MARTEDÌ della XI sett. del T.O. FERIA (verde)
martedì, 19 giugno 2018
Il volto di Cristo: la parte meglio conservata 13 Giu 2016

Il Crocifisso di San Damiano è in buona salute?

Sappiamo che è ormai imminente la traslazione del Crocifisso di San Damiano presso la chiesa di San Damiano, sua collocazione originaria: per la prima volta dopo quasi otto secoli, dal 15 al 19 giugno, il Crocifisso tornerà nella chiesa in cui, intorno a 1205, parlò al giovane Francesco e in seguito, dal 1211, alimentò la preghiera di Chiara e delle sue Povere Dame per oltre 40 anni.

L’evento, concepito dai frati di San Damiano e dalle clarisse del Protomonastero di S. Chiara, è stato doverosamente sottoposto all’attento vaglio della Soprintendenza delle Belle Arti e del Paesaggio dell’Umbria, preposta a garantire la massima tutela di questa reliquia di inestimabile valore storico e religioso. È stato quindi necessario valutare lo stato di conservazione del Crocifisso, e la fattibilità del trasporto e della temporanea esposizione nella chiesa di San Damiano. La valutazione è stata eseguita dalla società Coo.Be.C. di Spoleto, che tra il 1999 e il 2001 aveva già condotto l’ultimo intervento di manutenzione sull’opera, risolvendo i pochi problemi conservativi presenti. Gli esperti hanno concluso che il Crocifisso di San Damiano è in buona salute, e può essere mobilizzato senza pericoli per la sua conservazione.

 

Un “check-up completo” per il Crocifisso

Nel contesto dell’intervento di manutenzione del 1999-2001 il Crocefisso era stato sottoposto ad alcune indagini strumentali, che avevano permesso di acquisire dati utili alla comprensione delle tecniche esecutive dell’opera e del suo stato di conservazione; le indagini “diagnostiche” includevano l’impiego di radiografia a raggi X, fluorescenza ultravioletta, riflettografia infrarossa, avvalendosi anche della collaborazione dell’ENEA di Bologna. Il restauratore e direttore tecnico della Coo.Be.C., Bruno Bruni, ha sintetizzato questi dati nel suo contributo “Il Crocifisso di S. Damiano: il restauro conservativo e le indagini propedeutiche” all’interno del volume di M. Bollati “Francesco e la croce di San Damiano” (Milano, Edizioni Biblioteca Francescana 2016, pp. 161-6).

 

Dietro l’immagine...

La Croce, dipinta a tempera, ha una preparazione a gesso e colla piuttosto sottile; misura cm 212.5 x 143.5, e sembrerebbe composta da 6 tavole di legno, connesse tra loro con cavicchi lignei. Inoltre, il fianco e il retro del Crocifisso sono rivestiti da una sorta di “scatola” lignea, che contribuisce a stabilizzare il Crocifisso e a proteggere dagli sbalzi di temperatura ed umidità; anche questo rende possibile muovere il Crocifisso con relativa tranquillità.

 

Oltre i segni del tempo

Nella valutazione dell’immagine sono emersi numerosi piccoli interventi di restauro, effettuati lungo i secoli per rimediare agli inevitabili danni subiti dall’opera. È interessante (e provvidenziale?) che una delle parti meglio conservate sia proprio il volto di Cristo; scrive Bruni: “L’immagine che emerge del volto di Cristo è di grande suggestione, con una definizione formale talmente elevata che è difficile attribuirla ad un restauro [...]; in tal caso il volto del Cristo sarebbe conservato e con lacune assai ridotte” (p. 165).

È proprio quel volto che parlò a Francesco, e ancora oggi vuole rivolgere una parola a ciascuno di noi.



Conservazione Crocifisso di San Damiano

Articoli correlati

26 Apr 2018

Ad Assisi preghiera per la pace in Siria

Venerdì 27 aprile alle ore 21 nel nel santuario di San Damiano
09 Ago 2017

Chiara, silenziosa parola di vita per la Chiesa

Omelia del card. Ratzinger ad Assisi
20 Giu 2016

Il cuore presso Dio, la mano al polso del nostro tempo

Cel. euc. di Mons. Gualtiero Sigismondi, vescovo di Foligno
19 Giu 2016

Guarderanno a me, colui che hanno trafitto

Cel. euc. di Mons. Domenico Sorrentino, vescovo di Assisi
19 Giu 2016

Perché ti seguiamo, Signore

I giovani del Canto nella Notte trovano il Suo Volto
18 Giu 2016

Che cosa guarda il Crocifisso?

Cel. euc. di p. Mauro Gambetti, Custode Sacro Convento
Leggi altre notizie dallo speciale

17 Giu 2018

20° anniversario della morte del venerabile Vittorio Trancanelli

Il noto medico chirurgo Vittorio Trancanelli, ora venerabile, morto il 24 giugno 1998, giorno in cui la Chiesa celebra la festa liturgica di san Giovanni Battista, il (1944-1998), mise in pratica il Vangelo del buon samaritano in sala operatoria e nella vita, fondando l’associazione “Alle Querce di Mamre” per madri...