GIOVEDÌ della XI sett. del T.O. S. LUIGI GONZAGA, religioso – MEMORIA (bianco)
giovedì, 21 giugno 2018
Veglia dell’Assunta 2017 alla Porziuncola 15 Ago 2017

In Maria la vocazione di ogni uomo

Ieri sera, a partire dalle 21.15, il popolo di Assisi, insieme ai numerosi pellegrini che visitano la cittadina serafica, ha preso parte alla grande Veglia di preghiera nella solennità dell’Assunzione della Beata Vergine Maria, che si è tenuta nel santuario francescano e mariano di Santa Maria degli Angeli.

Come ormai consuetudine, la Veglia è iniziata sul fondo del piazzale antistante la Basilica papale che custodisce la Porziuncola. Lì i presenti, grazie al servizio della Confraternita dell’Immacolata, hanno potuto aggiungere fino all’ultimo, prima che divampassero le fiamme del falò, le loro intenzioni di preghiere alle decine di migliaia già presenti perché raccolte durante l’ultimo anno, in forma cartacea ed in forma elettronica, nei Santuari della Porziuncola e di San Damiano. Si tratta delle domande che sono nel cuore di coloro che visitano i nostri Santuari: le loro paure, i desideri e le aspirazioni consegnate a noi come ad intermediari, portantini della Grazia che solo da Dio può venire.

Dopo aver pregato per tutte quelle intenzioni, nella grande Veglia dell’Assunta le consegniamo al fuoco perché simboleggi la loro salita al Cielo. “Una simbologia tanto cara a Francesco d’Assisi”, ha detto mons. Domenico Sorrentino, Vescovo di Assisi-Nocera Umbra-Gualdo Tadino, che ha presieduto il momento di preghiera. Il Vescovo ha ricordato come Francesco ne abbia cantate alcune caratteristiche nella nota preghiera/lirica del Cantico delle Creature: “Laudato si’, mi’ Signore, per frate Focu, per lo quale ennallumini la nocte: ed ello è bello et iocundo et robustoso et forte”. Mons. Sorrentino ha sottolineato un’altra importante simbologia per noi cristiani: quella del Dono dello Spirito Santo che scende sugli Apostoli sotto forma di lingue di fuoco, mentre erano con Maria, la tutta bella, tutta piena di Spirito Santo, colei che contempliamo oggi assunta in Cielo.

La preghiera è proseguita processionalmente verso la Basilica con la recita dei salmi. In Basilica, dopo l’ascolto delle Letture, e dei Responsori cantati dalla Corale Porziuncola, il Vescovo ha proposto un’altra breve meditazione per aiutare i presenti a cogliere il senso e l’attualità di celebrare l’Assunzione di Maria al Cielo. Lo ha fatto evidenziando l’indissociabilità di Maria dal Figlio Suo e salvatore nostro, Gesù Cristo, e dalla Chiesa, e dando degli spunti per scorgere quanto il presente mistero di Maria possa dire a ciascuno sulla nostra umanità. Tutto questo è riportato sinteticamente nel video che segue:



Assunzione di Maria Domenico Sorrentino Preghiera Veglia

Articoli correlati

19 Giu 2018

La lotta all’usura

Nell’esperienza francescana e nel servizio delle Fondazioni Antiusura, oggi
15 Giu 2018

Vicinanza alla famiglia di Stefano e al Vescovo di Tortona, p. Vittorio Viola

Messaggio del Ministro provinciale ai frati, alle clarisse e ai terziari OFS e GiFra
19 Mag 2018

Preghiera e digiuno per la pace e la giustizia in Terra Santa

Richiesta dal Custode di Terra Santa ed estesa dal Ministro generale a tutti i Frati
17 Mag 2018

Inaugurazione del Museo della Memoria con la cappellina di Gino Bartali al Vescovado di Assisi

Monsignor Sorrentino: “Apriamo un museo che vogliamo diventi una postazione di pace”
14 Mag 2018

Ordinazioni presbiterali 2018

Santa Maria degli Angeli, 23 giugno
10 Mag 2018

Sport e spogliazione: cosa c’entra la fede?

Giornata di riflessione coi giovani al Santuario della spogliazione
20 Giu 2018

Storia di Francesco

L’Autore fa rivivere Francesco con tratti di autentica poesia, senza tralasciare una rigorosa ricostruzione storica e ambientale; un ritratto fedele inserito in un ampio sfondo, simile ai dipinti più belli della scuola umbra. Pagine che fanno risuonare la voce di un uomo capace ancora oggi di trasmetterci il segreto di una...



  • 19 Giu 2018

    La lotta all’usura

    Nell’esperienza francescana e nel servizio delle Fondazioni Antiusura, oggi