GIOVEDÌ della IV sett. di Pasqua FERIA (bianco)
giovedì, 26 aprile 2018
Lettera per la Pasqua 2017 del Ministro Generale 18 Apr 2017

Nella Risurrezione il potere dell’amore supera e vince ogni male

“Ma se siamo morti con Cristo,
crediamo che anche vivremo con lui,
sapendo che Cristo, risorto dai morti, non muore più;
la morte non ha più potere su di lui.”
(Rm 6,8-9)

 

Carissimi Fratelli e Amici:
Alleluia!

Nel memoriale della Pasqua celebriamo gli eventi della vita, passione, morte e risurrezione del nostro Signore Gesù Cristo. Come le pie donne, vicine a Gesù morente e prime testimoni della sua risurrezione, anche noi intravediamo negli avvenimenti pasquali nuova speranza di vita che sorge per il mondo, per questo nostro mondo lacerato dalle divisioni e dai conflitti, per questo mondo che Dio ha scelto di amare incondizionatamente (Gv 3,16). Nella risurrezione il potere dell’amore supera e vince ogni male.

Noi siamo e restiamo fedeli e seguaci di Gesù e cerchiamo di offrire una visione alternativa della vita, un modo alternativo di vivere in questo mondo, guidati dallo Spirito di Dio. E ricordiamo che lo stesso Spirito era presente nel momento in cui Dio ha creato il mondo, così pure come all’evento dell’annunciazione a Maria, la Madre di Gesù, della nascita del Messia. È lo Spirito di Dio che accompagna Gesù lungo tutta la sua esistenza su questa terra, ispirando la sua predicazione e il suo insegnamento, oltre che ogni suo singolo atto di gentilezza e d’amore. È lo Spirito di Dio che accompagna Gesù anche nel suo cammino verso il Golgota e fa da testimone alla passione e alla morte umiliante di Gesù sulla croce. È lo Spirito di Dio che resta con Gesù nella morte e nella sepoltura, dimostrando un amore incrollabile per l’Unigenito Figlio prediletto, il quale offre la sua vita affinché il mondo si possa riconciliare con Dio. Ed è lo Spirito di Dio che risuscita il Figlio a vita nuova (Rm 8,11).

Lo Spirito santo, presente in ogni momento della vita di Gesù, dalla nascita alla morte alla risurrezione, è presente anche oggi nel nostro mondo. La risurrezione è il segno definitivo della fedeltà di Dio al Figlio, a ciascuno di noi e a tutto il creato. Oggi più che mai abbiamo bisogno di ascoltare questo messaggio: Dio ci ama, cammina con noi, risana le nostre ferite, ci invita a vivere in maniera riconciliata con tutti e ci chiama ad essere messaggeri di amore, di misericordia e di pace.

Lo Spirito di Dio, che ha risuscitato Gesù dai morti, continua a compiere l’opera del Padre e del Figlio, ricordandoci che le divisioni, la violenza, l’odio, la distruzione e la morte non hanno l’ultima parola e non sono i vincitori ultimi. Nella risurrezione di Gesù riceviamo la conferma definitiva che l’amore e l’amore soltanto è il vincitore supremo, oltre che la vocazione ultima cui tutti noi siamo chiamati. Questo l’ho toccato con mano proprio in questi ultimi giorni grazie alla testimonianza di vita dei nostri Fratelli e Sorelle di Damasco, Aleppo e Latakia, in Siria. Pur in mezzo alla morte e alla distruzione devastante, i cristiani di Siria, che hanno perso i loro cari, le proprie abitazioni e ogni mezzo di sostentamento, si rifiutano di cedere alla tentazione di abbandonare Dio, la fede e l’impegno a dedicarsi al cammino di riconciliazione e ricostruzione. Come Maria Maddalena anche loro stanno all’esterno del sepolcro, in cerca di un significato a quanto sembra non avere alcuna logica razionale né umana. Anche loro corrono dagli altri fedeli, ossia verso la comunità, dove possono condividere non solo la propria storia di scoraggiamento e disperazione ma anche la speranza e l’amore; insieme alla comunità possono riscoprire nell’Eucaristia, come è capitato ai due discepoli di Emmaus, la presenza del Signore Gesù risorto che non li abbandona mai, che non abbandona mai nessuno di coloro che hanno accolto la chiamata a vivere in relazione con Lui.

Carissimi Fratelli e Amici, accettiamo dunque di cuore il messaggio della Sequenza pasquale, Victimae paschali laudes:

“Alla vittima pasquale si innalzi il sacrificio di lode,
l’Agnello ha redento il gregge,
Cristo l’innocente ha riconciliato i peccatori col Padre.
Morte e Vita si sono affrontate in un duello straordinario:
il Signore della vita era morto, ora, regna vivo.
Raccontaci, Maria, che hai visto sulla via?
La tomba del Cristo vivente, la gloria del risorto;
e gli angeli suoi testimoni, il sudario e le vesti;
Cristo mia speranza è risorto e precede i suoi in Galilea.
Siamo certi che Cristo è veramente risorto.
Tu, Re vittorioso, abbi pietà di noi.
Amen. Alleluia”

Il Signore è davvero risorto! Il suo amore e la sua misericordia sono per sempre vittoriosi!

Il Signore vi doni di celebrare una gioiosa Pasqua: auguri a tutti!

Fraternamente, Fr. Michael A. Perry, OFM
Ministro generale e servo

Roma, 15 aprile 2017
Veglia Pasquale

Accedi al sito dell’Ordine per scaricare la Lettera disponibile in italiano, tedesco, inglese, spagnolo, francese, polacco e portoghese.



Amore Lettera Ministro generale Pasqua

Articoli correlati

20 Apr 2018

Sotto il segno della Vita

Ritiro per ragazze dopo Pasqua e Pentecoste, al Monastero di Borgo Valsugana
19 Apr 2018

Testimoniare la vocazione francescana con creatività, fedeltà ed entusiasmo

Assemblea COMPI con il Ministro e Definitorio Generale
07 Apr 2018

Tommaso e la fede pasquale

La forza rivelativa delle mani nel Risorto
06 Apr 2018

La mia Pasqua: un cammino per scegliere ancora Dio

Testimonianza di Samuela al Triduo Pasquale vissuto al Sacro Speco di San Francesco
05 Apr 2018

Cristiani e musulmani in festa il lunedì dopo Pasqua

Nella memoria dell’incontro fra Gesù risorto e i due discepoli a Emmaus
01 Apr 2018

Ricominciamo, con la grazia dello Spirito, un cammino da risorti

Un annuncio improbabile affidato a testimoni inattendibili…
20 Apr 2018

Sotto il segno della Vita

Il tempo Pasquale ci ha accompagnato, passo passo, verso il suo culmine, verso il dono dell’Amore fatto persona, il dono dello Spirito di Gesù. Questo tempo è tutto sotto il segno della Vita, sotto il segno del Vivente! Dalla Pentecoste si snoda poi la seconda parte del tempo ordinario, nel quale...