MERCOLEDÌ della XI sett. del T.O. Feria (verde)
mercoledì, 19 giugno 2019
Condusse una vita di contemplazione unita ad una grande austerità 07 Feb 2017

Beato Antonio da Stroncone

Religioso (1381-1461)
Memoria liturgica: 7 febbraio

Antonio nacque agli inizi del 1381 a Stroncone, da Vico e Isabella della nobile famiglia Vici. A 12 anni circa entrò come frate minore nel convento del suo paese, in cui vigeva la riforma dell’Osservanza. Dopo la professione religiosa, si trasferì in Toscana presso suo zio, fr. Giovanni da Stroncone, di cui aveva conosciuta la fama di santità. Giovanni era il primo vicario del beato Paolo Trinci da Foligno, iniziatore della riforma dell’Osservanza. Successivamente, Antonio fu inviato in Maremma e in Corsica, dove si adoperò per la diffusione della riforma. Tornato in Umbria, dimorò nei conventi di Perugia e Bettona; per circa trent’anni dimorò all’Eremo delle Carceri di Assisi, abitando in una grotta della selva; infine fu a San Damiano.

Religioso non sacerdote, come la maggior parte degli osservanti della prima generazione, Antonio condusse una vita di contemplazione unita ad una grande austerità: mangiava solo pane e acqua, andava sempre scalzo, portava solo una tunica; si ricorda poi che praticasse nella giovinezza la “gummodia”, consistente nel fare mille genuflessioni ogni giorno. Passava molti giorni senza mangiare cosa alcuna, in particolare dal Giovedì santo fino alla Domenica di Resurrezione. Divenuto anziano, gli altri frati gli dicevano di mangiare carne, o pesce; ma Antonio rispondeva loro che quei cibi gli facevano male. Chiedendogli come potessero fargli male vivande così buone, soggiunse: “fanno male all’anima mia”. Austero con se stesso, fu invece generoso con i fratelli e con i secolari che lo avvicinavano. Rifuggiva l’ozio e, tra le altre mansioni, svolgeva il servizio di sacrestano. Coltivò sempre e con grande impegno l’umiltà, prestandosi per i più vili servizi della fraternità, terminati i quali si rinchiudeva nel silenzio della contemplazione. Accettava per amore di Dio le tribolazioni della vita e le umiliazioni da parte del prossimo.

Il Signore gli concesse lo spirito di profezia, tanto da essere noto ed ammirato da persone umili e da personaggi di rango, dai confratelli semplici e da quelli più acculturati, tra cui san Giacomo della Marca.

Dopo 68 anni di vita religiosa e dopo aver riconsegnato al guardiano le piccole cose che aveva avuto in uso, per esempio il libro delle preghiere, passò alla vita eterna il 7 febbraio 1461 nel convento di San Damiano. Il suo sepolcro fu illustrato da numerosi miracoli. Il suo corpo, riesumato e trovato intatto, fu traslato nel 1809 nella chiesa di San Francesco a Stroncone.

Il suo culto fu confermato da papa Innocenzo XI il 28 giugno 1687.

In SANTI NOSTRI QUOTIDIANI, di Cornelio Pallares
dal n. 1/2016 della Rivista Porziuncola



Beato Antonio da Stroncone Biografia Cornelio Pallares

Articoli correlati

24 Set 2018

Buon cammino a tutti verso il paradiso…

Celebrazione Eucaristica nella Festa degli angeli
11 Set 2018

Beati i primi, se accolgono gli ultimi

Festa degli angeli 2018
17 Ago 2018

Festa del Beato Antonio Vici 2018

A Stroncone, dal 18 al 21 agosto
29 Apr 2018

San Francesco: un amante nel vero e più alto senso della parola

La vita dell’Assisiate scritta da Gilbert Chesterton e recensita da Giovanni Battista Montini
05 Dic 2017

La più antica testimonianza dell’Ave Maria

Conservata nel Convento di San Damiano
16 Nov 2017

San Bonaventura a Roma

La reliquia del braccio con cui scrisse la vita di san Francesco
19 Giu 2019

Agostino. La speranza cristiana nel commento ai salmi ascensionali

Verrà presentato domenica 23 giugno 2019 alle ore 16, presso la Domus Pacis a Santa Maria degli Angeli, il testo di p. Graziano Maria Malgeri, Agostino. La speranza cristiana nel commento ai salmi ascensionali. All’evento interverrà per un saluto p. Claudio Durighetto, Ministro provinciale dei Frati minori dell’Umbria. Previsti inoltre gli...