mercoledì, 06 luglio 2022
Seconda meditazione di don Giuseppe Pulcinelli nel Triduo di San Giuseppe 18 Mar 2021

Credere nella speranza contro ogni speranza

Nella seconda meditazione del Triduo in preparazione alla solennità di san Giuseppe (guarda qui la I meditazione), don Giuseppe Pulcinelli ha preso spunto dalla figura di Abramo, ponendo a confronto il patriarca con san Giuseppe. Se il primo è stato chiamato a mettersi in cammino senza sapere dove era diretto, anche a questi è richiesta un’adesione basata sulla fede alla volontà di Dio.

Giuseppe è, infatti, chiamato ad essere capo e custode della famiglia del Messia. Egli doveva essere testimone dell’origine divina di Gesù con il concepimento straordinario e la sua nascita verginale da Maria. Questo aspetto è evidenziato, in particolare, dalla stirpe davidica di Giuseppe, che rende il Figlio, “figlio di Davide”. L’altro titolo con cui Gesù viene chiamato è “figlio di Abramo”. Qui la prospettiva salvifica si allarga agli altri popoli che mediante la fede diventano partecipi della benedizione del grande patriarca.

E’, infatti, proprio, la fede ciò che accomuna maggiormente Abramo e Giuseppe. Davanti alla gravidanza di Maria, Giuseppe vorrebbe uscire da questa storia scomoda e sicuramente molto dolorosa. Invece, ascoltando l’angelo che gli parla in sogno, capisce che la proposta di rimanere al fianco della sua promessa sposa non può venire che da Dio, perché non è tra quelle a cui stava pensando e perché è accompagnata da una profonda pace altrimenti inspiegabile.

Questo atto rende Giuseppe giusto perché aperto alla volontà di Dio anche quando questa supera la normale immaginazione e spinge verso un salto coraggioso da fare proprio nella fede. Egli, giusto per fede come Abramo, ha creduto nella speranza contro ogni speranza. Anche Papa Francesco ha messo in risalto questo aspetto nella sua Lettera Apostolica Patris Corde: “Giuseppe accoglie Maria senza mettere condizioni preventive. Si fida delle parole dell’Angelo. «La nobiltà del suo cuore gli fa subordinare alla carità quanto ha imparato per legge; e oggi, in questo mondo nel quale la violenza psicologica, verbale e fisica sulla donna è evidente, Giuseppe si presenta come figura di uomo rispettoso, delicato che, pur non possedendo tutte le informazioni, si decide per la reputazione, la dignità e la vita di Maria. E nel suo dubbio su come agire nel modo migliore, Dio lo ha aiutato a scegliere illuminando il suo giudizio». Tante volte, nella nostra vita, accadono avvenimenti di cui non comprendiamo il significato. La nostra prima reazione è spesso di delusione e ribellione. Giuseppe lascia da parte i suoi ragionamenti per fare spazio a ciò che accade e, per quanto possa apparire ai suoi occhi misterioso, egli lo accoglie, se ne assume la responsabilità e si riconcilia con la propria storia. Se non ci riconciliamo con la nostra storia, non riusciremo nemmeno a fare un passo successivo, perché rimarremo sempre in ostaggio delle nostre aspettative e delle conseguenti delusioni”.



Anno di san Giuseppe Catechesi Porziuncola Quaresima San Giuseppe Triduo

Articoli correlati

27 Giu 2022

Sacerdozio: dono e mistero

Ordinazioni presbiterali in Porziuncola
24 Giu 2022

“A San Pietroburgo come testimoni del Vangelo”

Le parole di fr. Iuri, parroco del Sacratissimo Cuore di Gesù
22 Giu 2022

La Santa Settimana in Ucraina: quando Dio ti dà un appuntamento!

Testimonianza di fr. Francesco Piloni
17 Giu 2022

Celebrazione del Corpus Domini in Porziuncola

Programma delle s.Messe
13 Giu 2022

“San Francesco ci ha cambiato la vita”

X anniversario della nascita al cielo della serva di Dio Chiara Corbella Petrillo
09 Giu 2022

Festa di s.Antonio di Padova a Terni

Con il vescovo S.E. mons. Francesco Antonio Soddu
08 Giu 2022

«Non riesco a diventare mamma. Lo chiedo a Chiara su Facebook»

Ecco le richieste, anche via web, per la serva di Dio Corbella Petrillo, a 10 anni dalla morte