GIOVEDÌ della XI sett. del T.O. S. LUIGI GONZAGA, religioso – MEMORIA (bianco)
giovedì, 21 giugno 2018
Studio per conoscere il fenomeno della reclusione volontaria 27 Nov 2017

In cella per amor di Dio?

La reclusione volontaria ha radici antiche nella Cristianità e nel xiii e xiv secolo pervenne ad una dimensione mai vista prima e mai più raggiunta. Questa forma di vita religiosa era, infatti, così diffusa che dobbiamo immaginare città medievali disseminate di celle e carceri.

Mentre l’eremita abbandona il mondo per vivere in solitudine con Cristo, ritirandosi di solito in luoghi inaccessibili, come un bosco o un deserto, nel caso della reclusione, invece, l’isolamento viene cercato nella città, chiudendosi in una cella.

Il noto frate Predicatore Giordano da Pisa (xiv sec.) guardava con sospetto tutti coloro che si chiudevano volontariamente in una cella e li riteneva matti: matti perché vivevano lontani dalla direzione spirituale di predicatori e confessori, matti perché si esponevano ai rischi della solitudine. C’era anche chi dubitava della loro vocazione, perché tutto sommato la reclusione poteva essere vista come una ?condizione di vita privilegiata’ che garantiva un modo dignitoso per sopravvivere, un ricovero per la notte e cibo sicuro.

Mercoledì 13 dicembre 2017, alle ore 17.00, presso l’aula A della Pontificia Università Antonianum si terrà il pomeriggio di studio In cella per amor di Dio?, organizzato dalla Scuola Superiore di Studi Medievali e Francescani in collaborazione con l’Institute of Mediaeval Studies della University of St Andrews.

Nel corso dell’incontro, introdotto dal prof. Marco Guida e coordinato dal prof. Attilio Bartoli Langeli, interverranno le prof.sse Eleonora Rava, La reclusione volontaria: questa sconosciuta, e Anna Esposito, La reclusione volontaria nelle basiliche romane.

Scopo del pomeriggio di studio è quello di offrire ai partecipanti una visione di insieme del fenomeno della reclusione volontaria e il caso inedito delle basiliche romane.



Anna Esposito Attilio Bartoli Langeli Clarisse Clausura Eleonora Rava Marco Guida PUA Vita Consacrata

Articoli correlati

16 Giu 2018

Anche il mio tumore è parte del centuplo promesso da Gesù

Intervista/testimonianza di suor Chiara … di Assisi
15 Giu 2018

Vicinanza alla famiglia di Stefano e al Vescovo di Tortona, p. Vittorio Viola

Messaggio del Ministro provinciale ai frati, alle clarisse e ai terziari OFS e GiFra
11 Giu 2018

La teoria modale di Giovanni Duns Scoto

di Ernesto Dezza OFM
07 Giu 2018

Storia dei frati Minori nei secoli XIII-XIV: Interpretazioni e fonti a confronto

Settimana di francescanesimo, Montecalvo Irpino 3 - 7 luglio 2018
07 Giu 2018

Settimana con Dio

Un’esperienza di approfondimento vocazionale
28 Mag 2018

Giovani e Vita consacrata, binomio possibile?

I Consacrati dell'Umbria si interrogano sul mondo giovanile
20 Giu 2018

Storia di Francesco

L’Autore fa rivivere Francesco con tratti di autentica poesia, senza tralasciare una rigorosa ricostruzione storica e ambientale; un ritratto fedele inserito in un ampio sfondo, simile ai dipinti più belli della scuola umbra. Pagine che fanno risuonare la voce di un uomo capace ancora oggi di trasmetterci il segreto di una...



  • 19 Giu 2018

    La lotta all’usura

    Nell’esperienza francescana e nel servizio delle Fondazioni Antiusura, oggi