ePrivacy and GPDR Cookie Consent management by TermsFeed Privacy Policy and Consent Generator
I serata del Triduo in preparazione al Perdono di Assisi 30 Lug 2023

Accogliere il dono della fede ci rende responsabili dei nostri fratelli

Sua Beatitudine mons. Pierbattista Pizzaballa, Patriarca Latino di Gerusalemme ha presieduto ieri sera il primo momento di preghiera del Triduo in preparazione alla solennità del Perdono di Assisi in Porziuncola. Il filo conduttore delle sue meditazioni in queste 3 sere verterà sulle domande: “Come è diventato un uomo di preghiera e di misericordia Francesco d’Assisi? Come è guarito da quella malattia, tanto diffusa ai suoi tempi ma anche ai nostri, che porta a vivere solo per sé stessi?”. Per rispondere a queste domande, mons. Pizzaballa ha scelto di farsi guidare dalle 3 icone bibliche dei patriarchi Abramo, Isacco e Giacobbe e di affiancarli a tre esperienze che hanno trasformato il cuore di san Francesco.

Nella prima meditazione, l’attenzione si è allora concentrata su Abramo, la cui vita è stata una vita di preghiera perché tutta spesa per stare di fronte al Signore. In particolare, nell’episodio dell’intercessione a favore delle città di Sodoma e Gomorra, è interessante notare che non è sufficiente la preghiera di Abramo, ma serve anche la presenza di 10 giusti. Ciò che salva una situazione è la presenza di un piccolo resto, luogo benedetto dalla presenza di Dio, una comunità che sappia stare di fronte alla presenza del Signore. Il segno di una vita che è stata toccata dalla misericordia è proprio la capacità di tenere insieme, di creare unità.

Anche Francesco d’Assisi si sente responsabile, come Abramo, verso chiunque perché nessuno sprechi la grazia di Dio. Leggendo infatti il capitolo 23 della Regola non Bollato possiamo notare come il Poverello includa ogni categoria di persone. Ci sono tutte le persone che formavano la società del tempo, nessuna esclusa, perché, in fondo, pur nelle differenze che non sono annullate, c’è qualcosa che accomuna tutti ovvero che tutti siamo ugualmente salvati e che solo se perseveriamo nella fede, cioè se accogliamo questa salvezza, che è gratuita e per tutti, diventiamo veramente persone. Accogliere il dono della fede allora ci rende responsabili dei nostri fratelli. Il desiderio che nasce dall’esperienza dell’incontro con il Signore ci spinge sempre fuori verso l’incontro con l’altro.



Perdono Perdono di Assisi Pierbattista Pizzaballa Porziuncola Terra Santa Triduo

Articoli correlati

24 Mag 2024

Solennità del Corpus Domini alla Porziuncola

Il Programma 2024 delle Celebrazioni liturgiche in Basilica
20 Mag 2024

Tra fede e bellezza, torna la Notte dei Santuari

Un'iniziativa promossa dal Collegamento nazionale dei Santuari italiani insieme all’Ufficio nazionale per la Pastorale del tempo libero, turismo e sport della Cei
17 Mag 2024

In cammino verso il Ben-Essere

A Umbertide, la seconda edizione della manifestazione: Sto coi frati e zappo l’orto. In cammino verso il Ben-Essere
10 Mag 2024

Un Giubileo tutto sulla Speranza

Papa Francesco emana la Bolla di indizione del Giubileo del 2025 Spes non confundit, la speranza non confonde
07 Mag 2024

OFS d’Italia: eletto il nuovo Consiglio nazionale. Luca Piras riconfermato presidente

Ad Assisi, il 4 Maggio, l’Ordine Francescano Secolare d’Italia ha eletto il suo nuovo Consiglio nazionale: a guidare la fraternità dei laici francescani saranno Luca Piras
03 Mag 2024

L’esperienza del Francescout

Sulle orme del Poverello di Assisi, alla sequela di Cristo, cercando di conoscere il segreto della sua gioia
24 Mag 2024

Solennità del Corpus Domini alla Porziuncola

Il Programma 2024 delle Celebrazioni liturgiche in Basilica