II DOMENICA DI QUARESIMA (viola)
domenica, 25 febbraio 2018
Novena dell’Immacolata Concezione di Maria - VII 05 Dic

Prega per noi peccatori

“Prega per noi, peccatori” è il settimo tassello che compone quel mosaico bellissimo che è l’Ave Maria e che stiamo meditando in questa Novena per l’Immacolata alla Porziuncola. “Prega per noi, peccatori” è l’unica richiesta che innalziamo in questa preghiera, unica ma non insufficiente perché sintetizza tutte le richieste che possiamo innalzare a Maria.

Con questa preghiera chiediamo a Maria che interceda, letteralmente che lei faccia “un passo in mezzo”, quel passo che può coprire lo strappo antico tra noi e Dio, la ferita antica che ancora ci preclude la pienezza. Fai un passo solo, Maria, e ci basta, e Cielo e terra si toccheranno ancora per noi. Nell’Ave Maria noi non domandiamo alla Madre le grazie ma domandiamo “la” Grazia: che possa ricongiungersi questo mondo al Signore.

Prega per noi santa Madre di Dio come hai pregato a Cana di Galilea. Lì fu dolcissimo lo sguardo di Maria, pieno di premura e di attenzione: lo sguardo della madre va sempre oltre. Vede prima quando finisce la gioia nelle nostre case e nei nostri cuori … e perciò dice ancora a noi: “fate il Vangelo!”, accogliete, obbedite, incarnate e quindi vivete il Figlio, Parola vivente del Padre!

Possa, la meditazione riportata integralmente nel video che segue, essere per ciascuno la Parola di Misericordia che forse attendiamo o di cui comunque tutti abbiamo bisogno, certi che il peccato commesso, quale che sia, se riconosciuto e consegnato non ha il potere separarci in eterno dall’amore di Cristo!

Gv 2,1-11
Il terzo giorno vi fu una festa di nozze a Cana di Galilea e c’era la madre di Gesù. Fu invitato alle nozze anche Gesù con i suoi discepoli. Venuto a mancare il vino, la madre di Gesù gli disse: «Non hanno vino». Gesù le rispose: «Donna, che vuoi da me? Non è ancora giunta la mia ora». Sua madre disse ai servitori: «Qualsiasi cosa vi dica, fatela». Vi erano là sei anfore di pietra per la purificazione rituale dei Giudei, contenenti ciascuna da ottanta a centoventi litri. E Gesù disse loro: «Riempite d’acqua le anfore»; e le riempirono fino all’orlo. Disse loro di nuovo: «Ora prendetene e portatene a colui che dirige il banchetto». Ed essi gliene portarono. Come ebbe assaggiato l’acqua diventata vino, colui che dirigeva il banchetto - il quale non sapeva da dove venisse, ma lo sapevano i servitori che avevano preso l’acqua - chiamò lo sposo e gli disse: «Tutti mettono in tavola il vino buono all’inizio e, quando si è già bevuto molto, quello meno buono. Tu invece hai tenuto da parte il vino buono finora». Questo, a Cana di Galilea, fu l’inizio dei segni compiuti da Gesù; egli manifestò la sua gloria e i suoi discepoli credettero in lui.

Dalla Vita seconda di Tommaso da Celano, capitolo CL (FF 786)
Circondava di un amore indicibile la Madre di Gesù, perché aveva reso nostro fratello il Signore della maestà. A suo onore cantava lodi particolari, innalzava preghiere, offriva affetti tanti e tali che lingua umana non potrebbe esprimere, Ma ciò che maggiormente riempie di gioia, la costituì Avvocata dell’Ordine e pose sotto le sue ali i figli, che egli stava per lasciare, perché vi trovassero calore e protezione sino alla fine. Orsù, Avvocata dei poveri! Adempi verso di noi il tuo ufficio di Protettrice fino al tempo prestabilito dal Padre.



Immacolata Concezione Novena Simone Ceccobao

Articoli correlati

20 Feb 2018

La forza dello Spirito Santo, per crescere e guarire

Tre giorni di formazione liturgico musicale
10 Feb 2018

La conversione di Simon Pietro e le “24 ore per il Signore”

In programma alla Porziuncola per la Quaresima 2018
09 Dic 2017

Musica che fa vibrare le corde dell’anima

Concerto per l’Immacolata al Museo della Porziuncola
08 Dic 2017

Cantate al Signore un canto nuovo

Omelia del Ministro provinciale nel giorno dell’Immacolata
08 Dic 2017

Piena di Grazia, tutta bella sei

Canto dell’Akathistos alla Porziuncola
08 Dic 2017

In cerca dell’amore di Cristo e della tenerezza di Maria

La Milizia dell’Immacolata per l’uomo di oggi
19 Feb 2018

Se questa è la vocazione io l’ho

Nato a Milano, dopo essersi laureato in medicina all’Università di Pavia, l’anticlericale e positivista Edoardo Gemelli ebbe modo di conoscere alcuni francescani iniziando un cammino di conversione. Su consiglio dell’amico Ludovico Necchi il neo medico venticinquenne cominciò a frequentare il giovane sacerdote Giandomenico Pini confidandogli quanto stava accadendo nella...



  • 23 Dic 2017

    Ero cras

    Il Settenario di Natale alla Porziuncola