MERCOLEDI della XXIV sett. del T.O S. GIUSEPPE DA COPERTINO, sacerdote I O. – MEMORIA (bianco)
mercoledì, 18 settembre 2019
Presentazione del libro 26 Gen 2015

Beato il servo che...

Beato il servo che....

L’integralismo è considerare un determinato testo come sacro – può essere i Veda o la Torah, la Bibbia o il Corano, la Regola francescana o il Vangelo – e volerlo osservare integralmente.

Molto simile è il fondamentalismo, ossia l’assolutizzazione di alcuni testi ritenuti fondamentali cercandovi in forma fanatica – e quindi con fanatismo – norme per la vita individuale e collettiva. Quindi vi sono molti tipi di integralismi e fondamentalismi fanatici, quale ad esempio quello induista, ebraico, cristiano islamico, francescano, evangelico; vi è pure un integralismo laicista, agnostico, eccetera. Di fronte a questi assolutismi sembra che l’unica via alternativa sia quella di una identità sbiadita, debole, senza fierezza.

Anche l’esperienza religiosa di Francesco d’Assisi appare come un integralismo fondamentalista nel suo volersi conformare al Vangelo. Eppure nessuno oggi classificherebbe l’Assisiate come un integralista fondamentalista fanatico. Che cosa fece sì che il suo rispetto assoluto per il Vangelo – Tommaso da Celano afferma che «ovunque trovava qualche scritto […] lo raccoglieva con grande rispetto […] nel timore che vi si trovasse il nome del Signore, o qualcosa che lo riguardasse» – non diventasse un integralismo fondamentalista fanatico?

A ben osservare Francesco era certamente attento alla lettera evangelica, ma per cogliervi lo spirito in essa contenuto e quindi la sua osservanza del Vangelo non fu letterale e senza commenti – cosa che lo avrebbe reso appunto un integralista fondamentalista fanatico – ma, per dirlo in modo sintetico, “spiritualmente letterale”. Ossia la lettera è importante per lo spirito che contiene e lo spirito evangelico è accessibile solo grazie alla lettera.

In modo sintetico si può affermare che una fede integrale che congiunge lettera e spirito è il miglior antidoto all’integralismo, ossia all’assolutizzazione di un particolare. Tutto ciò traspare nel libro di Pietro Maranesi e Massimo Reschiglian: dalla lettura si scoprirà che Francesco d’Assisi indica una via per congiungere identità e rispetto, ossia proprio quella sintesi che attualmente sembra impossibile da trovarsi e causa gravi problemi.

Sabato 31 gennaio 2015, ore 17.00

Terni - Libreria Paoline - Via Mazzini, 25

Presentazione del libro

P. MARANESI - M. RESCHIGLIAN
"Beato il servo che..." Intorno alle Ammonizioni di frate Francesco
Ediz. Biblioteca Francescana - Milano 2014

Intervengono:

  • PIETRO MESSA, ofm
  • ANGELA CHERMADDI
  • MASSIMO RESCHIGLIAN, ofm

 

Libreria Paoline
tel. 0744-4050305
libreria.tr@paoline.it



Libro Massimo Reschiglian Pietro Maranesi Presentazione Terni

Articoli correlati

02 Set 2019

Umiltà e gratuità siano lo stile del vostro “si”

Prima professione dei voti di tre novizi a San Damiano
11 Ago 2019

Siate sempre amanti di Dio e delle vostre anime

Veglia di preghiera a s. Damiano
08 Lug 2019

Una lettera d’amore scritta ai giovani…

Presentazione del libro “Un mondo a colori. La storia di Marianna”
25 Giu 2019

Vita e miracoli di Santa Rosa da Viterbo

Dal Processo di canonizzazione del 1457
24 Giu 2019

Agostino e la speranza cristiana nel commento ai Salmi ascensionali

Alla Domus Pacis di Assisi, presentazione del libro di p. Graziano Malgeri
12 Set 2019

Francesco, uomo di Parola

Meditare sugli scritti e sui luoghi del santo di Assisi