II DOMENICA DI QUARESIMA (viola)
domenica, 25 febbraio 2018
Suggestiva narrazione della compagnia Teatralba 14 Set

I Fioretti a San Damiano

Vista inusuale per il pellegrino che ieri sera fosse giunto, per caso o in cerca di solitaria quiete, a San Damiano. Buia la piazzetta, ma il portone della chiesa aperto su un portico illuminato da alcune fiaccole; all’interno, pellegrini e amici della fraternità, raccolti nell’ascolto di una lettura teatrale tratta dai celebri Fioretti di san Francesco.

I Fioretti, opera di un anonimo volgarizzatore del XIV secolo, sono traduzione non integrale di una fonte latina, nota come Actus beati Francisci et sociorum eius, del 1327-37. I tantissimi esemplari manoscritti e le decine e decine di edizioni susseguitesi nel tempo testimoniano il fascino ininterrotto di questo scritto, uno dei testi letterari italiani più tradotti nel mondo, che per secoli ha plasmato e continua oggi a plasmare i tratti del santo di Assisi nell’immaginario collettivo.

I Fioretti riportano alcuni episodi isolati della vita di Francesco (e dei suoi primi compagni e di alcuni frati, soprattutto marchigiani) per testimoniare che esiste una possibilità concreta di vivere in pienezza il vangelo, nella sequela di Gesù che diventa conformità a Lui.

Nei Fioretti colpiscono soprattutto l’incanto della narrazione, dove miracolo e meraviglioso avvolgono ogni evento e risolvono tutto in un’atmosfera paradisiaca; ma anche la vivacità e il realismo, che li avvicinano alla coeva letteratura novellistica.

La maestria di Giuseppe Brizi e Matteo Magna, della compagnia Teatralba, ha permesso di riassaporare questo incanto e questa vivacità: Come andando per cammino santo Francesco e frate Leone, gli spuose quelle cose che sono perfetta letizia (VIII); Come frate Masseo, quasi proverbiando, disse a santo Francesco che a lui tutto il mondo andava dirieto (X); Del santissimo miracolo che fece santo Francesco, quando convertì il ferocissimo lupo d’Agobbio (XXI); Come santo Francesco convertì alla fede il soldano di Babilonia e la meretrice che lo richiese di peccato (XXIV); Come santo Frnacesco miracolosamente sanò il lebbroso dell’anima e del corpo (XXV)... La sapiente alternanza di parti narrative e brevi dialoghi, quasi trasfigurati in recitativo dal delicatissimo accompagnamento di melodie medievali al salterio; il suono di un cornetto, di una campanella; il canto di una laude; l’atmosfera suggestiva della chiesetta di San Damiano, nel buio di una fresca serata tardoestiva vinto dal tenue tremolio di alcune candele: questi i semplici ingredienti dell’intensa lettura teatrale, divenuta  vera sacra rappresentazione, momento di ascolto e contemplazione.

 

Vedi il programma e le News di tutta la settimana del Cantico



cantico delle creature fioretti san damiano

Articoli correlati

15 Giu 2017

Sempre più al servizio dei pellegrini

Pubblicato il nuovo sito del Santuario di San Damiano
14 Giu 2017

A San Damiano: le tradizioni sulle Indulgenze, e su altre notiziole

Santa Chiara e la storicità del Perdono
20 Apr 2017

Incontro con il Crocifisso di San Damiano

Riflessioni teologico liturgiche
01 Ott 2016

Celebrazioni al Santuario di San Damiano

In onore di San Francesco
27 Set 2016

L’autorità al servizio dell’umanità

Incontro del Min. gen. con i Definitori, Guardiani e Formatori della Provincia umbra
11 Set 2016

Cantate al Signore un canto nuovo

Concerto di fra Alessandro con l’ensemble Libercantus