SABATO della XIX sett. del T.O. Feria (verde)
sabato, 17 agosto 2019
Ad Assisi per pregare per la pace 20 Set 2016

Campane a festa accolgono il Papa a Santa Maria degli Angeli

In ginocchio a pregare il Dio della pace, insieme, “oltre le divisioni delle religioni”, fino a sentire la “vergogna” della guerra e senza “chiudere l’orecchio” al grido di dolore di chi soffre. Lo spirito col quale il Papa è partito per Assisi è stato spiegato da Francesco stesso all’omelia della Messa celebrata prima della partenza in Casa S. Marta.

“Non esiste un dio di guerra”. La guerra, la disumanità di una bomba che esplode facendo morti e feriti, tagliando la strada “all’aiuto umanitario” che non può arrivare a bambini, anziani, malati, è solo opera del “maligno” che “vuole uccidere tutti”. Per questo, è necessario pregare, anche piangere per la pace, tutte le fedi unite nella convinzione che “Dio è Dio di pace”.

“Oggi, uomini e donne di tutte le religioni, ci recheremo ad Assisi. Non per fare uno spettacolo: semplicemente per pregare e pregare per la pace”, sono le prime parole del Papa all’omelia. E ovunque, ricorda Francesco – come da lui chiesto in una lettera “a tutti i vescovi del mondo – oggi sono organizzati “raduni di preghiera” che invitano “i cattolici, i cristiani, i credenti e tutti gli uomini e le donne di buona volontà, di qualsiasi religione, a pregare per la pace”, giacché – esclama nuovamente – “il mondo è in guerra! Il mondo soffre!”: “Oggi la Prima Lettura finisce così: ‘Chi chiude l’orecchio al grido del povero, invocherà a sua volta e non otterrà risposta’. Se noi oggi chiudiamo l’orecchio al grido di questa gente che soffre sotto le bombe, che soffre lo sfruttamento dei trafficanti di armi, può darsi che quando toccherà a noi non otterremo risposte. Non possiamo chiudere l’orecchio al grido di dolore di questi fratelli e sorelle nostri che soffrono per la guerra”.

Noi la guerra “non la vediamo”, sostiene Francesco. “Ci spaventiamo” per “qualche atto di terrorismo” ma “questo non ha niente a che fare con quello che succede in quei Paesi, in quelle terre dove giorno e notte le bombe cadono e cadono” e “uccidono bambini, anziani, uomini, donne…”. “La guerra è lontana?”, si chiede il Papa. “No! E’ vicinissima”, perché “la guerra tocca tutti, la guerra incomincia nel cuore”: “Che il Signore ci dia pace nel cuore, ci tolga ogni voglia di avidità, di cupidigia, di lotta. No! Pace, pace! Che il nostro cuore sia un cuore di uomo o di donna di pace. E oltre le divisioni delle religioni: tutti, tutti, tutti! Perché tutti siamo figli di Dio. E Dio è Dio di pace. Non esiste un dio di guerra: quello che fa la guerra è il maligno, è il diavolo, che vuole uccidere tutti”.

Di fronte a questo non possono esserci divisioni di fede, ribadisce Francesco. Non basta ringraziare Dio perché magari la guerra “non ci tocca”. “Sì, ringraziamo per questo – dice – ma pensiamo anche agli altri: Pensiamo oggi non solo alle bombe, ai morti, ai feriti; ma anche alla gente – bambini e anziani – alla quale non può arrivare l’aiuto umanitario per mangiare. Non possono arrivare le medicine. Sono affamati, ammalati! Perché le bombe impediscono questo. E, mentre noi oggi preghiamo, sarebbe bello che ognuno di noi senta vergogna. Vergogna di questo: che gli umani, i nostri fratelli, siano capaci di fare questo. Oggi giornata di preghiera, di penitenza, di pianto per la pace; giornata per sentire il grido del povero. Questo grido che ci apre il cuore alla misericordia, all’amore e ci salva dall’egoismo”.

Alle 11.25 il tanto atteso atterraggio di Papa Francesco nel campo sportivo di Santa Maria degli Angeli salutato da un festoso e lungo (durato quasi 20 minuti) suono di campane a festa che dalla Basilica della Porziuncola hanno fatto salire dalla pianura spoletana la gioia di accogliere nuovamente il Santo Padre, dopo la visita privata dello scorso 4 agosto alla Porziuncola (leggi Il perdono genera paradiso e La visita del Papa, tra pubblico e privato).

Ora i nostri occhi e le nostre orecchie sono rivolte a quanto accadrà oggi nella Basilica di San Francesco, i nostri cuori sono in preghiera in comunione con uomini e donne di altre fedi, nessuna delle quali può avere come finalità la distruzione dell’uomo, e con tutti coloro che sono mossi da buona volontà.



Festa Pace Papa Francesco Spirito di Assisi

Articoli correlati

15 Lug 2019

Proselitismo no, ma missione sì!

L’essenza della missione nelle parole di San Francesco e di Papa Francesco
28 Giu 2019

Ascolto, Amicizia, Apertura: le parole “chiave” sui giovani di Papa Francesco

Brevi considerazioni sull’Esortazione Apostolica Christus Vivit
17 Giu 2019

Assisi: Mons. Marcianò abbraccia il card. Simoni: “è principe alla maniera di Cristo”

Alla Domus Pacis, chiusura del Convegno dell’Ordinariato militare
08 Giu 2019

Papa Francesco a Camerino sotto il manto di Maria, come santa Camilla Battista da Varano

Il 16 giugno la visita del Santo Padre a Camerino
06 Giu 2019

Festa di Sant’Antonio di Padova in Porziuncola

Programma degli appuntamenti
06 Giu 2019

Festa di Sant’Antonio a Terni

Tra gli appuntamenti anche don Renzo Bonetti
Leggi altre notizie dallo speciale

08 Ago 2019

Bomboniere missionarie…e Pietro si è illuminato!

Testimonianza di chi ha scelto di sostenere le Missioni dei Frati Minori di Assisi