ePrivacy and GPDR Cookie Consent management by TermsFeed Privacy Policy and Consent Generator
Secondi Vespri del Perdono di Assisi 02 Ago 2014

Acqua limpida e chiara del Perdono, per una nuova vita

Un’indulgenza ottenuta dal cuore di Francesco per tutti coloro che desiderano ricominciare una nuova vita”. Con queste parole p. Claudio Durighetto, Ministro Provinciale dei Frati Minori di Umbria e Sardegna, è intervenuto durante i Secondi Vespri della Solennità del Perdono d’Assisi, la festa legata alla dedicazione della Porziuncola, chiesa di Santa Maria degli Angeli, e alla misericordia di Dio, attraverso il dono grande dell’ indulgenza plenaria.

Durante tutta la giornata, le navate laterali della Basilica sono state ricolme di fedeli, per la celebrazione del sacramento della Penitenza nelle varie cappelle laterali e nei confessionali, dove i sacerdoti hanno ascoltato per ore file di pellegrini venute per lucrare il Perdono della Porziuncola da ogni dove.

Il Santuario si è aperto, e per l’intercessione della Madre, la Vergine Maria, tutti sono stati accolti tra le braccia della Misericordia, e hanno trovato qui consolazione e pace”. I fedeli ascoltano con attenzione al calar del sole, in una Basilica che è stata tutto il giorno con i portoni spalancati sul grande piazzale in attesa dell’arrivo di tutti, anche dei giovani marciatori, che ogni anno scelgono di giungere qui per ricevere questa ricchezza di bontà.

La Chiesa ha elargito oggi questo tesoro e, come Maria, si fa strumento della misericordia e della pace. Si! Qui vengono spenti i conflitti e viene ricostruita la concordia”. “Questa festa ci ricorda che il bene fa bene, si diffonde, come attraverso la Porziuncola, dove attingendo al patrimonio dei meriti di Cristo, della Vergine e dei santi, la Chiesa rinnova il mondo e instaura il Regno; con l’indulgenza, le pozze torbide e melmose del peccato si trasformano in acqua limpida e chiara”.

Dopo la benedizione finale i frati in cotta scendono dal presbiterio seguiti dal presidente, mentre molti dalla folla sperano ancora di potersi trattenere un minuto nel “santo dei santi” che è la piccola chiesetta; intanto i frati e i volontari della Porziuncola invitano i pellegrini a ritornare per il prossimo appuntamento con Maria: la tradizionale preghiera del rosario del sabato sera in basilica, che eccezionalmente oggi coincide con la solennità del Perdono.

Si prevede una particolare affluenza di fedeli dai tanti flambeaux già preparati per la tradizionale processione dell’occasione. O Santa Casa di perdono e gloria, in te si trova pace per Maria”.



Claudio Durighetto Perdono di Assisi Porziuncola Secondi Vespri

Articoli correlati

24 Mag 2024

Solennità del Corpus Domini alla Porziuncola

Il Programma 2024 delle Celebrazioni liturgiche in Basilica
20 Mag 2024

Tra fede e bellezza, torna la Notte dei Santuari

Un'iniziativa promossa dal Collegamento nazionale dei Santuari italiani insieme all’Ufficio nazionale per la Pastorale del tempo libero, turismo e sport della Cei
17 Mag 2024

In cammino verso il Ben-Essere

A Umbertide, la seconda edizione della manifestazione: Sto coi frati e zappo l’orto. In cammino verso il Ben-Essere
10 Mag 2024

Un Giubileo tutto sulla Speranza

Papa Francesco emana la Bolla di indizione del Giubileo del 2025 Spes non confundit, la speranza non confonde
07 Mag 2024

OFS d’Italia: eletto il nuovo Consiglio nazionale. Luca Piras riconfermato presidente

Ad Assisi, il 4 Maggio, l’Ordine Francescano Secolare d’Italia ha eletto il suo nuovo Consiglio nazionale: a guidare la fraternità dei laici francescani saranno Luca Piras
03 Mag 2024

L’esperienza del Francescout

Sulle orme del Poverello di Assisi, alla sequela di Cristo, cercando di conoscere il segreto della sua gioia
25 Apr 2024

Benedetti... benediciamo!

Siamo andati a conoscere l’Angolo delle Benedizioni: si tratta di un servizio attivato da qualche anno nel cuore del Santuario di S. Maria degli Angeli



  • 11 Apr 2024

    Pregò e disse: Ave Maria

    Presentazione a Stroncone di quella che si ritiene essere, al momento, la più antica versione dell'Ave Maria: risale al Trecento