SS. TRINITÀ SOLENNITÀ (bianco)
domenica, 27 maggio 2018
Seconda meditazione del Triduo di preparazione alla Festa del Crocifisso 06 Mag 2015

La povertà condivide la bruttezza e l’orrore della croce

La povertà, tra i tre consigli evangelici, è quello esteriormente più simile alla croce, perché ne condivide la bruttezza e l’orrore: come è difficile guardare la croce, così è difficile guardare il povero. Gesù “da ricco che era, si è fatto povero per voi, perché voi diventaste ricchi per mezzo della sua povertà” (2Cor 8,9).

Il farsi povero di Gesù è il suo lasciare la patria celeste per discendere tra noi, e scendere sempre più fino al punto più basso che è la croce. Gesù si fa povero per raggiungere noi poveri, poveri in mille modi, ma soprattutto di vita eterna.

Se l’obbedienza è ciò che unisce Gesù al Padre, la povertà è ciò che unisce Gesù a noi uomini. Francesco lo aveva capito benissimo e scelse per la sua comunità il nome di frati minori: frati, perché voleva che fossero fratelli di tutti senza alcun tipo di esclusione; minori, perché nessuno doveva sentirsi inferiore a loro e quindi in soggezione.

La povertà è per Gesù e per Francesco anzitutto un movimento verso l’altro, perché il povero non è più padrone dell’altro, ma diviene “bisognoso”, cioè dipendente dall’altro; e avere bisogno è indispensabile per creare comunione.

Il contrario della povertà non è quindi la ricchezza, ma l’autosufficienza; e vivere la povertà significa rivitalizzare il bisogno che noi abbiamo degli altri, ricordarci il dono che gli altri sono per noi.

Se non sentiamo più il bisogno degli altri, se ci sentiamo autosufficienti, è tempo che rinunciamo a qualcosa per tornare a bussare alla porta dell’altro, e per rivolgere a Dio con verità le parole che Gesù ci ha consegnato: “Dacci oggi il nostro pane quotidiano!”: solo così permetteremo a Dio e all’altro di entrare in comunione con noi.

In allegato la trascrizione della meditazione di p. Georges Massinelli sulla Povertà.

Prima meditazione: obbedienza; - Terza meditazione: castità - Festa del Crocifisso



Crocifisso Georges Massinelli Innocenzo da Palermo Povertà Triduo Vita Consacrata

Articoli correlati

13 Mag 2018

La gioia di scoprire Cristo e la Chiesa

La testimonianza di suor Anastasia per la sua professione solenne
07 Mag 2018

Consacrati chiamati ad essere l’aurora della chiesa

Chiusura del Convegno internazionale “Consecratio et consecratio per evangelica consilia”
04 Mag 2018

Consacrati e Consacrate: un popolo numeroso nella Chiesa

Prima giornata del Convegno “Consecratio et consecratio per evangelica consilia” all’Antonianum
30 Apr 2018

Consecratio et consecratio per evangelica consilia

Un Convegno sul tema della consacrazione: riflessioni, questioni aperte e cammini possibili
24 Apr 2018

San Damiano e i suoi Crocifissi

Festa del Crocifisso di frate Innocenzo
21 Apr 2018

Giornata regionale della Vita Consacrata

Il 26 maggio a Collevalenza
Leggi altre notizie dallo speciale

25 Mag 2018

Spoleto e Scheggino riscoprono la via di San Francesco

A piedi, a cavallo e in bicicletta lungo un’unica via, quella di Francesco. Sono tre percorsi distinti quelli definiti a Spoleto per Vivi la Via in programma domenica 27 maggio, quando centinaia di persone riscopriranno boschi e luoghi cari a San Francesco, con un evento che propone anche musica: alle...