo, ora che è il momento opportuno».
Comanda di portare della cenere, comanda alle sorelle di scoprirsi il capo. E lei per prima, scopertosi il proprio, lo cosparge di molta cenere; poi depone la cenere sulla testa delle altre. «Andate dal Signore nostro - dice - e domandategli con tutto il cuore la liberazione della città».
(...) Dio misericordioso, il mattino seguente, dà con la tentazione, anche la via d'uscita: in modo che, tutto disperso l'esercito, anche quell'uomo superbo è costretto ad andarsene, contrariamente ai suoi disegni, e a smettere di tornare oltre quella terra...
da "Leggenda di Santa Chiara" (Fonti Francescane)

Per maggiorni informazioni, rivolgersi a:
Cerimoniale
Tel. 075/8138620
cerimoniale@comune.assisi.pg.it
www.comune.assisipg.it

Festa del Voto 1933





Articoli correlati


14/10/2017  10:14
Nuovi studi su Onorio III
Un tassello per meglio comprendere Francesco e Chiara

13/10/2017  08:06
Ritiri nel monastero Buon Gesù di Orvieto
Proposte per l’anno 2017-2018

12/10/2017  10:04
Il geniale pressing di Chiara
Per la canonizzazione di Francesco d’Assisi

04/10/2017  08:45
La Cappella del “Transito”
di fra Giancarlo Rosati OFM

17/08/2017  09:58
Le Clarisse di Gerusalemme
Festa di Santa Chiara e nuovo sito Web

11/08/2017  13:05
Farsi dimora dell’Altissimo
Omelia del Card. Bassetti per la solennità di Santa Chiara