lunedì, 16 maggio 2022
LUNEDÌ della V sett. di Pasqua S.MARGHERITA DA CORTONA, penitente III O. - MEMORIA (bianco)
Eletto nuovo Consiglio permanente e Messaggio finale 28 Ott 2017

Assemblea UFME: Ero straniero e mi avete accolto

Al termine della XIII Assemblea generale UFME (Unione dei Frati Minori d’Europa), tenutasi a Barcellona dal 22 fino ad oggi, 28 ottobre 2017, comunichiamo l’elezione del nuovo Consiglio permanente:

Presidente: Fr. Marciniak Bernard

Vice Presidente: Fr. Michel Laloux

Segretario Generale: Fr. Paolo Maiello

Vice Segretario Generale:
Fr. Miguel de la Mata Merayo

Consiglieri Ufme:
Fr. Claudio Durighetto
Fr. Miljenko Steko
Fr. Juan Maria M. de Ilarduya
Fr. Richard S. Grech

 

Segue il Messaggio finale “Ero straniero e mi avete accolto” (Mt 25,35) sul “fenomeno della migrazione e dei rifugiati oggi in Europa” redatto dai Ministri e Custodi dei Frati Minori d’Europa 

Carissimi fratelli delle diverse Entità dei Frati Minori d’Europa, Sorelle Clarisse e fratelli e sorelle dell’Ordine Francescano Secolare e della Gifra d’Europa, amici e simpatizzanti della Famiglia francescana d’Europa,

il Signore vi dia Pace!

Noi, Ministri Provinciali e Custodi dei Frati Minori d’Europa, ci siamo riuniti a Barcellona nei giorni 22-28 ottobre 2017, per riflettere sul fenomeno delle migrazioni e dei rifugiati oggi nel nostro Continente. Obiettivo del nostro convenire è stato quello di comprendere più profondamente le radici e le espressioni di questo fenomeno e considerare fraternamente le risposte più adeguate e appropriate da parte di noi, figli di san Francesco, il quale ha vissuto nel suo tempo sia la grazia dell’incontro con i fratelli colpiti dai mali fisici e spirituali, come i lebbrosi, sia la gioia della povertà rimanendo per sempre uno come loro e accanto a loro.

Pur essendo presenti in uno dei luoghi colpiti recentemente dai tragici episodi del terrorismo violento, come altre città d’Europa, e ben consapevoli delle ferite ingiuste inferte a fratelli innocenti e indifesi, sentiamo che la reazione di sdegno, di offesa e di ribellione, di chiusura e di repulsione non può essere sufficiente e adeguata ad arginare un tanto complesso fenomeno che ci interpella e che impone a noi, discepoli del Signore e figli di san Francesco, una reazione appropriata. Così, mentre condanniamo ogni forma di violenza, di sopraffazione e di ingiustizia che offende l’immagine di Dio impressa in ogni creatura, professiamo che la vera fede non tollera nessuna azione di male e offesa alla dignità dell’uomo. Sentiamo, anzi, che proprio la distorsione e la mancanza della fede sono alla base di atti di terrorismo e di perdita della coscienza nel rispetto della dignità e dei diritti di ogni persona. Vogliamo essere costruttori di ponti, di dialogo e di amicizia tra i popoli, e chiediamo a tutti i governanti, nel nome di Dio e del nostro Padre San Francesco, di avere timore del Signore (cfr. Lettera ai reggitori dei popoli) e di aprirsi con determinazione e fiducia alla visione integrale e salutare dell’uomo e della vera fede.

Vogliamo vivere questo tempo di prova, con gli eventi delle migrazioni, della povertà e della miseria di tanti uomini e donne, soprattutto giovani e bambini - che stanno accadendo sotto i nostri occhi in ogni parte d’Europa e non solo - non come spettatori passivi e inerti, ma da testimoni, sostenitori e costruttori di dialogo e di compassione, da messaggeri del Vangelo. Ci sentiamo compagni di viaggio di questi nostri fratelli e sorelle in necessità, siano essi cittadini europei, emigrati o rifugiati, forzati o non, che chiedono a ciascuno di noi una risposta alle loro necessità, alle violenze subite, alle paure latenti o manifeste, alle sofferenze spesso lunghe e profonde che si portano addosso.

Non vogliamo, inoltre, che siano semplicemente i poveri ad interpellarci per accoglierli, ma essere noi stessi, come il samaritano (cfr. Lc 10, 30-37), desiderosi di farci vicini ai nostri fratelli che giacciono nella prova, e non come il ricco anonimo del Vangelo che si accorse del povero solo quando era troppo tardi (cfr. Lc 16,19-31), memori che, come ci insegnano alcuni episodi significativi della vita di san Francesco, non dobbiamo convertire soltanto il lupo o i ladroni, ma cambiare il nostro cuore e trovare vie evangeliche di dialogo, di coinvolgimento, di comunione e di amore.

Fratelli tra di noi e di ogni creatura e Minori, che amano stare con i piccoli e i poveri di questo mondo, che per la nostra professione di vita (Rb VI) “non ci appropriamo di nulla, né casa, né luogo, né alcuna altra cosa; e come pellegrini e forestieri (1 Pt 2,11) in questo mondo, servendo al Signore in povertà ed umiltà”, siamo noi pure senza fissa dimora, pellegrini e ospiti nelle nostre case e nelle nostre attività, viandanti nella storia, compagni di viaggio di tutti coloro che sono poveri e umili di cuore.

Siamo chiamati ad essere vicini a tutti coloro che come il lebbroso sono stati posti dal Signore nel cammino della nostra conversione e della scoperta della vocazione (cfr. Testamento di S. Francesco 1-3).

Continueremo a mettere a disposizione strutture e opportunità di accoglienza, che abbiamo condiviso con soddisfazione e fiducia, ma soprattutto desideriamo proseguire il cammino mettendo a disposizione il nostro cuore, la nostra vita, la nostra voce, la nostra cultura, la nostra fede e spiritualità.

Andiamo ancora incontro a tutti i fratelli, varcando le frontiere e abbattendo le barriere di ogni genere, “mantenendo ferma la professione della nostra fede” (Eb 4,14), come il tesoro più grande che possiamo offrire a tutti i nostri fratelli, vicini e lontani. Ascoltiamo e cerchiamo di comprendere il grido della prova, della sofferenza, della povertà e della solitudine, che si nasconde spesso sia dietro la violenza e la paura di chi fugge verso paradisi sognati e illusori, sia nella disperazione di chi scappa da inferni sperimentati e lungamente vissuti, e questo tanto nel cuore di uomini e donne d’Europa, quanto in coloro che giungono da altre parti del mondo.

Abbiamo la fiducia e la speranza che al di sopra e al di là di tutti gli episodi di male, presenti anche nel nostro mondo europeo, regna il Padre Creatore che ha fatto l’uomo a sua immagine e somiglianza e il Signore Crocifisso e risorto che ha vinto il male con il suo amore e la sua compassione.

Noi desideriamo continuare a testimoniarlo e ad annunciarlo.



Accoglienza Assemblea Barcellona Claudio Durighetto Marciniak Bernard Messaggio Michel Laloux Migranti Paolo Maiello Rifugiati Stranieri UFME

Articoli correlati

13 Apr 2022

p. Massimo Fusarelli al pellegrinaggio interreligioso di solidarietà per il popolo ucraino

Papa Francesco si unisce ai leader religiosi invocando la pace
31 Mar 2022

Vivi un’esperienza di fede e di fraternità

Riparte a pieno regime il servizio dei Volontari della Porziuncola
22 Feb 2022

Quando venne la pienezza del tempo

Messaggio dei Vescovi italiani per la Quaresima 2022
28 Gen 2022

La Spineta, uno dei più antichi romitori francescani

Secondo la tradizione, fu fondato da san Francesco d’Assisi
25 Gen 2022

Ascoltare con l’orecchio del cuore

Messaggio del Santo Padre per la LVI Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali
12 Gen 2022

Servire il Signore quale “piccolo resto” fedele

Assemblea della Custodia dei Frati Minori di Sardegna
02 Mag 2022

Confidare, affidare, consegnare: il percorso interiore di Armida Barelli

Celebrazione Eucaristica di ringraziamento per la sua beatificazione presieduta da mons. Sigismondi in Porziuncola