VENERDI della XXIV sett. del T.O. SS. ANDREA KIM TAE-GŎN e compagni, martiri – MEMORIA (rosso)
venerdì, 20 settembre 2019
A un anno dal decreto sul miracolo della Regina, Napoli attende la canonizzazione del Frate 30 Apr 2014

La carità della b. Maria Cristina di Savoia continuata dal b. Ludovico da Casoria

Il 2 maggio 2013 papa Francesco ha autorizzato la promulgazione del decreto riguardante un miracolo attribuito alla intercessione della venerabile Maria Cristina di Savoia che fu successivamente beatificata il 25 gennaio 2014 nella Basilica di Santa Chiara in Napoli. In tale occasione il cardinal Angelo Amato, rappresentante del Papa, ha definito «Napoli, terra di mare, di sole, di luce e di tanta grazia divina» e una conferma di ciò è la prossima canonizzazione del francescano beato Ludovico da Casoria. Quest’ultimo, come scrive il testimone oculare Alfonso Capecelatro, portò a compimento il progetto di carità della suddetta Beata definita da papa Francesco «madre dei poveri»:

Intanto è da sapere che la defunta e Venerabile regina Maria Cristina di Savoia, durante la sua non lunga vita in Napoli, aveva molto beneficato i poverelli della città. Volgendo però uno sguardo particolarmente caritativo e pietoso alle orfanelle, aveva fatto fabbricare due ospizj e una Chiesetta per esse in quella piazza circolare che noi Napoletani si dice Tondo di Capodimonte. Morta la piissima e santa regina prima che gli ospizj si finissero, restarono colà incompiuti e disabitati a che il figliuolo di lei, re Francesco, non prese le redini del governo del regno. Allora, avuto egli notizia di quei due ospizj con la Chiesa, e conosciuto di raccogliere le accattoncelle, offrì e donò, gli ospizj e la Chiesetta a lui. Ciò fece il 20 Giugno 1860, quando già le cose del Regno precipitavano a rovina. Il nostro P. Ludovico accettò quel dono prezioso pei suoi poverelli, e fece anzi sin d’allora il disegno di adoperare uno dei due ospizj per le orfane e l’altro per gli orfani.

Da: La Vita del p. Ludovico da Casoria. Ristampa anastatica della biografia scritta dal cardinale Alfonso Capecelatro, Velar, Gorle 2013, p. 140-41.

L’auspicio è che in occasione del primo anniversario della beatificazione di Maria Cristina di Savoia, ossia il 25 gennaio 2015, possa essere fatta una statua monumentale della Beata da  porsi accanto alla sua tomba nella Basilica Santa Chiara di Napoli.

Per informazioni e grazie ricevute:
Postulazione Generale ordine dei frati Minori
Via S. Maria Mediatrice,
25 – 00165 Roma
tel. +39.06.68491336 – eMail: postgen@ofm.org



Carità Gianni Califano Ludovico da Casoria Maria Cristina di Savoia

Articoli correlati

07 Set 2019

Dal di dentro della storia

p. Ludovico e l’Istituto delle Missionarie della Regalità
03 Ott 2018

Riconoscimento Rosa d’Argento 2018

Alla Sig.ra Azzurra di Spirito il premio “Testimoni della carità”
17 Mag 2018

Elezione del Consiglio generale e incontro con papa Francesco

Prosegue il XXIV Capitolo generale delle Suore Francescane Missionarie di Gesù Bambino
26 Mar 2018

Riaccendere l’Amore

Riflessione sulla quaresima con il messaggio del papa
11 Mar 2018

Francesco il ribelle

Discorso tenuto dal card. Bassetti durante la presentazione del libro di p. Enzo Fortunato
24 Feb 2018

O santi o falliti

Festa della Provincia e degli Anniversari
28 Ago 2019

Guatemala, anno Domini 1981

Padre Tullio Maruzzo – al secolo Marcello – sacerdote professo dell’Ordine dei Frati Minori e Luis Obdulio Arroyo Navarro, il suo giovane catechista, dell’Ordine francescano secolare, uccisi insieme “in odium fidei” il primo luglio 1981 mentre tornavano in parrocchia dopo un incontro di catechesi.