Dove Siamo > San Francesco al Monte - PERUGIA

Convento di Monteripido, dove visse e vi morì il beato Egidio


Il colle a nord di Perugia, fuori Porta Sant’Angelo, celebre per la sua bellezza, è chiamato popolarmente Monteripido (Mons rùitus, monte scosceso). Ma da quando - dopo la metà del Duecento - vi morì il beato Egidio, terzo compagno di san Francesco, prevalse l’appellativo di “Monte di Sant’Egidio” e poi quello di “San Francesco del Monte”, che è oggi il titolo ecclesiastico ufficiale.

La bellezza e l’incanto di Monteripido, come pure l’attrazione che esercita questo colle si devono anche al prestigio e alla secolare tradizione di simpatia che la città ha sempre riservato alla fraternità francescana di questo convento.

Donato il luogo ai frati da Giacomo di Bonconte Coppoli nel 1276, allo scopo di coltivare la memoria e la devozione del beato Egidio, dopo il 1374, grazie all'azione di san Bernardino da Siena, Monteripido divenne una specie di quartiere generale dell’azione di rinnovamento dell’Ordine francescano. Alcuni protagonisti della storia religiosa e civile del Quattrocento italiano, come san Giovanni da Capestrano, san Giacomo della Marca, il beato Alberto da Sarteano e il beato Bernardino da Feltre furono di casa in questo luogo.

Durante il Cinquecento, a Monteripido ebbe inizio lo Studio generale, uno dei principali in Italia e, fino al 1860, viva testimonianza nella storia della cultura del nostro Paese. Per le esigenza dello Studio, negli anni 1754-1769 fu costruita la monumentale biblioteca, il cui patrimonio di codici e incunaboli costituisce oggi uno dei “Fondi” più prestigiosi della biblioteca Comunale di Perugia. Il convento di San Francesco del Monte fu centro promotore di cultura e cenacolo di artisti: il Perugino, Raffaello, lo Spagna e molti altri lavorarono qui per i francescani.

Questa eredità artistica trova una felice prosecuzione nell'opera di P. Diego Donati, tra i nomi italiani di spicco nell'ambito della xilografia e dell'acquaforte.

Attualmente Monteripido è sede di una fraternità impegnata soprattutto nella pastorale parrocchiale ed universitaria e nell'animazione di un pensionato universitario. Svolge anche servizio di pastorale parrocchiale presso la parrocchia di Ponte d’Oddi e di Cappellania presso il Monastero S. Erminio.

Contatta i Frati per informazioni o per l'Accoglienza.



In fondo a questa pagina, in allegato:
  • la relazione, redatta da p. Luigi Giacometti ofm, Guardiano del Convento del Monte, e aggiornata al 31 gennaio 2011, integralmente corredata di note esplicative;
  • la notizia della ricostruzione del Conventino di San Bernardino da Siena;
  • la relazione finale del restauro degli affreschi del chiostro.



La Storia
Notizie storiche a cura di p. Luigi Giacometti

La Chiesa e l'Arte
Relazione a cura di p. Luigi Giacometti

Attività
Convegni, Ritiri ed Esercizi Spirituali a Monteripido

Come Raggiungerci
Indicazioni stradali e ferroviarie per raggiungere il Convento

Orari delle Celebrazioni
Perché anche voi possiate unirvi a pregare con noi

Contatti
Tutte le informazioni utili per contattarci

Parrocchia S. Giovanni Apostolo - Ponte D'Oddi
Informazioni utili relative alla parrocchia

Galleria fotografica
Alcune immagini del Convento, della Chiesa e della Biblioteca

Scarica gli allegati
Relazione Storico-Artistica di Monteripido
Ricostruzione del Conventino di San Bernardino da Siena
Relazione finale del restauro degli affreschi del chiostro



Articoli correlati


26/05/2017  12:31
Lavoro e povertà
La vera lezione dei francescani

24/05/2017  18:08
Nomina del card. Gualtiero Bassetti, francescano di animo
Le prime parole del nuovo Presidente CEI e gli auguri dei frati di Assisi

18/05/2017  12:42
Ancorare la propria vita a Gesù
Incontro del Ministro generale con i Presidenti di Conferenza

27/04/2017  11:53
La luce nella notte
Adorazione eucaristica al Monastero S. Agnese di Perugia

23/04/2017  
II DOMENICA DI PASQUA o della Divina Misericordia
Ottava di Pasqua (bianco)

13/04/2017  16:31
Un simbolo di speranza per il futuro
Presentazione della Guida ai Musei ecclesiastici umbri