VENERDI della XXIV sett. del T.O. SS. ANDREA KIM TAE-GŎN e compagni, martiri – MEMORIA (rosso)
venerdì, 20 settembre 2019
Si può vivere senza un perché, ma non senza un per chi! 13 Gen 2015

Festa dei Protomartiri Francescani 2015

Il sangue dei Protomartiri Francescani è stato il seme della vocazione minoritica di Fernando da Lisbona: per questo il 16 gennaio può essere definita anche la festa della vocazione di sant'Antonio di Padova!

 

Santuario Antoniano
dei Protomartiri Francescani
in Terni

Festa dei Protomartiri Francescani 2015

Martedì 13 - giovedì 15
ore 18,30:
Triduo in preparazione
S. Messa con meditazione

Venerdì 16 gennaio
ore 18,30:
S. Messa presieduta dal Vescovo
Mons. Giuseppe Piemontese

 

Si può vivere senza un perché,
ma non senza un per chi!

Quando Francesco d’Assisi giunse a Terni le persone furono affascinate dal suo modo coinvolgente di predicare, in cui le parole erano rese ancora più autorevoli dal tenore di vita; alcuni vollero seguirlo, o meglio come lui mettersi in cammino sulle orme di Gesù Cristo vivendo la forma di vita del Vangelo.

Così andarono alla Porziuncola, presso Assisi dove divennero membri dell’ordine dei frati Minori; da lì furono inviati a evangelizzare le terre dei non cristiani e giunsero prima in Portogallo e infine in Marocco a Marrakech.

Quando fu pronunziata su di loro la sentenza di morte si ripetevano l’un l’altro: «Orsù fratelli! Abbiamo trovato quello che cercavamo: siamo costanti e non temiamo di morire per Cristo!».

I loro corpi martirizzati, ormai venerati come quelli dei santi, furono portati a Coimbra dove il canonico agostiniano Fernando da Lisbona, stupito dalla loro affezione a Cristo che li portò non solo a vivere ma persino a morire per lui, decise di aderire ai frati Minori assumendo il nome di Antonio. Voleva andare anche lui in Marocco per testimoniare la fede, ma vicende varie lo condussero in Sicilia da dove, passando anche per la zona di Terni, giunse ad Assisi dove san Francesco lo inviò nel nord Italia; morì il 13 giugno del 1231 e l’anno successivo fu canonizzato nel Duomo di Spoleto.

Da quel momento sarà conosciuto come sant’Antonio di Padova e oggi è venerato non solo da cristiani, ma anche da membri di diverse religioni, mussulmani compresi. La morte precoce dei Protomartiri francescani, oriundi della zona di Terni, apparentemente sembrò un fallimento ma in realtà il loro sangue fu il seme della vocazione francescana di sant’Antonio.

Per questo la Chiesa di Sant’Antonio in Terni – dal 2010 Santuario antoniano dei Protomartiri francescani – è un luogo che rammenta l’importanza di coniugare amore e sacrificio perché solo così il primo è credibile e il secondo fa fiorire il deserto.



Giuseppe Piemontese Protomartiri francescani Terni

Articoli correlati

06 Giu 2019

Festa di Sant’Antonio a Terni

Tra gli appuntamenti anche don Renzo Bonetti
30 Mar 2019

I primi francescani in Marocco

Una pagina storica controversa
11 Feb 2019

Siamo il popolo che mette al centro l'amore

Omelia del Vescovo di Terni in occasione della festa di S.Valentino
18 Gen 2019

I martiri del Marocco, modello di donazione a Dio

Festa dei Protomartiri nella parrocchia di Terni
11 Gen 2019

Ora posso dire con sicurezza di avere cinque frati minori

Festa dei Protomartiri francescani nella Parrocchia di Terni
04 Gen 2019

#didueuno, imparare l'arte dell'amore

Corso per fidanzati nella Parrocchia di Terni
19 Set 2019

Celebrazione nazionale di San Francesco, patrono d'Italia

PROGRAMMA DELLE CELEBRAZIONI IN PORZIUNCOLA E SAN FRANSCESCO