ePrivacy and GPDR Cookie Consent management by TermsFeed Privacy Policy and Consent Generator
ANDREA MAIARELLI PARLA DEGLI OSSERVANTI A SANTA MARIA DELLA PIETA’ 13 Mar 2024

GLI OSSERVANTI A UMBERTIDE

“La peculiarità, non unica ma significativa di Umbertide è che c’è una comunità francescana che insieme svolge l’attività pastorale nella parrocchia e presso l’ospedale. Si tratta di una comunità viva, pienamente inserita nella società che è tornata a fare quello che faceva nel passato : comunità, servizio presso l’ospedale di Sant’Erasmo (fin dal ‘600).”  

Insomma, qui a Santa Maria, in forme nuove si torna a fare quello che si faceva nei secoli passati. Questa in estrema sintesi il discorso tenuto dal Prof. Andrea Maiarelli nel convento di Santa Maria della Pietà, presso il salone intitolato a San Giovanni Paolo II, in cui si è svolto l’incontro “Gli osservanti a Umbertide”. Il relatore è docente presso l’Istituto Teologico di Assisi e con una grossa esperienza in fatto di Archivi alle spalle. Tiene subito a precisare al folto pubblico presente in sala che il termine Osservanza fa riferimento a tutti gli Ordini Mendicanti e non è legato solo ai francescani, si tratta di un movimento che si sviluppa poco dopo la nascita degli ordini mendicanti stessi con l’intento di ritornare all’osservanza dello spirito delle origini e rispettare pienamente l’intenzione del fondatore.

Per quanto concerne i Frati Minori, i Francescani in particolare, una “doppia anima” nell’ordine si crea quasi immediatamente, tra quelli che ritengono che sia necessario scendere a compromessi con la società per interagire meglio con essa, e quelli che invece ritengono che l’insegnamento originario di San Francesco debba essere seguito alla lettera. Nascono quindi Spirituali e Osservanti. Mentre il primo gruppo tende ad esaurirsi, l’altro invece continua, si fortifica; quelli che ora noi definiamo semplicemente Frati Minori sono i discendenti degli osservanti (quelli della Porziuncola, di Santa Maria degli Angeli, per intenderci, mentre i Conventuali sono quelli di San Francesco d’Assisi).

Qui ad Umbertide abbiamo avuto tutti e due : a San Francesco i Conventuali, a Santa Maria della Pietà gli altri. Ma il Maiarelli dice ancora che i Francescani sono arrivati a Umbertide nel tardo 1200 in San Francesco (e quel convento diventa proprio dei “fratres de comunitate”, osservanti), mentre i francescani arrivano a Santa Maria della Pietà nel 1481. Il movimento osservante, ha ripetuto il docente, si consolida alla fine del ‘300 e nella zona vicino alla Fratta c’erano già insediamenti vicino a Città di Castello e Montone. Per la precisione assistiamo a un primo tentativo attorno al 1430 di insediarsi ad Umbertide, ma non va a buon fine; mentre nel 1481 ci riescono. Poi con l’Unità d’Italia (1861) i frati vengono cacciati da qui perché il convento viene “demaniato” e dopo una parentesi in cui si è avuta la presenza dei Salesiani, nel 1964 i francescani, discendenti degli osservanti sono tornati e da allora reggono la parrocchia, svolgendo il servizio di Cappellanìa presso l’ospedale.  (redatto da Fabrizio Ciocchetti) 



Andrea Maiarelli Assisi Frati Osservanza Umbertide

Articoli correlati

17 Apr 2024

Tutti in Paradiso!

Il cammino di santità dei laici francescani
10 Apr 2024

Corso “Dove sei?” per uomini e donne single dal 24 al 27 MAGGIO 2024

Un percorso triennale sui tre Sacramenti della Iniziazione Cristiana
23 Mar 2024

La Domenica delle Palme di Santa Chiara di Assisi

Abbracciare per amore di Cristo l’Altissima Povertà
13 Mar 2024

DA ASSISI A UR

3° anniversario del viaggio di papa Francesco in Iraq
13 Mar 2024

San Salvatore da Horta (1520-1567)

Quando la santità è scomoda
11 Mar 2024

Missione al popolo dei Frati Minori ad Ercolano

Come Francesco, annunciare oggi il Risorto vicini alla povera gente
17 Apr 2024

Tutti in Paradiso!

Il cammino di santità dei laici francescani