GIOVEDÌ della IV sett. di Pasqua FERIA (bianco)
giovedì, 26 aprile 2018
Francesco e la chiesetta della Porziuncola 02 Ott 2017

Non abbandonate questo luogo!

Un tratto assai evidente, nelle testimonianze che ci sono giunte degli ultimi comportamenti di Francesco è il crescente attaccamento del Santo alla cappella della Porziuncola, donatagli dai benedettini e per la quale annualmente egli pagava un simbolico affitto d’un cestello di pesci, ricambiati dalla generosità dei monaci con un orcio d’olio. Egli, che un giorno aveva tentato di demolire una casa costruita dal Comune di Assisi presso la Porziuncola, espresse invece un interessamento quasi geloso verso la chiesina della Madonna degli Angeli.

Quando si sentì prossimo alla morte, narra il Celano, “pregò i frati di trasportarlo in fretta alla Porziuncola, poiché voleva render l’anima a Dio là dove per la prima volta conobbe perfettamente la via della verità”. Ai frati, che gli si affollavano attorno per vivere quei suoi momenti supremi, rivolse a più riprese parole che attestano la preziosità via via acquisita dalla Porziuncola: “Sapeva certamente - dice ancora il Celano - che il Regno di Dio è in ogni parte della terra e credeva veramente che ovunque i fedeli possono ricevere i suoi doni; ma l’esperienza gli aveva insegnato che quel luogo, che conteneva la chiesetta di santa Maria della Porziuncola, era favorito e onorato di grazie celesti più abbondanti e da frequenti visite di spiriti angelici.

Pertanto diceva spesso ai frati: ‘Guardatevi, figli miei, dall’abbandonare mai questo luogo. Se ne foste cacciati da una parte, rientratevi dall’altra, perché questo luogo è veramente santo e abitazione di Dio […] Qui, chi pregherà con devozione, otterrà ciò che avrà chiesto, e chi lo profanerà sarà maggiormente punito. Perciò, figli, stimate degno di ogni onore questo luogo, dimora di Dio, e con tutto il vostro cuore, con voce esultante qui inneggiate al Signore”. La sera del 3 ottobre 1226, Francesco chiudeva, nel canto del vespro, la sua vita terrena, mentre nell’animo commosso dei suoi frati echeggiavano le parole che il Santo aveva pronunciato solennemente, alla presenza del ministro generale frate Elia: “Ordino che il luogo di Santa Maria della Porziuncola sia lasciato per testamento ai frati, in modo che sia da loro tenuto nella massima devozione e riverenza”.

L’indomani, 4 ottobre, con un solenne corteo, la salma del Poverello fu riaccompagnata ad Assisi e fu sepolta, momentaneamente, nella chiesa di San Giorgio. Quattro anni più tardi, nel 1230, Francesco, già da due anni proclamato santo dal suo amico cardinale Ugolino divenuto nel 1227 papa Gregorio IX, avrà la sua tomba definitiva, per volontà di frate Elia, sotto l’altare della nascente Basilica inferiore. A guardia della Porziuncola restarono pochi dei suoi più fedeli per continuare la pratica di vita dell’epoca eroica del francescanesimo.

Ma dell’indulgenza, nelle Vite di san Francesco più antiche e autorevoli, non si trovano esplicite testimonianze. Solo nella Vita seconda del Celano il mistero sembra infrangersi. Parlando ancora della Porziuncola, scelta da san Francesco come “particella del mondo per sé e per i suoi”, conclude: “Il Padre beato soleva dire essergli stato rivelato da Dio che la beata Vergine, tra le altre chiese costruite nel mondo in suo onore, quella prediligeva; e perciò il Santo l’amava più delle altre”. Proprio a questo punto, il Celano inserisce questa visione: “Un santo frate, prima della sua conversione, aveva avuto, a proposito di S. Maria degli Angeli, una visione degna di essere riferita. Stava osservando innumerevoli ciechi, che con gli occhi dolorosamente spenti e la faccia rivolta al cielo, erano inginocchiati attorno alla detta chiesa. Tutti, con voce di pianto e le mani protese in alto, gridavano a Dio, chiedendo luce e misericordia. Ed ecco, scese dal cielo uno splendore, che, irradiandosi su tutti, donò a ciascuno la luce e la salvezza desiderata”. È quasi impossibile - soprattutto se si considera la collocazione di questo racconto - non vedervi un’allusione assai trasparente all’indulgenza.



Morte Porziuncola San Francesco Transito di San Francesco

Articoli correlati

23 Apr 2018

Incontro tra il Comune di Betlemme e le città italiane gemellate

Siglato ad Assisi un documento di cooperazione
21 Apr 2018

Totus tuus

San Giovanni Paolo II pellegrino alla Porziuncola, 1 di 4
13 Apr 2018

Egitto, 1219: Francesco di Assisi incontra il sultano Al Kamil

Il Seraphicum apre l’VIII Centenario con un film in anteprima europea
10 Apr 2018

L’amore per Dio, sommo Bene, al di sopra di ogni bene

San Francesco e la nuova Esortazione di Papa Francesco sulla santità, Gaudete et exultate
30 Mar 2018

Se ami come Cristo ama, vivi per sempre

Celebrata la Passione del Signore alla Porziuncola
30 Mar 2018

S come Scandalo

I peccati che suscitavano scandalo secondo san Francesco
20 Apr 2018

Benedetto polacco, compagno dimenticato di Giovanni da Pian del Carpine

Nel 1226, quando morì Francesco, la Cina era poco più di un nome nella memoria degli eruditi o nei racconti dei mercanti veneziani di ritorno dal Vicino Oriente ma, in poco tempo, altri orizzonti si sarebbero aperti alla cristianità e all’Ordine francescano. Era passato solo un anno dalla morte di Francesco...