GIOVEDÌ della XXXII sett. del T.O. FERIA (verde)
giovedì, 15 novembre 2018
Dal Protomonastero di Santa Chiara 30 Nov 2015

Lettera natalizia delle Clarisse

Come consuetudine, con l’inizio dell’Avvento le Clarisse del Monastero s. Chiara ci raggiungono con la loro “Lettera natalizia”.

Il tempo dell’attesa, che le sorelle condividono con noi e con tutta la Chiesa, nel guardare con speranza verso il futuro vuol essere anche occasione per fare memoria grata dell’anno appena trascorso e si fa quindi condivisione, in spirito di fraternità, delle piccole e grandi opere compiute dal Signore nella loro vita.

Ecco il testo:

 

Carissime Sorelle,
carissimi fratelli e amici,

il Signore misericordioso vi doni la sua pace!

Risuona oggi nella Chiesa e, attraverso di essa, nel mondo intero questa parola del profeta Geremia che ci introduce nel tempo dell’Avvento, tempo di vigilanza e attesa di Colui che sempre “viene”: il germoglio di Davide, che esercita il giudizio e la giustizia sul cuore di ogni uomo, Gesù Cristo, che «è il volto della misericordia del Padre» (Misericordiae Vultus, 1).

Con l’Avvento ha inizio anche la novena in preparazione alla solennità dell’Immacolata concezione della B.V. Maria e proprio lei ci introdurrà nel Giubileo straordinario della Misericordia, indetto dal nostro amato papa Francesco.

È questo un dono di grazia che abbiamo accolto con stupore e gioia grandi mentre celebravamo il nostro Capitolo elettivo e che ora attendiamo con profonda gratitudine. Desideriamo addentrarci in questo anno giubilare da “pellegrine e forestiere”, come ci dice la nostra santa Madre Chiara e come ci invita a fare il Papa segnalando il pellegrinaggio come «un segno peculiare nell’Anno Santo, perché è icona del cammino che ogni persona compie nella sua esistenza...

Esso sarà un segno del fatto che anche la misericordia è una meta da raggiungere e che richiede impegno e sacrificio».

Per questo «vogliamo vivere questo Anno Giubilare alla luce della parola del Signore: Misericordiosi come il Padre.

È un programma di vita tanto impegnativo quanto ricco di gioia e di pace. L’imperativo di Gesù è rivolto a quanti ascoltano la sua voce. Per essere capaci di misericordia, quindi, dobbiamo in primo luogo porci in ascolto della Parola di Dio» (cf. MV 14-13). Il silenzio orante, che intesse tutta la nostra vita di contemplative, è l’atteggiamento che desideriamo assumere con rinnovato slancio, perché quella “divina ispirazione per cui abbiamo scelto di vivere secondo la perfezione del santo Vangelo” (cf. RegsCh 6,3) ci renda vasi di misericordia, via d’accesso dell’amore divino nel mondo.

scarica il testo completo e

riascolta le meditazioni della Novena dell’Immacolata 2015 a Santa Chiara, predicata da p. Maurizio Verde



clarisse lettera natale protomonastero santa chiara

Articoli correlati

14 Giu 2017

A San Damiano: le tradizioni sulle Indulgenze, e su altre notiziole

Santa Chiara e la storicità del Perdono
12 Giu 2017

Rispondere … all’Amore

Esperienza residenziale estiva per ragazze
26 Mag 2017

Il Cammino di Chiara arriva a Torino

Presentazione al Museo Diocesano, sabato 27 maggio
12 Apr 2017

Santa Chiara al monastero di San Paolo a Bastia

Un luogo sicuro e di prima formazione
10 Apr 2017

Chiara e la bellezza del volto di Cristo Crocifisso

Colui che restaura la nostra immagine sfigurata
11 Mar 2017

Annunciazione del Signore con le Clarisse di Terni

Festa del Monastero