MARTEDI della XV sett. del T.O. Feria (verde)
martedì, 16 luglio 2019
Arrivo dei profughi africani nel convento di Gualdo Tadino 07 Apr 2016

Frastornati, ma felici e con tanta speranza

Come previsto ieri pomeriggio sono giunti al convento della S.ma Annunziata di Gualdo Tadino, accompagnati dagli operatori e dalla direttrice della Caritas diocesana sr. Elisa Carta, i dodici profughi provenienti da Senegal e Gana. L’accoglienza è avvenuta alla presenza del Ministro Provinciale M.R.P. Claudio Durighetto, del guardiano del convento p. Mario Misseri e del sindaco di Gualdo Tadino Massimiliano Presciutti. Il Ministro ha ribadito l’impegno dell’intera Fraternità provinciale nei confronti della difficile realtà dei profughi che costituisce una parte importante di quelle periferie esistenziali a cui papa Francesco così spesso fa riferimento.

I profughi sono molto giovani, la loro età va dai 18 ai 35 anni; la maggior parte di essi ha lasciato il proprio Paese alla ricerca di un futuro migliore in Europa e in particolare nella parte settentrionale del nostro continente. In molti casi infatti la loro permanenza in Italia sarà temporanea e costituirà solo una tappa che li ricongiungerà ai familiari ormai stabiliti in altri Paesi europei o li porterà a cercare in essi un lavoro dignitoso.

Nonostante il comprensibile stato di confusione in cui alcuni di essi è parso si trovassero, legato probabilmente al lungo e difficile viaggio affrontato, i giovani sono sembrati contenti della nuova sistemazione nella struttura del convento la cui splendida collocazione a qualcuno è parsa persino ricordare i paesaggi della propria terra. Segno, forse, di una nostalgia che già abita il cuore di queste persone.

Soprattutto però i giovani sono sembrati animati da un forte desiderio di iniziare una nuova vita. Certo, le difficoltà non mancheranno: a cominciare dal vivere assieme tenendo conto del diverso credo religioso che li caratterizza, vi sono infatti tra di loro sia cristiani che musulmani, e dall’occupazione da trovare. Oltre che dai problemi di integrazione a cui dovranno far fronte a partire dai prossimi giorni.

A noi il compito di sostenerli sia con le opere di carità che con la preghiera perché la loro vita possa essere vissuta con dignità. La dignità di ogni essere umano.



Accoglienza Caritas Gioia Profughi Speranza

Articoli correlati

05 Giu 2019

Residenza universitaria di Monteripido a Perugia

Iscrizioni per l'Anno Accademico 2019/2020
25 Mag 2019

Collaboratori della vostra gioia

Giornata Regionale della Vita consacrata 2019 a Collevalenza
23 Apr 2019

Mai cacciare gli angeli di Dio che ci vengono ad ammaestrare

Alla scuola dei Fioretti di San Francesco
01 Apr 2019

Il Papa in Marocco per mantenere viva la speranza

Intervista a fra Pietro Messa, preside della Scuola Superiore di Studi Medievali e Francescani
26 Mar 2019

Una festa che riaccende la speranza

Il Vescovo di Assisi in Porziuncola per la Solennità dell'Annunciazione
12 Mar 2019

Vi chiedo di non perdere la speranza

Lettera di Benedetto XVI ai Cattolici d'Irlanda
15 Lug 2019

Li sentiamo parlare nella nostra lingua nativa

Rinnovato nei contenuti e nelle modalità, inizia il 15 luglio ad Assisi, presso la Domus Pacis di Santa Maria degli Angeli, il Corso di formazione organizzato dal Settore dell’Apostolato Biblico e dal Settore della Catechesi delle persone disabili dell’Ufficio Catechistico Nazionale. Al centro dell’attenzione del corso, in programma fino al 19 luglio, è la...