VENERDI della XXIV sett. del T.O. SS. ANDREA KIM TAE-GŎN e compagni, martiri – MEMORIA (rosso)
venerdì, 20 settembre 2019
di Gianfranco Ravasi 20 Ago 2012

Il Gentile aperto alle fedi

Contributo del Cardinale Gianfranco Ravasi pubblicato su Il Sole 24 Ore di domenica 19 agosto 2012.

La curatrice, Sara Muzzi, mi invia il volume con una dedica essenziale: «Un Cortile dei Gentili medievale!». A molti lettori è, infatti, nota la mia iniziativa, sulla scia di un invito inserito in un discorso di Benedetto XVI, a costituire uno spazio di dialogo tra credenti e non credenti, ponendolo all'insegna di quell'atrio che nel tempio ebraico di Gerusalemme poteva ammettere anche i pagani, così che voci e sguardi s'incontrassero, pur nella diversità delle identità. Chi è mai il precursore medievale di questa intuizione?

È un sorprendente e affascinante personaggio del XIII secolo di Palma di Maiorca, Raimondo Lullo: quand'ero prefetto della Biblioteca Ambrosiana di Milano, tra i non pochi che chiedevano di attingere a un cospicuo fondo di codici manoscritti lulliani là custodito c'era Umberto Eco che mi confessava la sua sconfinata ammirazione per questa figura proteiforme. Sposato con due figli, funzionario del re Giacomo II, cultore di poesia trobadorica, si converte in seguito a un'apparizione del Crocifisso; si fa pellegrino, si consacra alla studio dell'arabo e della filosofia e teologia musulmana accanto a quella cristiana; si ritira su un monte, viaggia a Montpellier e a Parigi dal re e a Roma dal Papa, cade in depressione a Genova, ma rianimato dallo spirito del dialogo, si reca in missione a Tunisi, da dove è espulso e ripara a Napoli.

Si sposta tra Barcellona, Maiorca, Parigi e Anagni (da Bonifacio VIII), s'imbarca per Cipro, rientra a Parigi, s'imbarca per una nuova missione in Algeria ove è imprigionato. Espulso, fa naufragio presso Pisa, corre dal Papa che è ad Avignone, si reca a Parigi e a Vienna per partecipare all'omonimo concilio del 1311-12. Si trasferisce a Messina e di lì a Tunisi e, infine, probabilmente nella sua terra di nascita, muore tra il 1315 e il 1316 ultraottantenne. In questa girandola frenetica di viaggi, eventi, incontri e scontri riesce a scrivere una valanga di testi (ad esempio, quando è a Messina in un anno, nel 1313, compone almeno una trentina di scritti). Ma la sua curiosità e l'ansia di confronto interculturale e interreligioso erano sbocciate in quell'osservatorio privilegiato ove aveva visto la luce, l'isola catalana di Maiorca protesa sul Mediterraneo con le presenze vivaci e non conflittuali delle tre religioni monoteistiche: cristianesimo, ebraismo e islam.

Ora, l'opera Il libro del Gentile e dei tre Savi, che Sara Muzzi mi ha inviato (con la traduzione dal catalano di Anna Baggiani, scomparsa durante la stampa del testo) incarna in modo geniale proprio la passione di Lullo per il confronto tra culture e fedi diverse. Tra l'altro egli, definito «geniale plasmatore della lingua catalana», una lingua viva anche da noi ad Alghero, scriveva pure in arabo, la lingua della "missione", e in latino e aveva costituito una fondazione per l'insegnamento plurilinguistico perché «tutte le genti si comprendessero, si amassero e convenissero per servire Dio». Instancabile, compose almeno 280 opere inseguendo tutto l'arco dello scibile in un eclettismo che spaziava dalla teologia alla medicina, dalla filosofia all'astronomia, dalla logica al diritto, dalla retorica alla matematica, dalla mnemotecnica alla mistica, dalla politica alla pedagogia e altro ancora.

Forse ammiccando al Dialogo tra un filosofo, un giudeo e un cristiano di Abelardo (1141-42), Lullo mette in scena tre sapienti, un ebreo, un cristiano e un musulmano che cercano di dimostrare a un Gentile (un filosofo agnostico) la verità delle loro fedi, aprendo però un percorso teso a convergere verso un unico Credo. Infatti, passeggiando e discutendo, i tre Savi scoprono un prato con una fontana e cinque alberi. Là una misteriosa nobildonna, il cui nome è Intelligenza, li guida in un arabesco metaforico le cui ramificazioni tematiche e logiche si sviluppano proprio lungo quei cinque alberi, dotati di altrettante nuvole di fiori (49 per tre piante, 21 e 7 per le altre). Il simbolismo numerico è dominante e nel lettore crea un senso di spaesamento e di vertigine. Ma l'autore tiene le fila perché si approdi a quella meta unificatrice che non è, però, un sincretismo incolore, bensì la volontà di ricerca e di dialogo permanente nella reciprocità e nel rispetto.

Scrive, infatti, un esegeta lulliano, Orlando Todisco: «Lullo riflette a partire dai momenti più alti delle tre religioni. La sua è una presa d'atto di ciò che le tre religioni hanno saputo produrre, che egli evoca per risvegliare la coscienza critica e attivare un processo di crescita verso un'intesa sostanziale tra uomini di razze e di culture diverse». È, comunque, interessante scoprire l'indicazione della curatrice secondo la quale nella letteralità del testo, che descrive il dialogo interreligioso fra i tre monoteismi, si intuisce in filigrana un metatesto allegorico che introduce l'itinerario dell'anima verso la conoscenza di Dio sotto la guida dell'arte coi suoi simboli e le sue metafore da decodificare.

Tanto rimane da dire su quest'opera, così fluida e rigorosa al tempo stesso, e sul suo autore, artefice di una "scuola di missione" fondata non sull'imposizione attraverso la crociata, ma sul confronto intellettuale. Vorrei solo evocare il suo testamento-confessione, tratto da un'opera del 1311 ironicamente sottotitolata (il titolo è Phantasticus) «Disputa del chierico Pietro con l'insensato Raimondo»: «Sono stato sposato, ho avuto figli, ero adeguatamente ricco, dedito al piacere e alle cose del mondo. Ho volentieri abbandonato tutto ciò per poter procurare onore a Dio e beneficio agli altri e per esaltare la santa fede. Ho appreso l'arabo, più volte sono andato a predicare ai saraceni e per la fede fui imprigionato, incarcerato e bastonato. Ho faticato per 45 anni a spingere la Chiesa e i principi cristiani al bene del popolo. Ora sono vecchio e povero, ma resto della stessa idea e ci resterò fino alla morte, se il Signore me lo concederà. Tutto ciò ti sembra un'insensata utopia o non ti sembra tale? Sia la tua coscienza a giudicare...».

Raimondo Lullo, Libro del Gentile e dei tre Savi
a cura di Sara Muzzi e Anna Baggiani
Paoline, Milano, pagg. 350, € 36,00.



Anna Baggiani Barcellona Benedetto XVI Gianfranco Ravasi Il Sole 24 Ore Raimondo Lullo Sara Muzzi

Articoli correlati

12 Mar 2019

Vi chiedo di non perdere la speranza

Lettera di Benedetto XVI ai Cattolici d'Irlanda
27 Feb 2019

Dopoconcilio, una vicenda intensa, anche travagliata, ma sempre stimolante

Inedito di Joseph Ratzinger/Benedetto XVI in onore di p. Umberto Betti
10 Ott 2018

L’ospitalità dell’Egitto

Memoria dell’incontro tra Francesco e il Sultano d’Egitto
20 Giu 2018

Fidarsi per amore è un grande errore

Per Raimondo Lullo si ama per comprendere e non per credere
08 Mag 2018

Raimondo Lullo: Il libro di santa Maria

Presentazione del libro a cura di Simone Sari
30 Mar 2018

Lullo maestro di dialogo

Rilettura del pensiero del filosofo catalano, di p. Giuseppe Buffon
28 Ago 2019

Guatemala, anno Domini 1981

Padre Tullio Maruzzo – al secolo Marcello – sacerdote professo dell’Ordine dei Frati Minori e Luis Obdulio Arroyo Navarro, il suo giovane catechista, dell’Ordine francescano secolare, uccisi insieme “in odium fidei” il primo luglio 1981 mentre tornavano in parrocchia dopo un incontro di catechesi.