GIOVEDÌ della IV sett. di Pasqua FERIA (bianco)
giovedì, 26 aprile 2018
Esposizione di fra Benedict Do a Seoul 23 Gen 2018

Laudato Si’ in Corea

In occasione della festa di San Francesco, Fr. Benedict Do ha tenuto la sua prima mostra sul tema della Laudato Si’ al centro francescano di educazione a Seoul, in Corea del Sud.

Riportiamo qui alcune foto dei suoi dipinti e la sua storia sulle sue opere, pubblicate sul Bollettino informativo di dicembre dell’Ufficio di Giustizia, Pace e Integrità del Creato dell’Ordine dei Frati Minori che è a Roma.

Cari fratelli e sorelle,

Sono Fr. Benedict Do, un umile fratello francescano in Corea che ha aderito all’Ordine all’età di trent’anni ed è stato stupito ogni giorno dalla profondità della spiritualità francescana da allora. Poiché stavo cercando un modo migliore per condividere le ispirazioni che ho ricevuto da San Francesco, mi è capitato di incontrare il maestro dell’arte cristiana in Corea, il Rev. Simon Jo, Kwang-Ho, che alla fine mi ha insegnato a dipingere. Ho trovato la possibilità di apprezzare ed esprimere profondamente la spiritualità francescana nella pittura.

Dopo cinque anni di duro lavoro, quest’anno potrei tenere una mostra dei miei lavori sul “Cantico delle Creature”. Ho cercato di esprimere nei primi sette dei dieci dipinti l’intuizione di San Francesco che aveva visto la presenza divina nella creazione e ha esaltato il Creatore con il “Cantico”. I seguenti tre dipinti sul perdono e la morte mostrano che San Francesco aveva una profonda comprensione del lato oscuro dell’esistenza umana e l’ha trasformato nel “Cantico”.

Penso che soffriamo la fame per il significato dell’esistenza nonostante la prosperità materiale senza precedenti. Le persone stanno soffrendo perché sono costrette a salire sempre più in alto nella società, ma non sono in grado di farcela alla fine. Ma mi sono reso conto che San Francesco d’Assisi ha indicato una direzione opposta nel “Cantico”.

Questa consapevolezza mi ha portato alla conclusione che si può essere felici anche se lui / lei potrebbe essere povero ed emarginato. Volevo esprimere questa comprensione su tela. A differenza della mia piccola aspettativa, la mostra è stata pubblicata sul giornale cattolico e radiofonico cattolico coreano, che ha dimostrato l’interesse pubblico per San Francesco. Ho spiegato il significato delle mie opere ai visitatori. Alcuni di loro avevano le lacrime agli occhi quando hanno sentito le storie di San Francesco sulla pace, la perseveranza e il suo abbraccio alla sorella Morte. Credo che ci sia una tremenda possibilità di trasmettere il messaggio della spiritualità francescana al mondo attraverso i mezzi dell’arte, perché l’età che sta arrivando è l’era della cultura.

Infine, vorrei ricordare le parole di Fëdor Dostoevskij: “La bellezza salverà il mondo!”

Fr. Benedict Do, Jong-Hyeon OFM è un pittore e un assistente spirituale per OFS Seoul, Corea del Sud.



Arte Bellezza Cantico delle Creature Corea GPIC Laudato si’

Articoli correlati

16 Apr 2018

Ogni famiglia è testimone della bellezza del Vangelo

Percorso di formazione per famiglie Mysterium Familiae 2018
12 Apr 2018

Famiglia e creato

Festa della Famiglia 2018 a Monteluco con p. Giulio Michelini e fr. Alessandro Brustenghi
01 Apr 2018

A Pasqua il bello è lo splendore del vero

Da risorti con il beato Francesco Spinelli
28 Mar 2018

Serata culturale Laudato si’

Una notte in lode della creazione di Dio
25 Mar 2018

Lo scriba di “frate sole”

La spiritualità del “poverello di Assisi” in originalissime incisioni con lente ustoria su legno antico
09 Mar 2018

Vita da sante

XVI Convegno di Greccio su “storia, arte e devozione fra Lazio e Abruzzo nei secoli X-XVI”
23 Apr 2018

Chiara, i saraceni, l’Eucarestia

Oltre alla sinopia sul Rapimento di San Francesco a mensa con i frati, tra gli affreschi della chiesa, ce n’è anche altre di sinopie trequattrocentesche a San Damiano, la cui lettura non è facile decifrare, ma che tuttavia è importante segnalare. Si trovano sulle pareti nord e ovest dell’oratorio di Santa...



  • 21 Apr 2018

    Totus tuus

    San Giovanni Paolo II pellegrino alla Porziuncola, 1 di 4