ePrivacy and GPDR Cookie Consent management by TermsFeed Privacy Policy and Consent Generator
Mons. Pizzaballa sulla centenaria presenza francescana in Terra Santa 28 Ott 2017

800 anni di entusiastico servizio

A Gerusalemme, dopo giorni di festa e ospiti da tutto il mondo, si sono chiuse le celebrazioni per gli 800 anni di presenza francescana in Terra Santa. Il terzo e ultimo giorno è stato il 18 ottobre, cominciato con la messa celebrata dal Vicario Generale dell'Ordine dei Frati Minori Fr. Julio César Bunader. «Siamo qui convocati a motivo degli 800 anni di presenza francescana in Terra Santa ed è una bella opportunità che ci dona il Signore per fare memoria della storia del nostro Ordine - ha detto il Vicario Generale nell'omelia - . Lo facciamo con gratitudine a Dio e ai nostri frati per la loro generosità nel corso di otto secoli ad accogliere il mandato missionario del Signore».

La giornata è continuata con una conferenza sugli affreschi giotteschi della Basilica Superiore di San Francesco ad Assisi, la cui copia è esposta nel cortile della Curia Custodiale. Il Prof. Don Lorenzo Cappelletti, della Pontificia Università Antonianum, ha fornito analisi e interpretazioni degli affreschi all'uditorio della Sala dell'Immacolata del Convento di San Salvatore.

Dopo il coffee break, l'archeologo della Custodia Fr. Eugenio Alliata si è lanciato nell'appassionante ricostruzione dell'antico convento francescano sul Monte Sion, situato accanto al Cenacolo. Tra iconografia e archeologia, Padre Alliata ha cercato di raccontare il luogo in cui vissero i francescani per quasi 220 anni, ma che da più di 460 non è più in mano loro. Il Prof. P. Narcyz Klimas, docente SBF-STJ, ha parlato poi dei primi conventi francescani in Medio Oriente, mostrando anche sulla cartina gli antichi luoghi.

Nel pomeriggio i Vespri con il Padre Custode e un concerto di ringraziamento del Magnificat, l'istituto musicale della Custodia, hanno chiuso le celebrazioni. Il Padre Custode, presente a tutti gli appuntamenti, ha ribadito più volte l'importanza di festeggiare otto secoli di presenza: «Quest'anno facciamo memoria di questa storia di missione lunga 800 anni, facciamo memoria di quello che San Francesco ha fatto, inviando qui in Terra Santa i primi frati, guidati da Frate Elia da Cortona».

Anche Mons. Pierbattista Pizzaballa, Amministratore Apostolico Patriarcato Latino di Gerusalemme, ha partecipato alle celebrazioni, assistendo ad alcune conferenze e concelebrando la messa del Cardinal Sandri del 17 ottobre. Gli abbiamo chiesto di parlare della Custodia di Terra Santa in occasione di questo anniversario.

Lei è stato Custode di Terra Santa per dodici anni ed è oggi Amministratore Apostolico del Patriarcato Latino di Gerusalemme. Come ha vissuto questi anni come francescano in Terra Santa?

Sono ormai 28 anni che vivo qui a Gerusalemme, in Terra Santa, da francescano e ora da vescovo. Devo dire che la realtà sociale è cambiata tantissimo, ma ci sono dei punti fermi nella vita della Chiesa: prima di tutto le chiese stesse, la presenza delle chiese stesse che, con tutte le loro difficoltà, continuano la loro vita normale.

Per quanto riguarda i francescani, ho ormai visto il passaggio di diverse generazioni: alcuni li ho accompagnati, altri li ho preparati. Vedo tanto entusiasmo e il desiderio di servire sempre con la stessa passione queste terre.

Qual è il contributo che i frati danno in Terra Santa?

Il loro servizio all’identità di questa Chiesa è importante. L’identità della Chiesa di Gerusalemme è locale e universale allo stesso tempo. È la Chiesa dove tutti i cristiani in quanto tali sono nati. I francescani prestano servizio ai fedeli locali, nelle parrocchie, nelle scuole, nel servizio ai pellegrini, e in tante altre diverse attività. Sono parte dell’identità di questa Chiesa e credo che senza la presenza francescana questa Chiesa sarebbe molto più povera; gran parte delle cose che abbiamo le dobbiamo anche a loro.

Siamo tutti a servizio della Chiesa e siamo dove la Chiesa ci ha posto. E servire la Chiesa a Gerusalemme è sempre una grazia.

Il testo è di Beatrice Guarrera, pubblicato sul sito della Custodia di Terra Santa



Eugenio Alliata Julio César Bunader Lorenzo Cappelletti Narcyz Klimas Pierbattista Pizzaballa Terra Santa

Articoli correlati

01 Feb 2024

Restiamo umani! Grazie di cuore

Ringraziamento da Fra Francesco Piloni per la campagna di raccolta fondi del Natale per la Terra Santa
15 Dic 2023

È il Medio Oriente il vero paralitico

Omelia del Custode di Terra Santa alla Porziuncola
04 Dic 2023

Un Natale con il cuore in mano. La speranza oltre la guerra

Alla Porziuncola inaugurazione dei presepi e delle iniziative di solidarietà
28 Nov 2023

Presepe sotto le stelle alla Porziuncola

Inaugurazione di una grande installazione davanti a Santa Maria degli Angeli
13 Nov 2023

VENGA LA PACE!

Ascoltiamo due autorevoli voci dalla Terra Santa
12 Ott 2023

“Chiedete pace per Gerusalemme”

Giornata di preghiera e digiuno alla Porziuncola
27 Mag 2024

Padre Dario Pili: da Aritzo al cuore dell’uomo col Vangelo e lo spirito di San Francesco

Convegno in ricordo di padre Dario Pili Sabato 1 giugno 2024 - Aritzo



  • 01 Mag 2024

    Un tuffo nella bellezza…INSIEME!

    Alcuni frati del Convento Porziuncola, si sono recati alla Galleria Nazionale dell’Umbria per ammirare la mostra “L’Enigma del Maestro di San Francesco. Lo stil novo del Duecento Umbro”.