II DOMENICA DI QUARESIMA (viola)
domenica, 25 febbraio 2018
Prima tappa del nuovo percorso... per fare centro 24 Apr

Pellegrinaggio: abecedario dello spirito

Proseguendo il cammino intrapreso sul lessico cristiano, presentiamo altre tre parole che, passo dopo passo, ci possono aiutare a centrare il bersaglio: Pellegrinaggio, Gratuità e Pazienza.

La prima tappa di questo nuovo tratto di strada è il Pellegrinaggio. Oggi i pellegrinaggi ai luoghi di culto e di devozione si sono enormemente moltiplicati: dai più “antichi”, quali Santiago, Roma, Assisi, Lourdes, Fatima, Loreto, a quelli più “recenti” come Czestochowa, Medjugorje, S. Giovanni Rotondo…

Ma, nonostante tutte le intenzioni buone e i propositi santi che ci spingono in quei luoghi e i frutti spirituali che spesso riceviamo, dobbiamo comprendere che il pellegrinaggio in Terra Santa e a Gerusalemme è un’altra cosa! “La Chiesa infatti non può dimenticare le sue radici; ad esse, anzi, deve continuamente ritornare per tenersi totalmente fedele al disegno di Dio” (Giovanni Paolo II). E questo non per una sensibilità personale, soggettiva, ma perché Dio stesso assegna a questo gesto e a quei luoghi un significato particolare (Dt 16,16ss; Lv 23,15-21): è l’incontro con Dio nel luogo di cui Lui ha detto “Lì porrò il mio nome!” (1Re 8,29; Ez 48,35; Dt 12,5). Solo in quella terra, (Bibbia in mano!), ci viene spiegata ed è possibile comprendere la fede come la storia di Dio con l’uomo: con Abramo, con Israele suo popolo, con Gesù, “Colui che dà origine alla fede e la porta a compimento” (Eb 12,2), con “l’intero Israele di Dio” (Gal 6,16), che comprende tutte le nazioni della terra; e, infine, anche con ciascuno di noi!

“Se vogliamo capire che cosa è la fede, dobbiamo raccontare il suo percorso, la via degli uomini credenti, testimoniata in primo luogo nell’Antico Testamento. Un posto particolare appartiene ad Abramo, nostro padre nella fede. Nella sua vita accadde un fatto sconvolgente: Dio gli rivolse la Parola … Abramo non vede Dio, ma sente la sua voce” (papa Francesco, Lumen fidei, 8).

Il pellegrinaggio in Terra Santa è quindi unico e cancella, decisamente, ogni traccia di “turismo religioso”, che spesso è frammisto in altri pellegrinaggi. Per intraprendere con profitto questo pellegrinaggio e portarlo, con la grazia di Dio a compimento, sono necessari alcuni accorgimenti, interiori ed esteriori, nei suoi tre momenti essenziali: la preparazione, lo svolgimento, il ritorno a casa.

In ABCEDARIO DELLO SPIRITO, a cura della Redazione
dal n. 3/2016 della Rivista Porziuncola



Abecedario dello Spirito Massimo Travascio Pellegrinaggio Rivista Porziuncola

Articoli correlati

18 Feb 2018

Anche l’oste va al Perdono

Memoria delle osterie e bettole della piazza
08 Feb 2018

Anche questo è Perdono

I registri delle s. Messe negli Archivi della Porziuncola
01 Feb 2018

Alla scoperta di Luca Pacioli

Scienziato francescano, matematico, maestro di contabilità
29 Gen 2018

La Cappella del Transito

Da Domus Comunis a Infermeria dove è morto san Francesco
27 Gen 2018

9 giorni nella Terra di Gesù

Pellegrinaggio in Terra Santa, per tutti
22 Gen 2018

Venite pellegrini!

L’invito congiunto di Pizzaballa e Patton
Leggi altre notizie dallo speciale

19 Feb 2018

Se questa è la vocazione io l’ho

Nato a Milano, dopo essersi laureato in medicina all’Università di Pavia, l’anticlericale e positivista Edoardo Gemelli ebbe modo di conoscere alcuni francescani iniziando un cammino di conversione. Su consiglio dell’amico Ludovico Necchi il neo medico venticinquenne cominciò a frequentare il giovane sacerdote Giandomenico Pini confidandogli quanto stava accadendo nella...



  • 23 Dic 2017

    Ero cras

    Il Settenario di Natale alla Porziuncola