News > Il Cantico delle Creature e San Damiano

15/09/2013 17:15
Festa di Perdono e di Ringraziamento


Questa mattina la Comunità dei Frati Minori del Santuario di San Damiano ha celebrato l'annuale Festa del Cantico e del Ringraziamento: l'assemblea costituita da Frati e da religiose e laici "amici" e "vicini" a San Damiano, presieduta dal Ministro Provinciale fr. Bruno Ottavi, si è riunita sul Giardino del Cantico dove Francesco d'Assisi compose il celebre Cantico delle Creature.

In quella suggestiva cornice, con la lettura del brano delle Fonti Francescane con cui è raccontata la nascita del Cantico, ha avuto inizio la celebrazione animata ed impreziosita dalla presenza e dal canto della Corale Porziuncola, accompagnata all'organo dal M° Maurizio Verde OFM e diretta dal M° Matteo Ferraldeschi OFM.

La celebrazione eucaristica è poi proseguita nella cappella di S. Maria del Santuario di San Damiano, dove p. Bruno, durante l'omelia, ha suggerito una connessione tra la figura dei due figli della parabola odierna (del Padre misericordioso o del figlio prodigo) con Francesco d'Assisi, in particolare il Poverello come loro era in casa ma non era di casa, oppure ha sperperato ciò che credeva gli spettasse di diritto, di fatto escludendo il Padre dalla sua vita, come loro non aveva compreso subito di avere un Padre buono, come il prodigo è tornato a casa anche se solo per interesse, ma finendo per scoprire l'amore del Padre Nostro che è nei Cieli, un Perdono che apre al Canto, al Ringraziamento, alla Lode che è tutta rivolta a Dio, anche se per tutte le Sue creature.

Dopo la celebrazione eucaristica ci si è recati nel Chiostro di S. Chiara per la benedizione della grande opera sul Cantico delle Creature, alta 3.20 m e larga 1.80 m, di Jury Montanari (vedi alcuni dettagli) e per l'apertura della 49esima edizione della Mostra della Galleria del Cantico, quest'anno intitolata "tra arte e vita" con l'esposizione di alcune cartule ma anche di documenti e foto inerenti le precedenti edizioni della medesima mostra.

 

Compilatio Assisiensis 43, FF 1591-2.

Francesco soggiornò a San Damiano per cinquanta giorni e più. Non essendo in grado di sopportare di giorno la luce naturale, né durante la notte il chiarore del fuoco, stava sempre nell'oscurità in casa e nella cella. Non solo, ma soffriva notte e giorno così atroce dolore agli occhi, che quasi non poteva riposare e dormire, e ciò accresceva e peggiorava queste e le altre sue infermità.

Come non bastasse, se talora voleva riposare e dormire, la casa e la celletta dove giaceva (era fatta di stuoie, in un angolo della casa) erano talmente infestate dai topi, che saltellavano e correvano intorno e sopra di lui, che gli riusciva impossibile prender sonno; le bestie lo disturbavano anche durante l'orazione. E non solo di notte, ma lo tormentavano anche di giorno; perfino quando mangiava, gli salivano sulla tavola. Sia lui che i compagni pensavano che questa fosse una tentazione del diavolo: e lo era di fatto.

Una notte, riflettendo Francesco alle tante tribolazioni cui era esposto, fu mosso a pietà verso se stesso e disse in cuor suo: «Signore, vieni in soccorso alle mie infermità, affinché io possa sopportarle con pazienza!». E subito gli fu detto in spirito: «Fratello, dimmi: se uno, in compenso delle tue malattie e sofferenze, ti donasse un grande prezioso tesoro, come se tutta la terra fosse oro puro e tutte le pietre fossero pietre preziose e l'acqua fosse tutta profumo: non considereresti tu come un niente, a paragone di tale tesoro, la terra e le pietre e le acque? Non ne saresti molto felice?».

Rispose Francesco: «Signore, questo sarebbe un tesoro veramente grande e incomparabile, prezioso e amabile e desiderabile». La voce concluse: «Allora, fratello, sii felice ed esultante nelle tue infermità e tribolazioni; d'ora in poi vivi nella serenità, come se tu fossi già nel mio Regno».

Alzandosi al mattino, disse ai suoi compagni: «Se l'imperatore donasse un intero reame a un suo servitore costui non ne godrebbe vivamente? Ma se gli regalasse addirittura tutto l'impero, non ne godrebbe più ancora?». E soggiunse: «Sì, io devo molto godere adesso in mezzo ai miei mali e dolori, e trovare conforto nel Signore, e render grazie sempre a Dio Padre, all'unico suo Figlio, il Signore nostro Gesù Cristo e allo Spirito Santo, per la grazia e benedizione così grande che mi è stata elargita: egli infatti si è degnato nella sua misericordia di donare a me, suo piccolo servo indegno ancora vivente quaggiù, la certezza di possedere il suo Regno.

Voglio quindi, a lode di Lui e a mia consolazione e per edificazione del prossimo, comporre una nuova Lauda del Signore per le sue creature. Ogni giorno usiamo delle creature e senza di loro non possiamo vivere, e in esse il genere umano molto offende il Creatore. E ogni giorno ci mostriamo ingrati per questo grande beneficio, e non ne diamo lode, come dovremmo, al nostro Creatore e datore di ogni bene».

E postosi a sedere, si concentrò a riflettere, e poi disse: «Altissimo, onnipotente, bon Segnore...».

Francesco compose anche la melodia, che insegnò ai suoi compagni.

Il suo spirito era immerso in così gran dolcezza e consolazione, che voleva mandare a chiamare frate Pacifico - che nel secolo veniva detto "il re dei versi" ed era gentilissimo maestro di canto -, e assegnargli alcuni frati buoni e spirituali, affinché andassero per il mondo a predicare e lodare Dio.

Voleva che dapprima uno di essi, capace di predicare, rivolgesse al popolo un sermone, finito il quale, tutti insieme cantassero le Laudi del Signore, come giullari di Dio.

Quando fossero terminate le Laudi, il predicatore doveva dire al popolo: «Noi siamo i giullari del Signore, e la ricompensa che desideriamo da voi è questa: che viviate nella vera penitenza».

E aggiunse: «Cosa sono i servi di Dio, se non i suoi giullari che devono commuovere il cuore degli uomini ed elevarlo alla gioia spirituale?». Diceva questo riferendosi specialmente ai frati minori, che sono stati inviati al popolo per salvarlo.

Le Laudi del Signore da lui composte e che cominciano: «Altissimo, onnipotente, bon Segnore », le intitolò: Cantico di fratello Sole, che è la più bella delle creature e più si può assomigliare a Dio. Per cui diceva: «Al mattino, quando sorge il sole, ogni uomo dovrebbe lodare Dio, che ha creato quell'astro, per mezzo del quale i nostri occhi sono illuminati durante il giorno. Ed a sera, quando scende la notte, ogni uomo dovrebbe lodare Dio per quell'altra creatura: fratello Fuoco, per mezzo del quale i nostri occhi sono illuminati durante la notte».

Disse ancora: « Siamo tutti come dei ciechi, e il Signore c'illumina gli occhi per mezzo di queste due creature. Per esse e per le altre creature, di cui ogni giorno ci serviamo, dobbiamo sempre lodare il Creatore glorioso».

Egli fu sempre felice di comportarsi così, fosse sano o malato, e volentieri esortava gli altri a lodare insieme il Signore. Nei momenti che più era torturato dal male, intonava le Laudi del Signore, e poi le faceva cantare dai suoi compagni, per dimenticare l'acerbità delle sue sofferenze pensando alle Laudi del Signore. E fece così fino al giorno della sua morte.

Il testo si può scaricare integralmente e liberamente nella sezione Download del sito.







Articoli correlati


07/11/2017  09:43
San Francesco in Papa Francesco
Una visione inclusiva

22/10/2017  15:00
La Pace nella riconciliazione con Dio e tra gli uomini
Discorso di San Giovanni Paolo II dalla Porziuncola

10/10/2017  10:37
Libertà e Festa
Tre giorni insieme per scoprire la fonte

05/10/2017  10:56
Facciamo la nostra parte, nell’Amore e nella Pace
Celebrazioni per San Francesco d’Assisi alla Porziuncola

04/10/2017  08:45
La Cappella del “Transito”
di fra Giancarlo Rosati OFM

03/10/2017  08:14
Ben venga sorella morte
Dalla vita alla vita eterna