XX DOMENICA DEL T.O. (verde)
domenica, 19 agosto 2018
Amica di Francesco d’Assisi 23 Set 2017

La nobildonna Frate Jacopa

Vicino alla sua morte, san Francesco si era fatto trasportare a Santa Maria degli Angeli.

Qui avvenne un fatto singolare che, ancora una volta, ci rivela la ricca e umanissima personalità del Santo.

Ce lo testimoniano le sue stesse parole riportate nei Fioretti.

Francesco, nell’infermeria dove era stato posto a riposare, parlò così ad un suo fratello: «Carissimo frate, Iddio mi ha rivelato che di questa infermeria insino a quando passerò da questa vita e tu sai che Madonna Jacopa dei Settesoli, devota carissima dell’Ordine nostro, s’ella sapesse la morte mia e non ci fosse presente, si contristerebbe troppo; e però significale che, se mi vuole vedere vivo, venga subito qui».

Da questo primo gesto di grande sensibilità verso questa donna “devota” all’Ordine, Francesco passa a dettare una lettera che dovrà essere recapitata a Jacopa.

Nella lettera le si chiede di venire a Santa Maria degli Angeli, portando con sé: «Panno di cilicio nel quale si rinvolga il corpo mio e la cera che serve per la sepoltura. Ti prego ancora che tu mi arrechi quelle cose che da mangiare, delle quali tu mi solevi dare quand’ero infermo a Roma…». La lettera, debitamente redatta, non venne però mai inviata alla destinataria. Il Santo aveva avuto una rivelazione in cui aveva conosciuto l’arrivo dell’amica e benefattrice. Ma anche Jacopa, senza ricevere alcun avviso, si era mossa da Roma, su indicazione del Signore, per assistere alla morte del suo grande Maestro, portando con sé tutto quanto egli desiderava. Jacopa arrivò a Santa Maria degli Angeli con grande seguito di familiari e cavalieri.

Ma per non sciupare la freschezza di questa scena, rileggiamola dai Fioretti stessi: «Madonna Jacopa se ne va diritta all’infermeria; della cui venuta santo Francesco ebbe grande allegrezza e consolazione ed ella similmente veggendo lui vivo e parlandogli. Mangiato che egli ebbe e molto confortatosi, questa Madonna Jacopa si inginocchiò ai piedi di santo Francesco e prende quei santissimi piedi segnati e ornati delle piaghe di Cristo e con grande eccesso di devozione li baciava e li bagnava di lacrime, che ai frati che stavano dintorno pareva di vedere propriamente la Maddalena ai piedi di Gesù Cristo».

La nobildonna romana si fermò a Santa Maria degli Angeli fin tanto che santo Francesco morì, rivestendolo con il panno che aveva portato per lui. Provvide a tutta la “spesa”, si dice nei Fioretti e, quando tornò a Roma, morì santamente poco tempo dopo.



Amicizia Donna Frate Jacopa San Francesco

Articoli correlati

11 Ago 2018

Chiara, un’altra Maria

Il Vangelo “al femminile”
10 Ago 2018

A proposito di Francesco e Chiara …

Insieme guardavano nella stessa direzione: verso Cristo!
07 Ago 2018

Chiara a San Damiano: il luogo della povertà

Le povere Dame nel “loghicciuolo” delle origini
06 Ago 2018

Il Santuario di San Damiano

Luogo di preghiera, di rivelazione e di vocazione
27 Lug 2018

La Pace secondo san Francesco

La libertà dell’apertura al prossimo
26 Lug 2018

Il Signore ti dia la Pace

Francesco d’Assisi: il Signore mi rivelò che dicessi questo saluto
14 Ago 2018

Il canonico pentito che infiammò l’Italia

Sant’Agata Feltria, nel cuore del Montefeltro, fra Marche e Romagna, primi di novembre 1868. Un giovane canonico della locale collegiata (non ha ancora trent’anni), già noto nella regione come valente ed efficace predicatore, fugge con una parrocchiana, con la quale intrattiene una relazione da alcuni mesi. Si rifugiano prima a...