VENERDI della XXIV sett. del T.O. SS. ANDREA KIM TAE-GŎN e compagni, martiri – MEMORIA (rosso)
venerdì, 20 settembre 2019
Verso il giubileo con il beato Leopoldo da Gaiche 14 Ago 2015

Maria, Mater Misericordiae, invita alla confessione

Il 2 aprile 2015, per una felice coincidenza, è stato sia il decimo anniversario della morte di san Giovanni Paolo II (1920-2005) – il Papa della misericodia – sia il secondo centenario del transito presso Monteluco di Spoleto del beato Leopoldo da Gaiche (1732-1815), un’instancabile apostolo dell’amore misericordioso.

Quest’ultimo, al termine di ogni predicazione, sollecitava a confessare i propri peccati, ma in alcuni casi ci volle proprio un miracolo, o meglio l’intervento della Vergine Maria da lui invocata quale “Madre di misericordia”. Infatti mostrava a tutti un quadro in cui la Madonna con la destra presenta Gesù e con la sinistra incoraggia un giovane a confidare nella misericordia raffigurata dalla piccola croce che il Bambino gli presenta.

Ecco quanto attesta in proposito egli stesso nel Diario delle missioni:

Un giovane, che da molto tempo taceva peccati nefandi in Confessione, risolvé di fare la confessione generale; la Domenica immediate seguente, che feci la predica della Madonna propose di nuovo, ma poi si pentì, e prima d’andare a dormire risolve di non farla, ma bensì di fare un altro sacrilegio nella santa comunione generale. Appena addormentato fece questo sogno, che certamente dagl’effetti dovette essere una visione.

Gli parve di camminare per una strada tutta fangosa, ed assai lorda, e nel mezzo d’essa incontrò un brutto serpente con quattro piedi, che lo atterrì, e fermò in maniera, che non poteva più muoversi né avanti né indietro. Intanto cominciò ad’invocare il Nome Santissimo di Maria, e gli pareva di vomitare dalla bocca serpenti, che colle mani buttava via, e finalmente gli comparve un bellissimo giovane, che con un altro serpente incima a una canna faceva prova di cacciarglielo nella gola, ed egli più, che mai spaventato seguitò ad invocare Maria, ed ecco, che gli apparisce una gran Signora in mezzo ad uno splendore, e qui tutta disparendo la visione, si risvegliò assai spaventato, e la mattina seguente venne a fare la confessione generale con molta contrizione.

Per un approfondimento:



Confessione Leopoldo da Gaiche Madonna Misericordia Perdono

Articoli correlati

01 Set 2019

Una parola di Dio nascosta nella croce della sofferenza

Video degli interventi alla Giornata in ricordo di p. Bernardino de Vita
15 Ago 2019

Siamo destinati al cielo

Veglia dell’Assunta alla Porziuncola
03 Ago 2019

Questo luogo è santo

Migliaia di persone alla Porziuncola per vivere il Perdono
02 Ago 2019

La Porziuncola ci parla di misericordia, parla di noi!

Cronaca della lunga giornata di apertura del Perdono di Assisi
01 Ago 2019

Il Perdono della Porziuncola

Solenne apertura delle Celebrazioni
01 Ago 2019

Impariamo ad accettare l'amore incondizionato di Dio per noi

Apertura del Perdono di Assisi: Omelia del Ministro generale fra Michael Perry
19 Set 2019

Celebrazione nazionale di San Francesco, patrono d'Italia

PROGRAMMA DELLE CELEBRAZIONI IN PORZIUNCOLA E SAN FRANSCESCO