MERCOLEDI della XXIV sett. del T.O S. GIUSEPPE DA COPERTINO, sacerdote I O. – MEMORIA (bianco)
mercoledì, 18 settembre 2019
Uno dei sette Vescovi presenti all’annuncio dell’Indulgenza della Porziuncola 08 Feb 2017

Domani la festa di San Rinaldo

NOCERA UMBRA – Sarà il vescovo della diocesi di Assisi – Nocera Umbra – Gualdo Tadino monsignor Domenico Sorrentino a presiedere il pontificale di giovedì 9 febbraio alle ore 11 a Nocera Umbra, in occasione della festa del patrono San Rinaldo. La solennità di quest’anno assume un’importanza ulteriore perché si celebrano gli 800 anni della morte del Santo che fu molto amico di San Francesco, perché fu tra i sette vescovi umbri che il 2 agosto 1216 promulgarono l’indulgenza della Porziuncola.

La comunità locale si sta preparando alla solennità con la tradizionale novena mentre mercoledì 8 ci saranno i primi vespri e l’apertura dell’urna con le spoglie mortali del patrono di Nocera. “Mi auguro che questo anniversario così importante – ha dichiarato il parroco don Ferdinando Cetorelli – ci porti tanta grazia, secondo il percorso di sinodalità che, come chiesa locale, abbiamo intrapreso. Questo legame con San Francesco è un ulteriore segnale di comunione e convergenza della nostra comunità”.

La festa solenne di giovedì è solo il primo di una serie di appuntamenti in programma in questo anno di celebrazioni ed eventi in onore del santo patrono di Nocera. Il 24 settembre, per esempio, ci sarà una celebrazione presieduta dal cardinale Beniamino Stella. La sua presenza ha una forte rilevanza celebrativa e rievocativa: da un lato perché fu ordinato sacerdote dallo zio Costantino Stella, già vescovo di Nocera Umbra e Gualdo Tadino nel quinquennio 1945-1950 e dall’altro proprio perché nel 1948 il vescovo Stella indisse l’ultimo sinodo a Nocera.

Tra le altre iniziative da segnalare c’è un importante progetto con i ragazzi delle scuole del territorio che verranno coinvolti dalla compagnia di Carlo Tedeschi in dei laboratori teatrali per la realizzazione di un musical su San Rinaldo e in particolare sul suo legame con San Francesco.

San Rinaldo nacque nel 1157 ed era l’erede del conte di Postignano, Napoleone Trinci; diciottenne abbandonò le sue ricchezze per vivere un’esistenza da eremita prima sul Serrasanta, poi a Fonte Avellana (dove rimase circa 30 anni). Alla morte del vescovo di Nocera Ugo, nel 1218, prese il suo posto fino al giorno della morte. Le leggende circa la sua vita e la sua santità sono molte ma forse, ciò per cui San Rinaldo è più ricordato, era ed è amato dalla popolazione nocerina furono le sue doti morali, l’abbandono della ricchezza, del lusso e la scelta di una vita umile, vissuta in povertà e penitenza.



Indulgenza Perdono di Assisi San Rinaldo

Articoli correlati

03 Ago 2019

Questo luogo è santo

Migliaia di persone alla Porziuncola per vivere il Perdono
02 Ago 2019

La Porziuncola ci parla di misericordia, parla di noi!

Cronaca della lunga giornata di apertura del Perdono di Assisi
01 Ago 2019

Il Perdono della Porziuncola

Solenne apertura delle Celebrazioni
01 Ago 2019

Impariamo ad accettare l'amore incondizionato di Dio per noi

Apertura del Perdono di Assisi: Omelia del Ministro generale fra Michael Perry
01 Ago 2019

La misericordia si fa…strada!

Riparte il cammino dei marciatori di Umbria-Sardegna e della “piccola marcia” con i fratelli disabili
01 Ago 2019

La Chiesa, luogo della fratellanza universale

3^ meditazione del Triduo in preparazione alla Solennità del Perdono di Assisi
28 Ago 2019

Guatemala, anno Domini 1981

Padre Tullio Maruzzo – al secolo Marcello – sacerdote professo dell’Ordine dei Frati Minori e Luis Obdulio Arroyo Navarro, il suo giovane catechista, dell’Ordine francescano secolare, uccisi insieme “in odium fidei” il primo luglio 1981 mentre tornavano in parrocchia dopo un incontro di catechesi.