FRATI MINORI - PROVINCIA SERAFICA DI SAN FRANCESCO D’ASSISI
22 gennaio 2018
LUNEDÌ della III sett. del T.O.
FERIA (verde)

Messa a scelta

2Sam 5,1-7.10 • Sal 88 • Mc 3,22-30 

Liturgia delle Ore: Lun. III sett. – Ufficio della feria o della memoria


Non si può stringere l’acqua con le mani. Così le cose del mondo: chi l’abbraccia nulla stringe.
San Giuseppe da Copertino
#cap1 #cap2
Vivi con gioia… nella tua Terra!
1500 giovani al Capodanno ad Assisi
I corsi SOG dei Frati Minori di Assisi
22/01/2018  10:03
Q come questioni sociali
La visione sociale di san Francesco e le sue profonde radici nel Vangelo

22/01/2018  08:45
Venite pellegrini!
L’invito congiunto di Pizzaballa e Patton

21/01/2018  09:12
Coniugare il buono con il bello
Nella sapienza dei santi come la beata Maria Cristina di Savoia

21/01/2018  08:59
Prima e dopo Cana
Per una preparazione dei fidanzati prima e dopo il matrimonio

20/01/2018  11:08
Festa dell’Università e del Gran Cancelliere 2018
Celebrazioni alla Pontificia Università Antonianum

20/01/2018  09:09
Scommettere sui cavalli zoppi
Testimonianza sulla Comunità Mondo X

19/01/2018  17:26
L’amore ha bisogno di tempo
Ritiri per famiglie

19/01/2018  08:28
Perugia e i francescani
Una storia di reciproca gratitudine

ESERCIZI SPIRITUALI, RITIRI
& PELLEGRINAGGI

Dove sei?
19/01/2018 - 22/01/2018     Corso per Single
Porziuncola in S. MARIA DEGLI ANGELI

5 Pani e 2 Pesci
08/02/2018 - 13/02/2018     Scuola di Preghiera
San Francesco - MONTELUCO

Al centro, per fare centro
28/03/2018 - 01/04/2018     Triduo Pasquale
San Francesco - MONTELUCO

Vedi tutte le attività in programma

ATTIVITÀ PER I GIOVANI

Corsi e Iniziative - Servizio Orientamento Giovani
AGENDA EVENTI & CELEBRAZIONI

Hotel Domus Pacis - Assisi (PG), 29 gen-2 feb
L’annuncio vocazionale
2° Incontro del III Master Vocazionale

8 feb
Contro la Tratta di Persone
Giornata Mondiale di Preghiera e Riflessione

Monastero Sant’Agnese (PG), 9-11 feb
I Moti del Cuore: “Lo Spazio della Libertà”
Corso giovani 18-35

Monastero SS. Annunziata - Terni, 10 feb
Pregate il padrone della messe …
Adorazione mensile per le vocazioni

Casa della Tenerezza (PG), 10-11 feb
Famiglie di origine: un limite o una risorsa?
Giornate di spiritualità per sposi e fidanzati


Continua a leggere
La più antica testimonianza dell’Ave Maria

La più antica formulazione scritta dell’Ave Maria è in lingua latina e si trova nel codice da bisaccia che ebbe in uso il beato Antonio da Stroncone (1391-1461). Quando questi morì nel Convento di San Damiano presso Assisi fu sepolto nella medesima chiesa e il suo libretto di preghiere fu conservato come una reliquia dai frati. Quando nel 1809 il corpo di frate Antonio - beatificato dal papa beato Innocenzo XI nel 1687 - fu portato da Assisi a Stroncone il suo libretto di preghiere rimase nel convento assisano dove è tuttora conservato (cfr. G. Boccali, Il Libricto del beato Antonio conservato a San Damiano: studio e edizione integrale, in Il beato Antonio da Stroncone, I, Assisi 1993, pp. 87-161). Successivamente l’Ave Maria fu tradotta nelle varie lingue e oggi assieme al Padre nostro è diffusa in tutto il mondo.

Continua a leggere
L’Eterno entra nel tempo

“Siamo al culmine dell’attesa: con i Primi Vespri la Vigilia sconfina nella festa del Natale. Il canto del Martirologio ci ha introdotti nel Tempo di Dio”, ha detto p. Stefano Orsi che ha presieduto i Primi Vespri di questo Natale nella Basilica papale di Santa Maria degli Angeli”.

Continua a leggere
SAN VINCENZO PALLOTTI

Va bene, è un buon prete. Ed è anche un Terziario francescano. Ottima preparazione, confessore al Seminario Romano e al Collegio Urbano di Propaganda Fide, attivo in molte opere di carità. Ma perché fondare una “società per l’apostolato cattolico”, come se per questo non ci fossero già le strutture della Chiesa? E, per di più con laici, uomini e donne? Vincenzo Pallotti, romano, nato nel 1795 e prete dal 1818, va incontro a diffidenze e ostacoli nel mondo ecclesiastico perché come pochi altri capisce ciò che il tempo esige dai cattolici. Dopo il tornado della Rivoluzione francese e di Napoleone, vescovi, preti, religiosi, studiosi, si spendono generosamente in difesa della fede. E lui vede e apprezza. Ma dice che non basta, non basta più: il problema vero non è proteggere il recinto dei credenti.

Continua a leggere