News > Siamo qui per sognare

11/12/2014 23:10
Apertura diocesana dell'Anno della Vita consacrata


Stasera siamo qui per sognare, per credere alle parole del profeta che invita a sperare nel Dio che sa far crescere alberi da frutto nel deserto. Per credere nella promessa che Lui ci ha fatto, quella di farci brillare della Sua gloria per mostrare il Suo volto al suo popolo assetato che lo attende”.

Queste parole di incoraggiamento sono le ultime del vescovo Sorrentino a conclusione dell’omelia, rivolta agli oltre 300 religiosi che celebrano con lui l’Eucaristia, vertice e centro temporale di un’intensa serata di fraternità.

Dalle ore 17 infatti la Domus Letitiae di Assisi, convento ‘Cristo Risorto’ dei Frati Minori Cappuccini, si era riempita per accogliere i partecipanti all’inaugurazione diocesana dell’anno della Vita Consacrata, momento di riflessione pensato e voluto dal nostro pastore Domenico.

Dopo che Egidio Canil, OFM Conv, ha esordito offrendo un sintetico ma puntuale censimento sulla presenza degli oltre 1600 religiosi nella diocesi di Assisi, ha preso la parola suor Elisa Carta, nuova direttrice della Caritas Diocesana, dopo tanti anni di servizio in missione. Prendendo spunto dalla lettera di Papa Francesco per inaugurare l’Anno ha ricordato che i consacrati hanno una storia sacra da raccontare nella quotidianità attraverso la propria vita. Una vita chiamata ad abbattere steccati per conservare lo spirito delle origini e riconoscersi Chiesa che cammina insieme. Augurava infine a tutti di trovare il coraggio di lasciarsi prendere per mano dal povero che ci sta accanto, per essere condotti nella sua intimità nella quale il Signore ci attende, proprio come Francesco con il lebbroso.

Successivamente padre Alessio Maglione, provinciale del Tor, ha sottolineato l’importanza di abbracciare il futuro con speranza, riprendendo una frase di Timothy. Radcliffe che vede nei consacrati “dei segni di speranza nell’accogliere un futuro incerto”. Questo è possibile solo se si intuisce di essere chiamati a fare cose che mai avremmo creduto, fiduciosi che le forze per farle non sono le nostre.

Il Vescovo ha infine concluso il momento di ascolto invitando tutti a riconoscere, nell’assemblea riunita davanti a lui, una stanza colma di “guardati da Dio”. Solo riscoprendo in profondità la bellezza di quello Sguardo si può sentire la gioia e la responsabilità a riversare sul proprio prossimo il medesimo sguardo che dona Vita. Ricordando che il Corpo del Signore viene riconosciuto solo se, oltre ad essere adorato e celebrato, viene anche servito nei più poveri, il pastore di Assisi ha chiamato tutti a convertirsi al grande sogno di Dio sulle loro vite.

A seguire i partecipanti si sono trasferiti nella chiesa del convento, impreziosita dai luminosi mosaici di Rupnik, dove si sono riuniti per celebrare l’Eucaristia e ringraziare per il dono della Vita Consacrata.

“Isaia ricorda al popolo stanco e sfiduciato che la sua destra è stretta a quella di Dio, e che quindi non ha nulla da temere, perché Egli continua a guidarlo nonostante lo smarrimento della fragilità umana” ha evidenziato Mons. Sorrentino spezzando con semplicità la parola di Dio.

Al termine quasi tutti si sono trattenuti per un momento di agape fraterna. Dopo tanto fecondo ascolto c’è stata così occasione di ritrovarsi nella letizia, in compagnia di tanti visi cari o da conoscere, di tanti fratelli e sorelle spesso fisicamente distanti ma uniti nella sequela verso quel Signore Gesù che ha dato un senso pieno alle loro vite e che continua a ricordare loro che “Stasera siamo qui per sognare!”.







Articoli correlati


28/11/2016  12:51
Si è concluso il Simposio internazionale sull’economia
Linee operative per il futuro

26/11/2016  10:38
Fedeltà al Vangelo e fedeltà al carisma
Amministrare i beni per la missione della Chiesa

23/11/2016  10:52
Ripensare l’economia
Convegno per gli economi nella fedeltà al carisma

31/10/2016  09:08
Vita contemplativa femminile
Segno di speranza per il mondo

29/10/2016  12:34
Vescovi e consacrati
Un cammino di comunione e reciprocità

27/10/2016  09:44
Funzione e ruolo del Vicario episcopale per la Vita Consacrata
Convegno internazionale all’Antonianum (Roma)