ePrivacy and GPDR Cookie Consent management by TermsFeed Privacy Policy and Consent Generator
Primi Vespri nel Transito di san Francesco 04 Ott 2019

Francesco spalanca le strade della vera fraternità

La solennità di San Francesco, patrono d’Italia, ha visto quest’anno la Toscana quale regione pellegrina nella terra del Poverello. La celebrazione dei Primi Vespri nel Transito è stata così presieduta dall’Arcivescovo Metropolita di Pisa, S.Ecc. Mons. Giovanni Paolo Benotto, alla presenza di tutta la conferenza episcopale toscana, del legato pontificio per le basiliche di Assisi, S. Em. Card. Agostino Vallini, del Vescovo di Assisi, S. Ecc. Mons. Domenico Sorrentino, dei Ministri Generali e Provinciali delle Famiglie Francescane, delle autorità civili e militari toscane e umbre e dei pellegrini della Toscana. 

Il Vescovo di Assisi ha salutato l’assemblea ricordando come san Francesco fosse giunto in questo luogo totalmente abbandonato al suo Signore in attesa di Sorella Morte dopo essersi preparato proprio in terra toscana, in quel di La Verna, con la quaresima che lo ha portato a ricevere il dono delle Stimmate.

Mons. Benotto ha tracciato un profilo del Santo quale campione splendido di santità ma non per questo inarrivabile. Egli è modello a cui ispirarci per poter diventare anche noi pacificatori in un mondo turbato da paure e che vede la speranza scomparire. Francesco, fratello e amico di tutti, presenta Cristo crocifisso e risorto, povero e nudo, come compagno di viaggio sulla strada delle beatitudini per realizzare il progetto d’amore del Padre. 

“Per san Francesco, la passione per Cristo è anche passione per l’uomo – ha affermato il presule – passione di chi si fa pellegrino di pace nei confronti del Sultano d’Egitto, disponibilità ad entrare nelle vicende della vita sociale per favorire relazioni di fiducia e convivenza pacifica”. 

“E’ questo stile di vita – ha proseguito - che diventa forza di evangelizzazione per la gente del suo tempo. Evangelizzazione a tutto campo che, nell’obbedienza alla gerarchia della Chiesa, consente a lui e ai suoi seguaci di operare un rinnovamento della vita ecclesiale e sociale che ha lasciato un impronta indelebile nella storia del nostro popolo”. 

Si è svolta, quindi, la tradizionale consegna dei doni da parte delle Autorità Civili della Toscana nelle mani del Ministro Provinciale, p. Claudio Durighetto e la celebrazione si è conclusa con il canto dell’antifona Salve Sancte Pater, tradizionale invocazione dei francescani al loro Padre Serafico.   



Cappella del Transito Claudio Durighetto Festa Fraternità Porziuncola San Francesco Toscana Transito di San Francesco

Articoli correlati

20 Mag 2024

Tra fede e bellezza, torna la Notte dei Santuari

Un'iniziativa promossa dal Collegamento nazionale dei Santuari italiani insieme all’Ufficio nazionale per la Pastorale del tempo libero, turismo e sport della Cei
17 Mag 2024

In cammino verso il Ben-Essere

A Umbertide, la seconda edizione della manifestazione: Sto coi frati e zappo l’orto. In cammino verso il Ben-Essere
10 Mag 2024

Un Giubileo tutto sulla Speranza

Papa Francesco emana la Bolla di indizione del Giubileo del 2025 Spes non confundit, la speranza non confonde
07 Mag 2024

OFS d’Italia: eletto il nuovo Consiglio nazionale. Luca Piras riconfermato presidente

Ad Assisi, il 4 Maggio, l’Ordine Francescano Secolare d’Italia ha eletto il suo nuovo Consiglio nazionale: a guidare la fraternità dei laici francescani saranno Luca Piras
03 Mag 2024

L’esperienza del Francescout

Sulle orme del Poverello di Assisi, alla sequela di Cristo, cercando di conoscere il segreto della sua gioia
29 Apr 2024

“Lo vide e ne ebbe compassione”(Lc 10,33). Dall’indifferenza alla cura

A Santa Maria degli Angeli il V Convegno Nazionale dei Cappellani e degli Operatori per la Pastorale Penitenziaria.
25 Apr 2024

Benedetti... benediciamo!

Siamo andati a conoscere l’Angolo delle Benedizioni: si tratta di un servizio attivato da qualche anno nel cuore del Santuario di S. Maria degli Angeli



  • 11 Apr 2024

    Pregò e disse: Ave Maria

    Presentazione a Stroncone di quella che si ritiene essere, al momento, la più antica versione dell'Ave Maria: risale al Trecento