VENERDÌ della I sett. di Avvento S. NICOLA, vescovo – MEMORIA (bianco)
venerdì, 06 dicembre 2019
Giornata Regionale della Vita consacrata 2019 a Collevalenza 25 Mag 2019

Collaboratori della vostra gioia

Trovarsi insieme, Religiosi e Religiose dell’Umbria per ringraziare Dio per il dono della vocazione, ma anche per riflettere sulla propria identità e il proprio ruolo nel mondo. È questo il senso della tradizionale Giornata Regionale della Vita Consacrata che si è tenuta oggi al Santuario della beata Madre speranza di Collevalenza.

La Giornata ha visto la presenza tra gli altri, di S.E. Domenico Cancian fam, vescovo di Città di Castello e delegato CEU per la Vita consacrata e di S.E. Renato Boccardo, vescovo di Spoleto-Norcia. Oltre a loro erano presenti anche p. Claudio Durighetto e p. Matteo Siro, rispettivamente Ministro provinciale dei frati minori dell’Umbria e dei frati minori Cappuccini.

La Giornata ha avuto il suo apice nella Celebrazione eucaristica presieduta da mons. Boccardo il quale, nella sua omelia, ha ricordato che – come Paolo che ha sentito la voce di un Macedone che lo chiamava ad andare da lui a portargli la Parola – c’è un “urlo” che attraversa il tempo e che continua a chiamarci, ad andare a portare la Parola di Dio, ad essere testimoni fino agli estremi confini della terra.

L’invito ad essere testimoni autentici, credibili, capaci di suscitare, nelle persone che ci incontrano, una domanda o – come ricorda il Vangelo – anche a subire una persecuzione che, ha detto il vescovo, è segno proprio del fatto che la nostra presenza lascia il segno.

La mattinata si era aperta con la Riflessione di mons. Cancian che, prendendo spunto dall’espressione paolina in 2Cor 1,24 che ha dato il titolo alla Giornata, “Collaboratori della vostra gioia”, ha parlato della necessità di riscoprire la gioia di vivere e testimoniare il Vangelo e di portare Gesù, perla preziosa, a tutti.

Per fare ciò, ha ricordato, occorre che “noi per primi”, ovvero i consacrati, scaviamo in profondità alla ricerca del bene prezioso; la perla infatti “è sotto terra, nascosta sotto altre cose”. In superfice – ha continuato mons. Cancian – “ci sono altri beni, secondari e che rischiano di abbagliarci”.

Lo stile col quale si cammina e si testimonia Cristo, è la sinodalità, ovvero mettendo – come ci insegnano i fondatori – i carismi religiosi al servizio della Chiesa particolare. I santi, nella chiesa, ci insegnano che “la comunione ecclesiale è una fonte alla quale attingere in continuazione, per sfuggire alla spinta centrifuga che in tanti modi ci vuole spingere fuori”.



Claudio Durighetto Domenico Cancian Gioia Giornata Matteo Siro Renato Boccardo Testimonianza Vita Consacrata

Articoli correlati

25 Nov 2019

Solennità Immacolata: Beata Colei che ha creduto alla Parola del Signore

Programma delle Celebrazioni in Porziuncola tra spiritualità, arte e musica
18 Nov 2019

Da Francesco d’Assisi a Papa Francesco: un’altra economia è possibile?

Seminario organizzato da OFM e OFS alla Domus Pacis
16 Nov 2019

Il Cantico dell'Economia: Francesco, ricchezza e povertà

Inaugurazione dell'anno accademico all'Istituto Teologico di Assisi
11 Nov 2019

Sorella economia

Da Francesco d’Assisi a Papa Francesco: un’altra economia è possibile?
24 Ott 2019

Un canto che entra nel cuore come una preghiera, un palpito d’amore verso Dio

Omelia di p. Claudio Durighetto in occasione della Rassegna Internazionale di Musica Sacra Francescana “Assisi Pax Mundi”
23 Ott 2019

Fiducioso tra le braccia del Padre

In Porziuncola, funerali di p. Antonio Rougeris
26 Nov 2019

Assisi: Pastorale della salute oltre gli ospedali

Invecchiamento, solitudine, emarginazione: le nuove «povertà sanitarie» chiedono risposte personali sul territorio. E fedeltà ai carismi