SABATO della V sett. di Pasqua Feria (bianco)
sabato, 25 maggio 2019
Quinta Catechesi della Quaresima 2015 alla Porziuncola 26 Mar 2015

Al Signore è piaciuto prostrarlo con dolori

La quinta ed ultima catechesi, proposta dai Frati Minori della Basilica papale di Santa Maria degli Angeli come ulteriore stimolo per vivere il personale cammino di conversione all’interno della Quaresima 2015, ha avuto come tema “Al Signore è piaciuto prostrarlo con dolori” (Is 53,10).

La meditazione, guidata da p. Renato Russo come l’intero ciclo “Volgeranno lo sguardo a Me, colui che hanno trafitto” ha presentato spunti di riflessione a partire dal brano biblico Is 53,1-12:

Chi avrebbe creduto al nostro annuncio? A chi sarebbe stato manifestato il braccio del Signore? È cresciuto come un virgulto davanti a lui e come una radice in terra arida.

Non ha apparenza né bellezza per attirare i nostri sguardi, non splendore per poterci piacere. Disprezzato e reietto dagli uomini, uomo dei dolori che ben conosce il patire, come uno davanti al quale ci si copre la faccia; era disprezzato e non ne avevamo alcuna stima.

Eppure egli si è caricato delle nostre sofferenze, si è addossato i nostri dolori; e noi lo giudicavamo castigato, percosso da Dio e umiliato. Egli è stato trafitto per le nostre colpe, schiacciato per le nostre iniquità. Il castigo che ci dà salvezza si è abbattuto su di lui; per le sue piaghe noi siamo stati guariti.

Noi tutti eravamo sperduti come un gregge, ognuno di noi seguiva la sua strada; il Signore fece ricadere su di lui l’iniquità di noi tutti.

Maltrattato, si lasciò umiliare e non aprì la sua bocca; era come agnello condotto al macello, come pecora muta di fronte ai suoi tosatori, e non aprì la sua bocca.

Con oppressione e ingiusta sentenza fu tolto di mezzo; chi si affligge per la sua posterità? Sì, fu eliminato dalla terra dei viventi, per la colpa del mio popolo fu percosso a morte.

Gli si diede sepoltura con gli empi, con il ricco fu il suo tumulo, sebbene non avesse commesso violenza né vi fosse inganno nella sua bocca.

Ma al Signore è piaciuto prostrarlo con dolori. Quando offrirà se stesso in sacrificio di riparazione, vedrà una discendenza, vivrà a lungo, si compirà per mezzo suo la volontà del Signore.

Dopo il suo intimo tormento vedrà la luce e si sazierà della sua conoscenza; il giusto mio servo giustificherà molti, egli si addosserà le loro iniquità.

Perciò io gli darò in premio le moltitudini, dei potenti egli farà bottino, perché ha spogliato se stesso fino alla morte ed è stato annoverato fra gli empi, mentre egli portava il peccato di molti e intercedeva per i colpevoli.

Accedi al programma con tutte le catechesi di Quaresima



Catechesi Croce Dolore Meditazione Quaresima Renato Russo Riflessione Sofferenza

Articoli correlati

21 Mag 2019

Il cammino dei patriarchi

Esercizi ignaziani semi-guidati per giovani e adulti
22 Apr 2019

Questo è il giorno che ha fatto il Signore, rallegriamoci ed esultiamo!

La grazia della Risurrezione nelle Celebrazioni in Porziuncola
20 Apr 2019

Restate uniti alla croce, su di essa poggia il fondamento della Chiesa

Celebrazioni del Venerdì santo in Porziuncola
19 Apr 2019

Eucarestia: siate quel che vedete, ricevete ciò che siete

Lo “stile eucaristico” nelle Celebrazioni del Giovedì Santo in Porziuncola
14 Apr 2019

Volgere sguardo e cuore a Cristo crocifisso per amore!

Riflessione sulla Domenica delle Palme e della Passione del Signore
11 Apr 2019

Sulla Croce, Gesù è pura bellezza

V meditazione di Quaresima in Porziuncola
15 Mag 2019

Ester, la piccola sorgente che divenne un fiume

«La piccola sorgente che divenne un fiume» (Est 10,3c), così Mardocheo definisce Ester, la giovane orfana ebrea di umili origini che, divenuta regina, salvò il suo popolo dallo sterminio ordito da Aman, il potente ministro del re di Persia. La sua storia è riportata nell’omonimo libro biblico, libro che è...