LUNEDÌ della XVI sett. del T.O. S. BRIGIDA, religiosa, patrona d’Europa – FESTA (bianco)
lunedì, 23 luglio 2018
Francesco e la predica agli uccelli 12 Gen 2018

E tutti gli uccelli si levarono in aria…

La predica agli uccelli è uno degli episodi più famosi della vita di San Francesco; uno di quei racconti che si ascoltano fin da bambini e che poi, inevitabilmente, entrano a far parte dell’immaginario collettivo e della devozione popolare. Un fondamentale contributo alla sua diffusione è stato offerto da Giotto, grazie al famoso affresco collocato nella Basilica superiore di Assisi (dipinto tra il 1290 e il 1295), che riproduce la scena con tocchi di grande poesia: il Santo è rappresentato invecchiato e il suo volto esprime una grande dolcezza.

Questo episodio è riportato nelle Fonti, narrato da san Bonaventura: «Andando il beato Francesco verso Bevagna, predicò a molti uccelli; e quelli esultanti stendevano i colli, protendevano le ali, aprivano i becchi, gli toccavano la tunica; e tutto ciò vedevano i compagni in attesa di lui sulla via».

Una versione più poetica, e dunque meno attenta alla cronaca dell’avvenimento, ci è stata invece tramandata dai Fioretti (cap. XVI): «...et venne fra Cannara et Bevagna. E passando oltre con quello fervore, levò gli occhi e vide alquanti arbori allato alla via, in su’quali era quasi infinita moltitudine d’uccelli. E entrò nel campo e cominciò a predicare alli uccelli ch’erano in terra; e subitamente quelli ch’erano in su gli arbori se ne vennono a lui insieme tutti quanti e stettono fermi, mentre che santo Francesco compié di predicare (…). Finalmente compiuta la predicazione, santo Francesco fece loro il segno della croce e diè loro licenza di partirsi; e allora tutti quelli uccelli si levarono in aria con maravigliosi canti, e poi secondo la croce c’aveva fatta loro santo Francesco si divisoro in quattro parti (…) e ciascuna schiera n’andava cantando maravigliosi canti».

Secondo la tradizione, la predica agli uccelli ebbe luogo sull’antica strada che congiungeva il castello di Cannara a quello di Bevagna, nei pressi di Assisi. Oggi il punto dove il Poverello realizzò il miracolo è segnalato da una pietra sita in località Piandarca nel Comune di Cannara, in un’area tutt’ora incontaminata, raggiungibile attraverso un sentiero che inizia appena fuori il paese e si snoda attraverso i campi.

Nei pressi della pietra e lungo l’attuale strada che porta a Bevagna (la SP403) è edificata anche una piccola edicola a ricordo del miracolo.



Fioretti Predicazione San Francesco Uccelli

Articoli correlati

12 Lug 2018

E Benozzo dipinse Francesco

Le Storie della vita di San Francesco nell’omonima chiesa di Montefalco
28 Giu 2018

S come Specchio

Francesco, modello di santità e alter Christus
20 Giu 2018

Storia di Francesco

Il Santo di Assisi
07 Giu 2018

Storia dei frati Minori nei secoli XIII-XIV: Interpretazioni e fonti a confronto

Settimana di francescanesimo, Montecalvo Irpino 3 - 7 luglio 2018
06 Giu 2018

Finalmente libero

Francesco d’Assisi, un giovane in ricerca
24 Mag 2018

Indemoniati liberati

Miracoli di San Francesco sul modello evangelico
21 Lug 2018

La Tuscia viterbese

Scorrendo l’inventario della sezione “Conventi chiusi” dell’Archivio storico della Provincia Serafica dei Frati Minori in Umbria, colpisce la presenza di quattro nuclei documentari relativi a conventi non umbri e neanche assimilabili a case religiose di carattere missionario: si tratta degli archivi dei conventi di San Giovanni Battista a Celleno, dell’Immacolata...