ePrivacy and GPDR Cookie Consent management by TermsFeed Privacy Policy and Consent Generator
Confronto dei frati capitolari su OFS e Gi.Fra. 24 Giu 2017

Conoscenza, assistenza e collaborazione

La sesta giornata di Capitolo è stata introdotta dalla preghiera mattutina dell’Ufficio delle Letture e delle Lodi. Non è stata celebrata l’eucaristia perché prevista una pausa al Capitolo, nel pomeriggio, per permettere a tutti i capitolari di recarsi a Santa Maria degli Angeli, dove alle 16.30 cinque confratelli della Provincia saranno ordinati presbiteri: la celebrazione potrà essere seguita in diretta tramite la WebTV della Porziuncola.

Sono proseguiti, intanto, i lavori del Capitolo, centrati in questo giorno sui fratelli terziari francescani dell’Ordine Francescano Secolare e della Gioventù Francescana. P. Claudio Durighetto, Ministro provinciale, ha introdotto l’argomento dichiarando la finalità, non solo di parlare di conoscenza e di assistenza, ma anche e soprattutto di collaborazione, secondo le linee guida del Vaticano II. Sottolineando ulteriormente come la collaborazione sia non solo “cosa buona” ma proprio necessaria, perché la pienezza del carisma francescano non è nel Primo Ordine, ma nell’insieme dei Tre Ordini.

Il primo degli invitati ad intervenire in Capitolo su questo tema è stato p. Marco Asselle, Assistente regionale dell’OFS Umbria. P. Marco, presentando brevemente un elenco dei documenti principali utili per conoscere la realtà e il cammino dei terziari francescani, ha delineato alcuni tratti principali delle Fraternità OFS e Gi.Fra., e insieme il ruolo dell’Assistente, i suoi compiti di consigliere e guida, il ruolo della Conferenza degli Assistenti regionali. P. Marco, ribadendo numerosi e positivi apporti alla società da parte di importanti personalità appartenenti all’Ordine Francescano Secolare, ha concluso sulla necessità, per la sussistenza e la fecondità nella vocazione francescana, di un OFM forte insieme ad un Terz’Ordine altrettanto forte.

Ha preso, quindi, la parola Ivana Stella, Ministra OFS dell’Umbria per esprimere sincera gratitudine, sia per la possibilità di parlare ai Frati minori dell’Umbria riuniti in Capitolo, sia per l’accoglienza personalmente sperimentata da parte dei Frati nella Fraternità di Farneto, alla quale appartiene insieme al Vice Ministro regionale, Luciano Liotta, con lei presente in Sala. La Ministra ha descritto l’attuale Fraternità regionale composta da 33 Fraternità locali, alcune delle quali – Monteripido, Farneto, Santa Maria degli Angeli e Terni – con più di 50 fratelli.

Un altro importante contributo dell’intervento di Ivana Stella è stato la proposta di alcuni suggerimenti per favorire, a vari livelli, la collaborazione: a livello fraterno (con la vicinanza, l’amicizia, la conoscenza e il sostegno reciproco nel cammino di fede e nella testimonianza di vita), con la testimonianza reciproca (la santità personale che si fa dono e stimolo reciproco ai fratelli e alle sorelle) e con la pastorale (collaborando, ciascuno secondo i propri doni, nell’attività di evangelizzazione, sia in parrocchia, sia nelle missioni). Ma anche la possibilità di prendere parte alle missioni ad gentes o alle missioni al popolo, meglio se negli stessi territori in cui operano le Fraternità OFS e Gi.Fra., e infine a livello sociale.

Dopo aver indicato gli ambiti nei quali i due Ordini possono lavorare insieme, la Ministra ha ricordato come negli ultimi anni siano stati preparati, con la collaborazione di laici e religiosi, dei sussidi – disponibili sul sito OFS – utili a chi voglia intraprendere il cammino nell’Ordine o di assistenza alle sue Fraternità.

L’ultimo tempo di ascolto è stato riservato a Maria Schiaroli, Presidente Gi.Fra. regionale, appartenente alla fraternità di Amelia. Anche lei ha voluto esprimere gratitudine per la possibilità di intervenire in Capitolo, cosa che da la misura dell’interesse dei Frati per la Gioventù Francescana. Maria ha presentato, a grandi linee, il cammino Gi.Fra. e alcune peculiarità di questa Fraternità e dell’Assistente: “lui stesso parte della Fraternità ma senza definirla, chiamato a conoscerla e ad ascoltarla per aiutarla a sentirsi fraternità e a non sedersi ma, donando uno spunto in più, ad alzare il tiro”. La Presidente Gi.Fra. ha concluso il suo appassionato intervento ringraziando il Signore per i Frati e per il loro servizio di testimonianza e di accompagnamento: molti giovani Gi.Fra., infatti, scelgono di avere un padre spirituale!

Conclusi questi interventi, qui sinteticamente riportati, c’è stato un tempo dedicato alla domande rivolte a Ivana e a Maria da parte dei frati capitolari. Il resto della mattinata è stato impiegato per un confronto interno ancora su questo tema e su altri temi che stanno emergendo in questi giorni di Capitolo.

Il pomeriggio, come detto prima, il Capitolo è stato sospeso per permettere ai frati di recarsi a Santa Maria degli Angeli, per poi riprendere, con la preghiera del Vespro, domenica sera.



Assistenza Claudio Durighetto Collaborazione Conoscenza GiFra Ivana Stella Marco Asselle Maria Schiaroli OFS

Articoli correlati

17 Apr 2024

Tutti in Paradiso!

Il cammino di santità dei laici francescani
01 Mar 2024

Alla scuola di san Francesco per migliorare il clima relazionale sul lavoro

Leadership Francescana Camp: La gestione dei conflitti
23 Gen 2024

Il carisma francescano a Fratta dal Medioevo a oggi

Sei appuntamenti dedicati alla figura di San Francesco di Assisi
20 Mar 2023

Attratti dalla vita luminosa di un autentico frate minore

Solennità di San Salvatore da Horta nella Custodia di Sardegna
07 Gen 2023

Inaugurazione solenne dei Centenari francescani

Sabato 7 gennaio alle 17 a Greccio con i Ministri Generali delle Famiglie francescane
01 Giu 2022

I Frati Minori di Umbria-Sardegna soci sostenitori della Fondazione “Umbria contro l’usura”

“Contributo - ha sottolineato fr. Marco Asselle - anche economico ma soprattutto spirituale e umano”
Leggi altre notizie dallo speciale

18 Apr 2024

Assisi: un gol da 1 milione e mezzo di euro per il campanile!

Vanno eseguiti alcuni improcrastinabili lavori al campanile della Basilica degli Angeli. “Mettiamo in sicurezza un simbolo dell’Italia”, afferma il Commissario straordinario, Guido Castelli



  • 11 Apr 2024

    Pregò e disse: Ave Maria

    Presentazione a Stroncone di quella che si ritiene essere, al momento, la più antica versione dell'Ave Maria: risale al Trecento