VENERDI della XXIV sett. del T.O. SS. ANDREA KIM TAE-GŎN e compagni, martiri – MEMORIA (rosso)
venerdì, 20 settembre 2019
Un ufficio liturgico per san Francesco in un codice italogreco del XV sec. 06 Feb 2015

Incontro di studi su S. Francesco

Sabato 21 marzo 2015 papa Francesco visiterà Napoli, una terra caratterizzata anche da una forte componente francescana. Basti pensare al frate minore p. Ludovico da Casoria recentemente canonizzato oppure alla beata Maria Cristina di Savoia, definita dal Papa "madre dei poveri" la cui tomba è custodita nella Basilica di Santa Chiara.
Un evento che può aiutare a preparasi alla visita papale a Napoli è la relazione "Un ufficio liturgico per san Francesco d'Assisi in un codice italogreco del XV sec."

L’Archivio Carrano di Teggiano comprende una considerevole raccolta di documenti legati alle vicende dell’omonima famiglia. Di origine normanna, essa è documentata sin dal 1167, allorché il capostipite Raone figura come signore di Cairano (AV), toponimo che diede origine al cognome del casato.

Il nucleo pergamenaceo dell’Archivio comprende oltre un centinaio di documenti che vanno dal XIII al XVIII secolo e riguardano per lo più atti notarili, privilegi e bolle papali. I documenti cartacei, datati tra il XVIII e il XIX secolo, costituiscono un’imponente e rappresentativa testimonianza di prestigiose cariche pubbliche che i Carrano ricoprirono non solo a Teggiano e nel vallo di Diano ma anche in altri luoghi delle province meridionali. Cavalieri, notai, vescovi, giudici, uomini impegnati in uffici di rilievo pubblico, civile e religioso, hanno lasciato testimonianze vive della loro attività nelle carte di famiglia, conservate con fervida cura dai discendenti.

Unica e peculiare testimonianza della Grecità meridionale nell’Archivio di famiglia è offerta dai frammenti pergamenacei, datati tra il X e l’XI secolo; essi contengono un mineo di agosto relativo a quattro santi: Taddeo, Agatonico, Pimen e Mosè l’Etiope. I fogli erano stati utilizzati come legatura di protezione a un manoscritto di famiglia datato al XVI secolo, una raccolta autografa di formulari notarili del notaio Giacomo Carrano. Lo studio condotto sui frammenti ha portato alla luce un testimone di tutto rilievo di poesia liturgica bizantina e della produzione grafica del Mezzogiorno medievale greco.

Il Preside della Scuola Superiore di Studi Medievali e Francescani
Pietro Messa

 

Sabato 7 febbraio 2015 - ore 10.00

Istituto Italiano per gli Studi Filosofici - Napoli, Palazzo Serra di Cassano -Via Monte di Dio 14

ANNA GASPARI
Un ufficio liturgico per san Francesco d'Assisi in un codice italogreco del XV sec.

Intervento all'incontro di studi sul tema:
"Un frammentoliturgico greco nell’Archivio Carrano di Teggiano"
interventi di: Paul Canart, Paolo Carrano, Adele Di Lorenzo, Anna Gaspari, Michele Sessa



Liturgia Ludovico da Casoria Maria Cristina di Savoia Pietro Messa PUA

Articoli correlati

07 Set 2019

Dal di dentro della storia

p. Ludovico e l’Istituto delle Missionarie della Regalità
17 Lug 2019

Bottega del francescanista. Strumenti e metodi per lo studio delle fonti

Offerte formative in francescanesimo dell'università Antonianum di Roma
08 Lug 2019

I sacramenti via privilegiata per incontrare Dio

Esercizi spirituali sulla Liturgia al Concento della Spineta, dal 2-8 settembre
20 Giu 2019

Vivere il vangelo con san Francesco

Esercizi spirituali predicati da p. Pietro Messa sugli Scritti. Dal 29 luglio al 4 agosto
06 Mag 2019

Il sangue di Francesco, Reliquie di sangue di San Francesco d’Assisi

Presentato in Porziuncola il libro di Massimo Santilli
03 Mag 2019

Il sangue di Francesco, Reliquie di sangue di San Francesco d’Assisi e il prodigio della liquefazione

Presentazione sabato 4 maggio alle 16 al Refettorietto della Porziuncola
28 Ago 2019

Guatemala, anno Domini 1981

Padre Tullio Maruzzo – al secolo Marcello – sacerdote professo dell’Ordine dei Frati Minori e Luis Obdulio Arroyo Navarro, il suo giovane catechista, dell’Ordine francescano secolare, uccisi insieme “in odium fidei” il primo luglio 1981 mentre tornavano in parrocchia dopo un incontro di catechesi.