News > La Parabola

09/11/2016 08:31
Strategia comunicativa “obliqua”

Israele, Locanda del buon Samaritano
Israele, Locanda del buon Samaritano

In MISERICORDIA IO VOGLIO,
di Giulio Michelini
dal n. 1/2016 della Rivista Porziuncola

La parabola non è, come si potrebbe credere, una forma semplice di linguaggio. Si lascia comprendere con facilità, ma rappresenta una vera e propria strategia comunicativa che fa leva su almeno sei o sette elementi logici e linguistici di cui mettiamo in rilievo solo i seguenti: agisce in modo “obliquo”, dicendo cioè le cose non in modo “diretto” o violento, ma nella ricerca di uno spazio di libertà nel cuore dell’interlocutore; fa leva sulla capacità dell’altro di immedesimarsi e, alla fine, anche – se necessario – auto-giudicarsi. Un esempio ancor più evidente, rispetto alla parabola del Samaritano, è quello che riguarda il racconto del “figlio prodigo”. Questa parabola non viene narrata da Gesù tanto per parlare della misericordia del Padre, quanto piuttosto per far riconoscere a coloro che lo giudicano i gravi errori che compiono. Anche in questo caso, ovviamente, non si deve perdere di vista il contesto: Gesù racconta le parabole del figlio prodigo, della perla perduta e della pecora smarrita perché «i farisei e gli scribi mormoravano dicendo: “Costui accoglie i peccatori e mangia con loro”» (Lc 15,2). Gesù, quindi, si aspetta che i farisei e gli scribi si immedesimino – ma il Signore non insiste con loro esplicitamente su questo, e lo fa solo attraverso la parabola – non con il figlio minore che torna a casa, ma con quello maggiore che non è contento del ritorno del suo fratello.

La parabola dunque richiede che l’interlocutore si immedesimi nella storia fittizia, vi sia come “imprigionato” e poi ne possa uscire liberato da se stesso e dai propri peccati. Proprio come accade per Davide, incapace di vedere il proprio errore di omicidio e di provocato adulterio fin quando Natan, il suo profeta di corte, verrà da lui e – umilmente ma con la forza della parola che pronuncia – gli racconterà proprio una parabola (cfr. Secondo libro di Samuele 12,1-12). Davide, grazie a quella storia, potrà finalmente riconoscere il proprio sbaglio («Ho peccato contro il Signore »; 2Sam 12,13), e in forza di questa confessione, addirittura essere perdonato dai suoi grandi peccati («Il Signore ha perdonato il tuo peccato»).

Proprio nel raccontare la parabola, allora, Gesù compie la sua seconda opera di misericordia, quella di prendere tempo per inventare una storia (fittizia ma plausibile) riguardante uno sventurato viaggiatore lasciato mezzo morto sulla strada che scende da Gerusalemme (850 m di altezza) per raggiungere la più profonda depressione del pianeta, quella del Mar Morto (427 m sotto il livello del mare), nelle cui vicinanze si trova Gerico.







Articoli correlati


02/09/2017  21:34
La storia di salvezza inizia dentro una migrazione
Da Abramo a San Paolo la Parola di Dio intreccia l'attualità

28/08/2017  08:29
Il diaconato permanente al centro dell’attenzione del cardinal Bassetti
I 37 diaconi di Perugia in ritiro con p. Giulio Michelini

18/08/2017  16:20
Disperato bisogno d’amore
Tra paura di amare ed essere amati

27/07/2017  09:38
Ogni famiglia è testimone della bellezza del Vangelo
Percorso Mysterium Familiae 2017

01/07/2017  09:25
Michelini: “l'uomo giusto al posto giusto”
Ufficializzata la nomina del nuovo Preside ITA

28/06/2017  11:30
Figlie di Iefte
Ad Assisi verrà presentato il libro di Giuseppina Bruscolotti