ePrivacy and GPDR Cookie Consent management by TermsFeed Privacy Policy and Consent Generator
Conclusione del Capitolo provinciale elettivo 2014 17 Mag 2014

Celebrazione Eucaristica e condivisione fraterna conclusiva

Ecco, com’è bello e com’è dolce
che i fratelli vivano insieme!

(Sal 133,1)

Questa mattina, nella memoria liturgica del santo frate minore Pasquale Baylon, i frati capitolari si sono recati al santuario dell’Amore Misericordioso di Collevalenza per la celebrazione eucaristica conclusiva del Capitolo provinciale elettivo presieduta dal Ministro provinciale.

Fr Claudio Durighetto ha iniziato l’omelia esprimendo un gran senso di gratitudine:

Ringraziamo il Signore per quanto ci ha donato in questi giorni di lavoro, intenso ma sostenuto dalla comunione, dalla carità. L’amore di Dio infatti rende agile il cammino, lo Spirito da forza e slancio alle nostre azioni”.

Poi ha aggiunto:

Adesso torniamo nelle nostre comunità, riprendiamo il cammino anche in un’apertura alla novità perché questi impulsi che lo Spirito ci ha donato dovranno tradursi in fatti, comunità, opere … ma è importante che siano le opere di Dio!

Gesù ha detto «anche voi compirete le stesse opere e ne compirete anche di più grandi, se sarete con me, se io sarò con voi».

Noi non siamo i salvatori della patria, dell’Europa o delle genti: Gesù è il Salvatore, noi siamo dei salvati che trasmettono, comunicano, annunciano questa salvezza che noi stessi abbiamo ricevuto. Siamo dei graziati che si fanno testimoni della misericordia ricevuta”.

Poi il Ministro ha indicato due aspetti, tratti dalla Parola proclamata, che ci offrono la possibilità di realizzare la missione di cui parlava: la sapienza della croce ed il rimanere nel suo amore, per le quali rimandiamo alla registrazione audio dell’intera omelia.

Il sentimento di gratitudine espresso dal Ministro durante la celebrazione eucaristica ha trovato un’eco ampia nella condivisione finale che i capitolari hanno tenuto in mattinata: un momento di fraternità ricolmo di carità.

Ancora ringraziamenti per p. Bruno per il servizio prestato nel sessennio appena trascorso, apprezzamenti per lo spirito di comunione che tutti i frati capitolari hanno condiviso e con cui si sono ascoltati e confrontati. Un grazie particolare a coloro che hanno curato la liturgia, per aver dato a tutti la possibilità di calare e vivere il Capitolo celebrato, ogni giorno, in un contesto bello di preghiera.

Il capitolo poi si è ufficialmente concluso con la celebrazione di congedo che nella sua breve struttura prevedeva la lettura del cap. XVIII dei Fioretti in cui si narra del famosissimo Capitolo delle Stuoie tenuto da San Francesco insieme ad altri 5000 frati dinanzi alla Porziuncola in Santa Maria degli Angeli.

Ricevuta la benedizione del presidente del Capitolo, il Visitatore generale fr Gilberto Soracchi, i frati hanno fatto ritorno nelle proprie Comunità.



Capitolo Claudio Durighetto Collevalenza Conclusione Condivisione

Articoli correlati

01 Mag 2023

Congregavit nos in unum Christi amor

Assemblea provinciale e santa Messa conclusiva del Capitolo provinciale intermedio 2023
26 Apr 2023

Il Capitolo provinciale elegge i nuovi Definitori

Accompagniamo i nostri fratelli con la preghiera
22 Apr 2023

La Provincia Serafica dell’Umbria e la Custodia di Sardegna diventano un’unica Provincia OFM

Il decreto del Ministro Generale OFM letto stamattina dal Vicario Generale davanti alla Porziuncola
21 Apr 2023

Guardare a Cristo con gli occhi di Francesco

Giornata di ritiro e di ascolto per introdurre il Capitolo intermedio
19 Apr 2023

Celebrazione di apertura del Capitolo intermedio 2023

Da oggi fino al 29 aprile alla Domus Pacis
17 Apr 2023

Radicati in Cristo, aperti allo Spirito

I Frati minori di Umbria e Sardegna riuniti in Capitolo
Leggi altre notizie dallo speciale

25 Apr 2024

Benedetti... benediciamo!

Siamo andati a conoscere l’Angolo delle Benedizioni: si tratta di un servizio attivato da qualche anno nel cuore del Santuario di S. Maria degli Angeli



  • 11 Apr 2024

    Pregò e disse: Ave Maria

    Presentazione a Stroncone di quella che si ritiene essere, al momento, la più antica versione dell'Ave Maria: risale al Trecento