II DOMENICA DI QUARESIMA (viola)
domenica, 25 febbraio 2018
Il significato della scelta francescana di povertà nell’interpretazione di Bonaventura 20 Nov

Nudus et pauper

Bonaventura da Bagnoregio fu canonizzato dal papa francescano Sisto IV nel 1482; l’anno sucessivo, nel 1483, fu redatto il contratto tra i frati del convento di San Francesco in Terni e il pittore Piermatteo d’Amelia per la pala dell’altare maggiore della loro chiesa raffigurante la Madonna col Bambino tra i santi Ludovico di Tolosa, Giovanni Battista, Francesco e Bonaventura, con Dio Padre tra due angeli nella lunetta. Quindi una delle prime immagini che raffigura il Santo bagnorese è a Terni, città in cui si svolse il capitolo generale dei frati Minori del 1500 che elesse Ministro generale padre Egidio Delfini d’Amelia.

Tale legame tra Terni e san Bonaventura sarà ricordato, in occasione dell’ottavo centenario della nascita del Santo (1217-2017) nell’incontro “Nudus et pauper” – Il significato della scelta francescana di povertà nell’interpretazione di Bonaventura da Bagnoregio in programma venerdì 1 dicembre 2017 alle ore 16 al cenacolo San Marco di Terni in occasione dell’VIII centenario della nascita di San Bonaventura.

Il convegno è promosso dall’Istess con il contributo del MIBACTe la collaborazione della Facoltà di Teologia e della Scuola Superiore di Studi Medievali e Francescani della Pontificia Università Antonianum di Roma e il patrocinio del Centro Studi Bonaventuriani di Bagnoregio.

Aprirà il convegno padre Giuseppe Piemontese, vescovo di Terni-Narni-Amelia, seguiranno le relazioni: “La rilettura della povertà francescana fatta da San Bonaventura, snodo delicato del passaggio dall’intuizione all’istituzione” a cura di padre Prospero Rivi – Antonianum di Bologna; “Poveri ma tenaci: Fedele da Fanna, Bernardino da Portogruaro e l’edizione dell’Opera Omnia di Bonaventura” a cura di Barbara Faes – Antonianum di Roma; “Dal Doctor Seraphicus a San Bonaventura. Due opere d’arte umbre a confronto: l’arazzo del Sacro Convento e la pala di Piermatteo d’Amelia per i frati conventuali di Terni” a cura di Giuseppe Cassio – storico dell’arte. Presiede e modera padre Pietro Messa – Antonianum di Roma. Conclude Stefania Parisi direttore Istess.

Per approfondimenti cfr. Barbara Faes, Bonaventura da Bagnoregio. Un itinerario tra edizioni, ristampe e traduzioni, Biblioteca Francescana, Milano 2017.



Bernardino da Portogruaro Fedele da Fanna Giuseppe Piemontese Pietro Messa Povertà San Bonaventura Terni

Articoli correlati

17 Feb 2018

Miracoli di San Francesco sul modello evangelico

L’acqua cambiata in vino allo Speco di Narni
07 Feb 2018

Corpo ed eternità in san Bonaventura

L’inscindibile unità tra anima e corpo
31 Gen 2018

Stare bene al mondo

L’arte di essere felici secondo san Bonaventura
20 Gen 2018

Festa dell’Università e del Gran Cancelliere 2018

Celebrazioni alla Pontificia Università Antonianum
15 Gen 2018

Noi e l’islam. I primi martiri francescani

Celebrazioni a Terni
08 Gen 2018

1257-1274: San Bonaventura Ministro generale

Il mandato più lungo della storia francescana
21 Feb 2018

Umili per grazia come il Signore lo è per natura

Il beato Francesco Spinelli (1853-1913) ha vissuto la sua vita quale affezione a Gesù che manifesta la sua umiltà nell'Eucaristia. Monsignor Paolo Martinelli commentando le Conversazioni Eucaristiche del sacerdote lombardo ha evidenziato come tale aspetto denoti una assonanza con la spiritualità francescana. Come può colui che è nel tempo imitare...