MERCOLEDÌ della III sett. del T.O. Feria (verde)
mercoledì, 27 gennaio 2021
Il centro di accoglienza della Caritas compie 20 anni 03 Set 2014

Allarme povertà: 109 mila umbri a rischio

Venti anni di accoglienza, dal 1994 nel centro storico di Assisi, luogo di passaggio di viandanti da ogni parte del mondo alla struttura vicino alla stazione di Santa Maria degli Angeli.

E’ anche questo il segno di una “Chiesa gioiosa e missionaria” che giovedì 4 e venerdì 5 settembre, in occasione dell’assemblea diocesana, celebrerà i vent’anni della fondazione del Centro di prima accoglienza della Caritas.

In questi anni, come sottolinea l’ex direttore della Caritas diocesana padre Vittorio Viola in un’intervista sul bollettino diocesano “Chiesa Insieme” il fenomeno povertà ha avuto una crescita esponenziale.

Ci sono situazioni che potremmo dire croniche ma ci sono nuove forme di povertà legate alla crisi economica che è anche crisi dei valori: i nuovi volti delle dipendenze (penso ad esempio a quelle del gioco d’azzardo), la perdita del lavoro, le crisi familiari, la solitudine degli anziani, gli immigrati sopravvissuti al deserto e al mare ma che non riescono a superare l’ostacolo di un permesso di soggiorno. In Umbria – continua padre Viola – ci sono oltre 36mila famiglie povere. Il dato è pari al 9 per cento delle famiglie della regione, di queste circa 6.300 versano in uno stato di estrema gravità mentre altre 19mila sono appena al di sopra della soglia di povertà. Questo esito è stato ottenuto calcolando la spesa per i consumi, ma se invece si considera il reddito familiare disponibile, gli umbri a rischio povertà sono circa 109mila”.

E’ per questo che la Diocesi ha deciso di concludere l’assemblea, che affronterà i temi della crisi della famiglia e dei valori, con la visita al centro di accoglienza di Santa Maria degli Angeli dove opera la Fondazione dei Santi Rufino e Rinaldo e dove da due settimane è attiva una piccola comunità di Frati minori.

Il momento di fraternità sarà l’occasione per consegnare un riconoscimento ai direttori della Caritas che si sono succeduti e proiettare un video sui vent’anni del centro dove il 4 ottobre Papa Francesco ha pranzato con gli “ultimi”.



Caritas Casa Papa Francesco Papa Francesco Povertà Vittorio Viola

Articoli correlati

01 Gen 2021

La cultura della cura come percorso di pace

Messaggio di Papa Francesco per la LIV Giornata Mondiale della Pace
11 Dic 2020

Con cuore di padre

Papa Francesco indice uno speciale Anno di San Giuseppe
27 Nov 2020

A nome dei giovani e dei poveri della Terra, chiediamo che...

Messaggio conclusivo dei giovani economisti di The Economy of Francesco
20 Nov 2020

Turkson ai giovani: date un'anima all'economia del futuro

Il messaggio del cardinale, prefetto del Dicastero per il Servizio dello sviluppo umano integrale in apertura dell'evento voluto da papa Francesco per una nuova economia
14 Nov 2020

“Tendi la tua mano al povero”

Domenica 15 novembre - IV Giornata Mondiale dei Poveri
25 Ott 2020

Padre Mauro Gambetti annunciato Cardinale da Papa Francesco

La nomina nel Concistoro del 28 novembre 2020
18 Gen 2021

Sposarsi in chiesa è ancora una scelta di fede?

Il matrimonio, nel corso dei secoli e in maniera differente secondo le culture, ha sempre avuto una rilevanza pubblica. Anche i cristiani si sono inseriti all’interno delle diverse tradizioni che davano stabilità e riconoscimento sociale al matrimonio. Tuttavia, essi si contraddistinguevano attribuendo un valore sacramentale al loro sposarsi.