SABATO della V sett. di Pasqua Feria (bianco)
sabato, 25 maggio 2019
Dipinti di Daniela Dian 21 Feb 2010

Cercando il volto di Cristo

Daniela Dian è nata a Torino il 23 novembre 1962. Dal 2000 vive e opera a Marina di Ginosa in provincia di Taranto. Per Daniela il mistero può essere rivelato ma mai svelato completamente e la pittura, come la poesia, offrono la possibilità di suggerire, evocare, stimolare alla ricerca, fornire chiavi di lettura sempre personali ma riconducibili ad una essenza la cui natura è immutabile.

Nei diversi volti di Cristo dipinti da Daniela Dian rimangono invariate le proporzioni occhi-naso-bocca, ma l'autrice si apre a un ventaglio di possibili interpretazioni stilistiche e coloristiche che conferiscono una forte dinamicità alla ricerca e confermano una personalissima dimestichezza con il colore e con le varie tecniche. Il volto è quello classico sindonico, visto fin da piccola e con il quale l'artista rimane legata emotivamente e nostalgicamente, come attraverso un filo invisibile, alla sua città natale. Di Torino Daniela conserva i tratti decisi e impegnati, la volontà di trasformazione e di cambiamento tipiche delle città industrializzate ma nel contempo, la nostalgia della vecchia Torino, quella del centro storico, dei caffè storici, delle librerie storiche che ora, talvolta chiudono per dare spazio a negozi di chincaglieria cinese.

Tutta l'arte di Daniela è protesa verso il recupero di valori eterni: bellezza, gioia, pace, verità, contemplazione, preghiera. L'arte di Daniela Dian non è classificabile con una corrente ben precisa. E' chiaro che ha ben assimilato i canoni dell'arte del ventesimo secolo, ma c'è anche qualcosa di molto primitivo, qualcosa che nasce dalla genesi umana e che si esprime attraverso dei codici comprensibili a tutti. Ella cerca un linguaggio universale e lo fa attraverso la gioia del colore e la purezza dei concetti. 

La capacità di ricrearsi e di rinnovarsi è la vera caratteristica dell'arte di Daniela Dian, la quale non si accontenta ti tela, olio e pennelli, ma estende la propria ricerca verso l'utilizzo di altri materiali come il plexiglass e la cartapesta, e verso un'altra forma di arte, la poesia, scritta sulla carta con gli stessi dinamismi delle pennellate.

La mostra è stata presentata da don Nazzareno Marconi che, per l'occasione, ha condiviso con i presenti un Commento al Salmo 27.



Cercando il volto di Cristo Daniela Dian Mostra Museo

Articoli correlati

06 Mag 2019

Arte Pensiero Musica “Un Dono: donarsi e saper donare”

Omaggio artistico e musicale dedicato alla chiusura della mostra “L’Arte come Via Mistica”
03 Mag 2019

Mirabilia…

Recensione del Prof. Ennio Cerrini alla Mostra di Elisabetta Zanganelli in Porziuncola
24 Apr 2019

Arte, Pensiero e Musica...

Sabato 4 maggio alle ore 17:00 al Museo della Porziuncola
08 Mar 2019

“L’Arte come Via Mistica”

Prorogata la personale di Elisabetta Zanganelli al Museo della Porziuncola
15 Feb 2019

Una perla di arte e storia

Alla scoperta del Museo della Porziuncola
09 Feb 2019

Lo Status Quo della Terra Santa

Mostra al Museo d’Arte di Tel Aviv
20 Mag 2019

Quel che passa il convento

La comunità di Santa Maria della Spineta è lieta di invitarvi a cena. Il menù? “Quel che passa il convento”. I'8, 15 e 22 giugno, alle ore 19.00 sarà possibile trascorre un sabato sera unico, prenotando un tavolo al convento francescano. Un frate vi farà da guida, mostrandovi i suggestivi ambienti del complesso conventuale. Potrete gustare buoni...



  • 03 Mag 2019

    Mirabilia…

    Recensione del Prof. Ennio Cerrini alla Mostra di Elisabetta Zanganelli in Porziuncola