NATIVITÀ DI S. GIOVANNI BATTISTA SOLENNITÀ (bianco)
lunedì, 24 giugno 2019
Visita stamane in Porziuncola degli Ambasciatori d’Egitto in Italia e presso la Santa Sede 23 Mar 2019

“Assisi terreno su cui costruire un dialogo di pace e fratellanza universale”

“Assisi è il luogo da cui ripartire per costruire un dialogo di pace e fratellanza universale tra tutti i popoli”. Questo il messaggio dell’Ambasciatore d’Egitto in Italia S.E. Hisham Badr in visita stamane in Porziuncola.

Accompagnato da S.E. Mahmoud S. Samy, Ambasciatore d’Egitto presso la Santa Sede, la piccola delegazione – guidata da don Antonio Dell’Olio presidente della commissione “Spirito di Assisi” e Marina Zola presidente della Commissione diocesana per l’ecumenismo – è stata accolta e guidata in Porziuncola da p. Claudio Durighetto, Ministro Provinciale dei Frati Minori dell’Umbria e dal Custode della Porziuncola, p. Giuseppe Renda.

Questa visita si colloca all’interno dell’ottavo Centenario dell’Incontro tra Francesco d’Assisi e il Sultano d’Egitto Al-Malik Al-Kamel – “vero seme gettato nel terreno del dialogo interreligioso” – e a poche settimane dalla storica firma, ad Abu Dabhi, di Papa Francesco assieme al Grande Imam di Al-Azhar, Ahmad Al-Tayyeb del documento sulla Fratellanza umana per la pace mondiale e la convivenza comune.

Come ha tenuto a ricordare l’Ambasciatore d’Egitto presso la Santa Sede, questa visita è anche in continuità con quella, a Damietta del Card. Leonardo Sandri, Prefetto della Congregazione per le Chiese Orientali.

Proprio la continuità con questi ultimi importanti avvenimenti è stata ribadita dall’Ambasciatore d’Egitto affermando che il documento di Abu Dabhi “è solo il punto di partenza, adesso tocca a noi fare nascere qualcosa di stabile e duraturo perché il messaggio di pace tra i popoli sia recepito da tutti”.

Presente all’incontro anche il Sindaco di Assisi, Stefani Proietti che a margine ha dichiarato: “la città di Assisi vuole essere il luogo dell’incontro e del dialogo, insieme e di supporto con le Famiglie francescane. Occorrono – ha continuato – gesti concreti che costruiscano il dialogo e la pace tra i popoli”.

La piccola delegazione è stata accolta nella Curia provinciale, dove in un clima di grande cordialità, allietato anche da alcuni canti di fr. Alessandro Brustenghi, è avvenuto uno scambio di doni.



Claudio Durighetto Dialogo Giuseppe Renda Malik al-Kamil San Francesco Stefania Proietti Sultano

Articoli correlati

24 Giu 2019

Agostino e la speranza cristiana nel commento ai Salmi ascensionali

Alla Domus Pacis di Assisi, presentazione del libro di p. Graziano Malgeri
21 Giu 2019

Come santo Francesco fece una quaresima in un’isola del lago di Perugia

Alla scuola dei Fioretti di San Francesco
07 Giu 2019

Grate a Dio e a voi, carissimi frati!

Un lieto pomeriggio al monastero perugino delle Clarisse di S. Erminio
31 Mag 2019

È tempo di…dialogo!

I frati Under Ten della Provincia dei Frati Minori dell’Umbria in Assemblea in vista di Taizé 2019
Leggi altre notizie dallo speciale

24 Giu 2019

Agostino e la speranza cristiana nel commento ai Salmi ascensionali

Il testo approfondisce un autore molto noto nel panorama teologico di sempre, eppure ancora così poco esplorato mentre “fa teologia” quando “predica” al popolo, assolvendo, così, al suo ministero di presbitero, prima, di vescovo, poi, cui tutto il resto, a partire dal 391, Agostino ha subordinato.